Passa ai contenuti principali

Teoria Critica della Razza Critical Race Theory cos'è spiegazione

In un evento della campagna a Jacksonville il mese scorso, Donald Trump ha condannato la "Critical Race Theory", arrivando al punto di definirla un cancro, un cancro che la sua amministrazione stava lavorando per rimuovere rapidamente ed efficacemente. Quindi l'amministrazione ha rilasciato un promemoria che ordinava alle agenzie federali di identificare tutti i corsi di formazione sulla teoria critica della razza o "privilegio bianco", e di procedere per eliminarli. In un successivo ordine esecutivo, Trump ha raddoppiato, posizionandosi come l'ultima linea chirurgica contro i milioni di dollari spesi in "propaganda anti-americana". Campus come l'Università dell'Iowa e il John A. Logan College dell'Illinois stanno già sospendendo i programmi di diversità e inclusione come risultato dell'ordine. E gli effetti vanno oltre le università. Il Washington Post osserva che l'ordine ha visto la resistenza di un ampio spettro di gruppi, dai campi medici all'industria tecnologica, che ritengono che si tratti di un eccesso politico con implicazioni inquietanti, scrive Lauren Gilmore. Se è la prima volta che ascolti questi termini, potresti essere confuso, soprattutto perché Trump li abbina continuamente a termini come "capro espiatorio" e "propaganda". Abbiamo parlato con professori locali per spiegare cosa significano i termini e come contribuiscono a una comprensione più accurata della realtà passata e presente. La dottoressa Jessica Maucione, professoressa di inglese alla Gonzaga University, afferma che la teoria critica della razza, come pratica, può essere suddivisa in due idee principali. "La prima è la comprensione che la razza è un costrutto sociale", dice. “L'importante componente collegato è che la costruzione [della razza] ha un impatto reale e misurabile su individui e gruppi. La bianchezza come categoria tende ad essere associata a esperienze di privilegio bianco". Per un esempio attuale, Maucione punta al COVID-19. “I giornalisti hanno spiegato che il COVID ha un impatto sproporzionato sulle persone di colore. La teoria della razza critica ci aiuta a misurare quell'impatto sproporzionato e a comprenderlo". La dott.ssa Judy Rohrer, direttrice di Gender, Women’s and Sexuality Studies presso la Eastern Washington University, fornisce un contesto per le mosse di Trump: "Mobilitando l'ideologia daltonica, questi attacchi ribaltano le discussioni sui diritti civili", scrive in una dichiarazione inviata tramite email. "In breve, sostengono che discutere e / o smantellare il razzismo e il sessismo è di per sé razzista e sessista". Angela Schwendiman, professoressa all'African Studies Program presso EWU, studia e insegna cultura afroamericana, in particolare film e media. "Non guardo solo alla sottomissione in sé", dice, "ma ai modi in cui gli afroamericani sono stati in grado di ricostruire un'identità culturale separata dalla loro colonizzazione". Schwendiman utilizza la teoria critica della razza nel suo lavoro e vuole che le persone capiscano che il suo scopo è rendere la società più equa e più giusta. Naturalmente, una storia completa sarebbe impossibile da incapsulare qui, ma per comprendere dove siamo ora, abbiamo bisogno almeno di una rapida deviazione nel nostro passato. Primo, sottolinea Schwendiman, dobbiamo capire che il privilegio dei bianchi è insito nella costruzione del nostro paese (e del mondo N.d.T.). "Mi sbalordisce quando la gente dice che il privilegio dei bianchi non esiste", dice. "Non stiamo parlando necessariamente di guadagni economici. Stiamo parlando di avere socialmente e psicologicamente il vantaggio di non essere neri. Stiamo parlando dei vantaggi di appartenere alla cultura dominante. Tutto ciò che pensiamo sia protetto dalla Carta dei diritti originale, che in seguito sarà protetta da emendamenti costituzionali, quelle cose non erano applicabili ai neri qui in America ". Dopo l'abolizione della schiavitù, il razzismo non è