Passa ai contenuti principali

Cosa l'Europa può apprendere dagli Stati Uniti sulla lotta al razzismo

Mentre l'Europa cerca di riavviare le relazioni transatlantiche con gli Stati Uniti, una sfida comune urgente dovrebbe essere - ma non è - nella lunga lista di priorità: affrontare il razzismo, scrive Shada Islam (commentatrice di Bruxelles sugli affari dell'UE. Dirige il progetto New Horizons, una società di strategia, analisi e consulenza). Gli argomenti morali per affrontare il razzismo sono sempre stati solidi; la volontà politica e il senso di urgenza troppo spesso mancano. Eppure gli eventi dello scorso anno - una pandemia globale e un movimento internazionale per la giustizia razziale - hanno reso chiaro che il compito di affrontare la disuguaglianza non può più essere lasciato irrisolto. Il coronavirus, lungi dall'essere un equalizzatore, ha peggiorato la discriminazione e le disuguaglianze in tutto il mondo. Le disparità di reddito, l'accesso all'assistenza sanitaria e il "razzismo medico" incorporato hanno causato un numero sproporzionato di decessi correlati a virus tra le persone di colore - molte delle quali svolgono lavori essenziali ad alto rischio - sia negli Stati Uniti che in Europa. Queste stesse comunità svantaggiate stanno anche affrontando l'urto del rallentamento economico, e la verità è che non ci può essere una ripresa economica duratura senza la loro partecipazione. Questo è il motivo per cui qualsiasi conversazione sulla sconfitta della pandemia e sul riavvio dell'economia globale sarà incompleta - e inefficace - senza uno sguardo ravvicinato all'impatto del razzismo sulle nostre società. Di recente, sia Washington che Bruxelles hanno compiuto passi nella giusta direzione. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è il primo presidente degli Stati Uniti a richiamare la supremazia bianca nel suo discorso inaugurale, in cui ha anche denunciato "la puntura del razzismo sistemico". E a giugno, spronato dalle proteste di Black Lives Matter, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha promesso di costruire un'Europa "più equa, più umana, più giusta" e ha adottato un ambizioso piano d'azione dell'UE per combattere la discriminazione. Queste parole devono essere sostenute da un'azione concreta e dal dialogo e dalla cooperazione transatlantici. In superficie, il problema potrebbe sembrare più grave negli Stati Uniti, dove l'attacco al Campidoglio all'inizio di gennaio ha fornito un ammonimento sul costo politico del consentire ai sentimenti di estrema destra e nativisti di peggiorare. Ma quando si tratta di affrontare il razzismo, il nuovo presidente degli Stati Uniti è già molto meglio posizionato rispetto ai suoi omologhi europei. Scegliendo Kamala Harris - la prima donna nera a ricoprire il ruolo di vicepresidente - e il governo più diversificato nella storia degli Stati Uniti, Biden si è circondato di persone che lo aiuteranno a spingere avanti l'azione anti-razzista. Tali sforzi includeranno anche un forte contributo da importanti gruppi e difensori dei diritti civili. L'UE, nel frattempo, è frenata nella sua lotta contro il razzismo dalla mancanza di diversità razziale nelle sue stesse file. Anche le sue organizzazioni antirazziste mancano del tipo di influenza o capacità delle loro controparti statunitensi. A dire il vero, l'UE ha compiuto alcuni progressi in tal senso, con passi significativi per diversificare il proprio personale a livello istituzionale. La Commissione europea ha istituito un ufficio per la diversità e l'inclusione nella sua direzione delle risorse umane, ad esempio, per attuare le promesse di una maggiore diversità razziale ed etnica nelle istituzioni dell'UE. Sta lanciando un'indagine volontaria e anonima sul personale che, per la prima volta, raccoglierà dati sulla composizione etnica dei funzionari della Commissione, evidenziando così le lacune nella rappresentanza. Le istituzioni si sono inoltre impegnate a condurre corsi di formazione sui pregiudizi inconsci per garantire procedure di selezione più inclusive. Il 21 marzo è previsto un vertice online contro il razzismo, seguito da un evento di persona più grande il prossimo anno, forse sotto la presidenza francese dell'UE. Ma i recenti eventi in Europa hanno messo in luce quanto lavoro c'è da fare e con quanta urgenza l'UE ha bisogno di trasformare le sue promesse contro il razzismo in azioni concrete. Nei Paesi Bassi, uno scandalo sui benefici per la salute che ha coinvolto la profilazione razziale ha portato alle dimissioni del primo ministro Mark Rutte. Ai confini dell'UE, le forze di pattuglia di frontiera del blocco sono state sottoposte a nuove pressioni per le accuse di violenti respingimenti contro i migranti dall'Africa e altrove. A Bruxelles, la morte di Ibrahima Barrie, un giovane uomo di colore morto durante la detenzione della polizia, e le violente proteste che ne sono seguite hanno offerto un'ulteriore prova che il razzismo incorporato in molte forze di polizia europee richiede un'attenzione immediata. C'è molto spazio per il progresso. A marzo, l'UE è pronta a rivedere la sua direttiva sull'uguaglianza razziale, che ha ormai più di 20 anni, per discutere i modi per rafforzare i piani d'azione nazionali contro il razzismo, aumentare il potere degli organismi nazionali per la parità e consentire procedure di infrazione contro i paesi accusati di implementazione irregolare. Sono in corso anche gli sforzi necessari per garantire una polizia equa, prevenire la profilazione razziale illegale e fornire formazione su etica e diritti umani alle forze dell'ordine. La lotta dell'Europa per eliminare anni di razzismo, pregiudizi inconsci e pratiche discriminatorie sarà lunga. L'impegno contro il razzismo è suddiviso tra diversi commissari e, in ultima analisi, spetterà ai governi nazionali attuare qualsiasi politica venga messa in atto. Questo è tanto di più motivo per utilizzare la rinnovata energia portata dall'inaugurazione di Biden negli Stati Uniti per lavorare di concerto per sradicare un problema comune. Un dialogo transatlantico sulla razza, con un'attenzione particolare al modo in cui le disuguaglianze influiscono sulla salute pubblica e sull'economia, può aiutare a portare la questione all'attenzione globale. Il G20, con i suoi diversi membri, è il luogo ideale per diventare globali. Si potrebbe anche iniziare alla riunione del G7 di giugno a Carbis Bay. Affrontare il razzismo e la disuguaglianza è sempre stato un lavoro urgente. Mentre la pandemia infuria e le economie in tutto il mondo continuano a essere colpite, non è mai stato così.

Compra il libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'

Teoria Critica della Razza Critical Race Theory cos'è spiegazione

In un evento della campagna a Jacksonville il mese scorso, Donald Trump ha condannato la " Critical Race Theory ", arrivando al punto di definirla un cancro, un cancro che la sua amministrazione stava lavorando per rimuovere rapidamente ed efficacemente. Quindi l'amministrazione ha rilasciato un promemoria che ordinava alle agenzie federali di identificare tutti i corsi di formazione sulla teoria critica della razza o "privilegio bianco", e di procedere per eliminarli. In un successivo ordine esecutivo, Trump ha raddoppiato, posizionandosi come l'ultima linea chirurgica contro i milioni di dollari spesi in "propaganda anti-americana". Campus come l'Università dell'Iowa e il John A. Logan College dell'Illinois stanno già sospendendo i programmi di diversità e inclusione come risultato dell'ordine. E gli effetti vanno oltre le università. Il Washington Post osserva che l'ordine ha visto la resistenza di un ampio spettro di gruppi