Passa ai contenuti principali

Legame tra razzismo e Covid-19

Le persone potenti amano sottolineare che il Covid-19 non discrimina. In effetti, anche la pioggia non discrimina su chi cade. Ma la capacità di rimanere asciutti sotto un acquazzone dipende dalla disponibilità di un ombrello. Allo stesso modo, il nostro accesso alla sicurezza in una pandemia dipende dalla rete di sicurezza dello Stato. Gli ombrelli possono essere condivisi o nascosti. Coloro che ne sono sprovvisti possono essere ascoltati o ignorati, scrive Ciaran Thapar. Sono un animatore giovanile e per tutto il 2020 ho fatto da mentore a giovani provenienti da origini dell'Africa nera e dei Caraibi e dell'Asia meridionale che vivono principalmente in alloggi sociali ad alta densità di popolazione. Il più delle volte, i loro genitori hanno lavorato in prima linea durante il blocco nazionale - badanti, autisti di autobus, receptionist del NHS, addetti alle pulizie - o hanno condizioni di salute preesistenti. Come parte di un libro che sto scrivendo, ho anche intervistato molti membri della comunità, inclusi pastori, rapper e dirigenti di club giovanili, che rientrano in questi stessi gruppi demografici. In questo modo, ho rilevato un'armonia malinconica tra queste voci - la consapevolezza che, mentre il virus colpisce tutti, ovunque, colpisce persone particolari in modo sproporzionato. È stato ampiamente riferito che le origini sono una metrica che può illuminare questa disparità. In estate, ad esempio, il 36% dei pazienti con Covid-19 in condizioni critiche proveniva da un gruppo di minoranza etnica, nonostante rappresentasse solo il 13% della popolazione generale. Questa sproporzionalità può essere sottilmente dedotta dagli aneddoti che ho sentito: i nonni sono morti, agli zii sono state negate le operazioni, gli amici sono stati diagnosticati male. La mia impressione che l’etnia sia rilevante per la chiarezza di questo quadro è, ovviamente, in qualche modo spiegata dal relativo multiculturalismo della capitale, dove vivo. La Racial Disparity Unit (RDU), guidata dal ministro per le pari opportunità, Kemi Badenoch, ha recentemente pubblicato il suo primo rapporto trimestrale che affronta l'elevato impatto ripetutamente dimostrato del Covid-19 sulle minoranze etniche nel Regno Unito. Ha formulato 13 raccomandazioni per l'azione, inclusa la registrazione obbligatoria dell'etnia come parte del processo di certificazione della morte, il monitoraggio di come le politiche influenzano le persone appartenenti a minoranze etniche e la creazione di comunicazioni culturalmente sensibili con le comunità pertinenti sul virus. Tutti sono stati accettati dal primo ministro. A prima vista, questo sembra positivo. Il diavolo, tuttavia, è nei dettagli. Il rapporto spiega la sproporzionalità affrontata dai gruppi neri e asiatici - in particolare uomini africani, bengalesi e pakistani - concentrandosi su fattori come l'occupazione delle persone, il luogo in cui vivono e le condizioni di salute preesistenti. In altre parole, riconosce che le persone non bianche muoiono a un ritmo più alto e lo attribuisce al fatto che tendono a vivere in circostanze particolari come le famiglie sovraffollate o lavorare in ambienti che hanno una maggiore esposizione al pubblico. Tuttavia, nel presentare il rapporto, il dottor Raghib Ali, un consigliere governativo di recente nomina, ha suggerito che l'etnia non dovrebbe più essere utilizzata come punto focale in questa conversazione. "Il problema nel concentrarsi sull'etnia come fattore di rischio è che manca il numero molto elevato di minoranze non etniche, quindi fondamentalmente i bianchi, che vivono anche in aree svantaggiate e alloggi sovraffollati, e con occupazioni ad alto rischio", ha detto. La differenza etnica viene presa come sostituto di altre disuguaglianze, ma non come potenziale fonte di disuguaglianza in sé e per sé...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l