Passa ai contenuti principali

Razzismo algoritmico dei computer e dei social network

È importante sottolineare che i pregiudizi diffusi ormai in modo algoritmo probabilmente impongono impatti psicologici a lungo termine sugli adolescenti, molti dei quali trascorrono quasi ogni minuto di veglia online: uno studio del Pew Research Center del 2018 ha rilevato che il 95% degli adolescenti ha accesso a uno smartphone e il 45% si descrive online "Quasi costantemente", scrive Avriel Epps-Darling. Per esempio, negli USA gli adolescenti ispanici, in particolare, trascorrono più tempo online rispetto ai loro coetanei bianchi, secondo lo stesso studio. Data la dipendenza dell'America dall'apprendimento a distanza durante la pandemia (come nel resto del mondo N.d.T.), è probabile che gli adolescenti trascorrano ancora più tempo su Internet rispetto a prima. La ricerca suggerisce che essere oggetto di discriminazione è correlato a scarsi risultati di salute mentale in tutte le età. E quando i giovani di colore sperimentano la discriminazione, il loro sonno, il rendimento scolastico e l'autostima potrebbero risentirne. L'esperienza della discriminazione può persino alterare l'espressione genica nel corso della vita. Il razzismo algoritmico funziona spesso come un tipo di microaggressione tecnologica, quei comportamenti sottilmente velati e prevenuti che spesso si verificano senza che l'aggressore intenda ferire nessuno. Ma la varietà algoritmica differisce dalle microaggressioni umane in diversi modi. Per prima cosa, l'intento di una persona potrebbe essere difficile da definire, ma i modelli computazionali intrisi di pregiudizi algoritmici possono essere esponenzialmente più opachi. Diversi modelli comuni di apprendimento automatico, come le reti neurali, sono così complessi che persino gli ingegneri che li progettano fanno fatica a spiegare con precisione come funzionano. Inoltre, la frequenza con cui si verificano le microaggressioni tecnologiche è potenzialmente molto più alta che nella vita reale a causa del tempo che gli adolescenti trascorrono sui dispositivi, nonché della natura automatica e ripetitiva dei sistemi programmati. E tutti sanno che le opinioni umane sono soggettive, ma gli algoritmi operano sotto le spoglie dell'oggettività computazionale, che ne oscura l'esistenza e conferisce legittimità al loro utilizzo. Gli adolescenti di colore non sono gli unici a rischio di razzismo generato dal computer. Vivere in un mondo controllato da algoritmi discriminatori può separare ulteriormente i giovani bianchi dai loro coetanei di colore. L'algoritmo di filtraggio dei contenuti di TikTok, ad esempio, può guidare gli adolescenti verso camere di eco dove tutti sembrano uguali. Ciò rischia di diminuire la capacità di empatia degli adolescenti e di privarli delle opportunità di sviluppare le capacità e le esperienze necessarie per prosperare in un paese che sta crescendo solo più diversificato.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l