Passa ai contenuti principali

Il razzismo riguarda il potere e la politica non le persone

Il 2 dicembre, l'autore e storico Ibram X. Kendi ha affermato che gran parte del pensiero convenzionale sul razzismo non coglie il punto. Prima di tutto, ha aggiunto, sono il potere e la politica, e non le persone, che mantengono il razzismo saldamente radicato nella società, scrive Brita Belli. Durante una conversazione online sponsorizzata dalla Yale Alumni Association e dall'iniziativa “Appartenenza a Yale” dell'università, Kendi ha iniziato confrontandosi con l'idea di ciò che rende una persona "razzista". Il razzismo è stato a lungo inteso come parte dell'identità di una persona, ha affermato Kendi, autore del libro bestseller del New York Times "How to Be An Antiracist", professore e direttore fondatore dell'Antiracist Research and Policy Center presso l'American University. Quindi, ha osservato, se qualcuno sostiene una politica che nega il diritto di voto agli elettori neri e viene chiamato in causa, la risposta tipica è "Non sono razzista". "Intendono razzista e non razzista come categorie fisse", ha spiegato. "'Questo è ciò che sono.'" Piuttosto, ha sostenuto Kendi, il termine "razzista" dovrebbe invece essere inteso come un descrittore. "Descrive letteralmente ciò che una persona è in un dato momento, in base a ciò che dice o non dice, fa o non fa". Allo stesso modo, ha detto, “per essere antirazzisti, dobbiamo esprimere idee di uguaglianza razziale. Dobbiamo sostenere le politiche che portano all'equità razziale. Dobbiamo sfidare l'idea che ci sia qualcosa di sbagliato nelle persone di origine latina, dobbiamo sfidare le politiche che stanno espropriando la terra nativa ". L'evento, che ha attirato più di 1.000 intervistati, è stato moderato da Matthew Frye Jacobson e William Robertson Coe, rispettivamente professore di studi americani e storia e professore di studi afroamericani. Per troppo tempo, ha detto Kendi al pubblico, la comprensione del razzismo da parte della società si è concentrata sugli autori piuttosto che sulle vittime. "Dovremmo essere centrati sui risultati e sulle vittime", ha detto. "Se una politica sta portando all'ingiustizia razziale, non importa davvero se il politico intendeva che quella politica portasse all'ingiustizia razziale. Se un'idea suggerisce che i bianchi sono superiori, non importa davvero se chi ha espresso di quell'idea intendeva che quell'idea connotasse la superiorità dei bianchi". Se concentriamo la nostra attenzione sui risultati e sulle vittime, ha detto Kendi, "l'intenzione diventerà irrilevante". Durante la conversazione, Kendi ha condiviso come anche lui avesse interiorizzato le ipotesi convenzionali sulla razza. Da studente delle superiori, ha tenuto un discorso su Martin Luther King, Jr. Day in cui incolpava i neri per i problemi razziali. "Avevo consumato molte delle idee bipartisan e interrazziali tradizionali che ci fosse qualcosa di sbagliato nella gioventù nera", ha detto. "Quella gioventù nera non stava apprezzando l'istruzione... che l'hip-hop dei giovani neri stava rovinando le loro menti e rendendole “sessuali” e pericolose. Quella gioventù nera stava avendo troppi bambini. Quella gioventù nera era formata da "super predatori". Che avevamo bisogno di incarcerare in massa queste persone che erano una minaccia per la società". Un anno dopo, come studente del primo anno presso la Florida A&M University, iniziò a sentire storie di prima mano sulla privazione dei diritti degli elettori neri durante le elezioni statunitensi del 2000. "Quelle storie per la prima volta mi hanno permesso di vedere che forse i neri non erano il problema", ha detto Kendi. Per eliminare il razzismo, ha detto Kendi al pubblico, le persone devono capire da dove viene. Molte persone hanno dato per scontato che "la culla del razzismo" sia l'ignoranza e l'odio. Se è così, ha detto, sarebbe logico che una volta che le persone fossero meglio istruite, le politiche razziste finirebbero. Ma cosa succede se, ha affermato, gli autori delle politiche razziste sanno già cosa stai cercando di insegnare loro? E se stessero istituendo quelle politiche di soppressione degli elettori per interesse personale? L'istruzione, ha detto, è essenziale. Ma, ha aggiunto, “Come possiamo rendere l'istruzione trasformativa? Come creiamo un'istruzione che consenta alle persone di vedere che in effetti il problema non sono "quelle persone", ma il potere e la politica? Allora, come istruiamo quelle persone a sfidare e sconfiggere il potere e la politica? Tutto ciò è fondamentale."

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'