Passa ai contenuti principali

Perché alcuni neri e ispanici hanno votato per Trump?

Gli americani si riferiscono spesso scherzosamente al Canada come al 51° stato. Se è così, scrive Shree Paradkar, siamo uno stato che si assume tutta l'ansia di cui sono gravate queste elezioni statunitensi, ma nessuno tra noi ha il potere di influenzare il risultato. Siamo semplici voyeur, troppo investiti negli avvenimenti del sud, iperventilati sotto la mascherina durante una dura battaglia che ha visto la più alta affluenza alle urne dal 1900. Proprio come assisteremmo ad anomalie nel sostegno generalmente favorevole a Joe Biden in tutto il nostro paese, gli Stati Uniti vedono eccezioni ai loro modelli di voto. Nei distretti in cui sono stati contati quasi tutti i voti, un sondaggio del New York Times ha rilevato un leggero aumento del 2% nel voto per Donald Trump nelle aree a maggioranza nera e un aumento molto maggiore dell'11% nei quartieri a maggioranza ispanica. Mentre l'America è sottoposta a elezioni in preda a una pandemia che sta colpendo in modo sproporzionato le persone povere delle minoranze e in mezzo a un movimento per i diritti civili in ripresa per le vite dei neri, la domanda del 2016 sul perché le minoranze votino per Trump sta tornando di nuovo in giro. Se è razzista, perché queste persone votano contro i propri interessi? Alcuni avvertimenti prima di procedere. L'exit poll che mostra che Trump ha guadagnato 12 punti tra gli elettori latini in Florida mostra anche che ha vinto il 61% dei voti bianchi lì. Secondo i primi exit poll, Biden ha riconquistato alcuni degli elettori bianchi più anziani e operai che i Democratici hanno perso quando Hillary Clinton si è candidata nel 2016. Hanno mostrato che gli elettori di colore hanno votato in modo decisivo per Biden, ma in numero inferiore rispetto a Clinton. Gli elettori per i quali la disuguaglianza razziale era una questione importante (il 20% di loro, dice il New York Times) hanno votato in modo schiacciante per Biden. Tuttavia, qualsiasi argomento secondo cui gli americani razzisti possono essere incolpati per aver messo Trump al comando è imperfetto perché elude chiaramente un esame degli atteggiamenti razzisti che alimentano i suoi sostenitori bianchi. Questo è il razzismo che chiude un occhio di fronte a un implacabile taglio del Voting Rights Act degli anni '60 per sopprimere i voti neri e razzializzati. È il razzismo che spinge gli elettori ad aggrapparsi così tanto al loro privilegio razziale che preferirebbero allinearsi con un uomo che minaccia i valori fondanti dichiarati della nazione piuttosto che alzarsi per difendere e mantenere tali valori. Perché gli americani razzisti voterebbero per un razzista è quindi una domanda con risposta lampante, ma che offre ancora alcune intuizioni. Questa scelta è sorprendente solo per coloro che vedono gli elettori non bianchi privi di una lente intersezionale e come un monolite: come persone con un cervello, una voce, una preoccupazione. Come se tutti avessero accesso all'analisi sofisticata sui temi dell'oppressione e anche se lo facessero come se condividessero le stesse identiche opinioni su di loro. Come se dovessero pensare che il razzismo scompare se votano per Biden. Come se fossero in grado di anteporre l'interesse personale a quello di gruppo. Perché alla fine della fiera, il partito del “mi faccio solo i c. miei” è sempre attuale, non ha colore, né di bandiera e neppure della pelle (N.d.T.)

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l