Passa ai contenuti principali

Non c'è posto ad Harvard per le pseudoscienze razziste

Charles Murray è stato una figura divisiva per decenni, in gran parte a causa del suo libro del 1994 "The Bell Curve", scrive Alex Min. Lui e il suo coautore, il neuroscienziato Richard Hernstein, hanno affermato che l'intelligenza generale può essere accuratamente misurata dai punteggi del QI, definendo l'intelligenza non solo come ereditabile, ma anche tra i fattori più significativi nel determinare i risultati socioeconomici. Hanno seguito l'ascesa di una cosiddetta "élite cognitiva", sostenendo che le differenze nel QI avrebbero prodotto disuguaglianze ancora più pronunciate nel tempo e che le politiche sociali del governo incentrate sull'eliminazione della disuguaglianza si sarebbero quindi rivelate inutili. La fama di Murray oggi può essere attribuita sia all'influenza delle sue scoperte che alla controversia che le circonda. Il suo lavoro in "The Bell Curve" si basa su affermazioni fatte in passato da altre figure controverse, come lo psicologo Richard Lynn. Lynn si è auto-definito "razzista scientifico" che, nel 2018, è stato coinvolto in una conferenza segreta di eugenetica all'University College di Londra. Il Southern Poverty Law Center ha etichettato Murray - sulla base del suo lavoro - un "suprematista bianco" che spaccia "pseudoscienza razzista". Mentre i sostenitori di Murray spesso sostengono che le sue dichiarazioni sulla razza sono prese fuori contesto e sensazionalizzate, Murray si è effettivamente allineato con i ricercatori con opinioni esplicitamente razziste. Inoltre, gran parte del lavoro di Murray è stato ora ridimensionato dagli accademici. In un'intervista con l'HPR, il professore di sociologia di Harvard Jocelyn Viterna ha detto: "Potrei certamente immaginare di insegnare su" The Bell Curve "in un corso di scienze sociali o in un corso di scienza dei dati, ma vorrei portarlo come un esempio di come tu può selezionare i dati e manipolare le distribuzioni e... suggerire che le correlazioni sono casuali senza avere un chiaro meccanismo causale. Spesso è ottimo come esempio di cosa non fare". Quest'anno, il precettore del governo David Kane ha invitato Murray a parlare nel suo corso di scienza dei dati, Government 50, il 16 ottobre. Di fronte all'indignazione degli studenti per questa scelta e alle sue presunte opinioni razziste, Kane ha giustificato la sua mossa in una e-mail a The Crimson , affermando che "Nell'era di Donald Trump, Viktor Orbán e Jair Bolsonaro, Harvard ha bisogno di più oratori da destra, non di meno". Murray, sulla scia di questa controversia, ha anche twittato che Harvard è diventata "troppo svegliata [sic]" e che "I parallelismi tra la mentalità di questi studenti e le Guardie Rosse sono spaventosamente accurati". Murray non è il solo a criticare, in quanto i conservatori in particolare hanno a lungo lamentato presunti attacchi alla libertà di parola nei campus universitari liberali. La definizione dell'argomento da parte di Murray si basa sul presupposto che ci sono solo due lati del dibattito sul suo lavoro. Accusa i suoi critici di agire in malafede, ignorando la scienza per avanzare narrazioni false ma confortanti su come funziona il mondo. Nel frattempo, sembra vedersi come uno degli scienziati solitari disposti a toccare argomenti alquanto controversi come l'ereditarietà dell'intelligenza. In quanto tale, si diletta nelle critiche che il suo lavoro incita. Quando l'autore e giornalista Jason Deparle ha intervistato Murray nel 1994 in seguito alla pubblicazione di "The Bell Curve", Murray ha detto: "È stato il caso di inciampare in un argomento che aveva tutto il fascino del proibito". Murray ha anche valutato il proprio lavoro come "pornografia delle scienze sociali", soddisfatto della sua capacità di sfornare facilmente i calcoli del reddito previsto basati sulle differenze di QI, razza e istruzione. In effetti, Deparle sostiene che il lavoro di Murray fornisce una presunta base scientifica per supposizioni che lui e altri ritengono già segretamente vere. Il fascino della ricerca di Murray, per sua stessa ammissione, è la sua natura proibita e la sua promessa di semplici spiegazioni. Per lui, importa meno se le sue conclusioni si basano su una ricerca rigorosa...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l