magicamente scomparso, motivo per cui il movimento per i diritti civili era necessario. Anche allora, mentre la supremazia bianca esplicita veniva tolta dalle nostre leggi, le disparità continuavano. È qui che entra in gioco la teoria critica della razza. "Anche se gli anni '60 hanno portato a una legislazione fondamentale, non ha cambiato radicalmente le nostre pratiche", spiega Schwendiman. "Così, alla fine degli anni '70, gli studiosi della facoltà di giurisprudenza dell'UCLA iniziarono a guardare ed esaminare più chiaramente il ruolo della razza, il potere e il privilegio e come vengono applicate le leggi. Hanno scoperto che le cosiddette politiche neutrali rispetto alla razza non erano in realtà neutrali rispetto a essa. Poiché ci siamo sbarazzati di quelle leggi che prendevano di mira le persone in base alla loro razza, abbiamo pensato che i problemi sarebbero andati via. Invece, li ha semplicemente trasformati ". Sebbene siano sempre presenti nella vita delle persone di colore, questi problemi trasformati possono essere più difficili da vedere e risolvere, perché sono meno espliciti. Ecco perché si può discutere se esista o meno qualcosa come il privilegio dei bianchi. "È invisibile perché è normale. Una persona di colore che cammina o vive a Spokane o Cheney (dove rappresentiamo solo l'1-2% della popolazione) può essere fermata perché corrisponde a una descrizione o sembri sospettosa ", dice Schwendiman. “La teoria critica della razza chiede: perché stiamo vedendo queste enormi disparità? Quali altre storie ci mancano? Dobbiamo ottenere le storie delle persone di colore, di come stanno vivendo queste leggi e utilizzare quelle storie per interpretare queste statistiche". Così come la lotta per la giustizia razziale non è nuova, non lo è nemmeno il tipo di retorica che Trump sta sposando nella direzione opposta. “Quello che mi preoccupa è che abbiamo abbastanza persone che si sentono come lui nella nostra società. Sta riflettendo quello che provano le altre persone", dice Schwendiman. “La resistenza che alcune persone devono cambiare è sempre stata la stessa. Ma ora c'è una consapevolezza che non ho mai visto in vita mia. La supremazia e la negazione dei bianchi nelle più alte cariche hanno fatto ribollire in superficie". Rohrer fa eco a un sentimento simile riguardo all'aumento dell'azione sociale: "Non sorprende che questo disperato tentativo di cercare di spingere l'attuale movimento per la giustizia razziale sotto il tappeto stia accadendo ora. Il settantasei per cento degli americani ora pensa che il razzismo sia un "grosso problema", che è un aumento del 23 per cento negli ultimi cinque anni. Vedo che questo si sta verificando con gli studenti orientali bianchi che hanno fame di apprendere le dure verità sulla nostra storia e sono ansiosi di far parte di questi entusiasmanti movimenti per la giustizia sociale". A Gonzaga, Maucione ha osservato un simile cambiamento. "C'è stato un tempo in cui la maggior parte del mio lavoro era convincere le persone che il razzismo esisteva", dice. "Dal 2016, non è più il mio lavoro." "È decisamente spaventoso che il 45° presidente degli Stati Uniti pubblichi un ordine del genere", continua. "Dimostra solo quanto sia fuori dal contatto con la realtà di ciò che sono l'allenamento alla diversità e la teoria critica della razza. Ho condotto corsi di formazione sulla diversità per entità aziendali e vi ho partecipato, e in ogni caso, c'è una vera concentrazione sul non dare mai la colpa e non usare mai la vergogna come tattica per cercare di combattere il privilegio o la supremazia dei bianchi". Tutti gli studiosi locali contestualizzano il movimento Black Lives Matter in una continua lotta per la giustizia: una spinta che è urgente, inclusiva e necessaria. "Le persone sono disposte a discutere e scoprire cosa possiamo fare per riconciliarci", dice Schwendiman. "Ed è da lì che viene la mia speranza. È del tutto possibile. Non sarà facile, ma possiamo farcela."

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l