Passa ai contenuti principali

Prima ballerina nera della compagnia tedesca più prestigiosa racconta il razzismo

Subito prima di un'esibizione de Il lago dei cigni, Lopes Gomes ha raccontato che un istruttore le chiese di indossare un trucco bianco per "mimetizzarsi" con gli altri ballerini sul palco. La prima ballerina nera della compagnia di balletto più prestigiosa della Germania ha affermato di aver subito una costante discriminazione razziale e le è stato persino chiesto di sbiancare la pelle per "mimetizzarsi" durante uno spettacolo. Nel 2018, Chloé Lopes Gomes è diventata la prima ballerina nera a unirsi alla principale compagnia di balletto di Berlino, Staatsballett, come membro del corpo di ballo. Ma quasi immediatamente dopo, la ballerina francese di 29 anni è stata presumibilmente soggetta a molestie razziali, ha riferito il Guardian. In un'altra occasione, lo stesso insegnante di cui sopra avrebbe rifiutato di darle un velo bianco per un'esibizione di un balletto del XIX secolo chiamato "La Bayadère" perché era nera, ha detto al Guardian. Le è stato ripetutamente ripetuto che il colore della sua pelle non era esteticamente attraente, ed è stata fatta posare in una foto ricreando un dipinto di una ballerina nera circondata da ballerini bianchi. Le è stato detto di condividere l'immagine con i suoi amici, per mostrare loro che l'azienda “ha anche uno di quelli”. Nonostante abbia avvertito l'amministrazione della compagnia di danza del comportamento scorretto dell'istruttore, la ballerina ha detto che i manager non hanno dato seguito alle sue lamentele. In un'intervista con la rivista Pointe, la ballerina ha affermato che la compagnia "non ha un modo sicuro per denunciare discriminazioni o molestie". “C'è ancora questa idea nel mondo del balletto che devi soffrire per farcela. Noi - la generazione più giovane - non possiamo più accettarlo", ha detto. “Il balletto deve riflettere la società. Non voglio subire abusi solo per poter ballare. Voglio essere felice nella mia vita, non solo quando salgo sul palco".

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl