Passa ai contenuti principali

Come parlare di White Privilege a scuola?

A ottobre, il ministro delle donne e delle pari opportunità britannico Kemi Badenoch ha effettuato un drammatico intervento alla Camera dei Comuni durante una sessione per commemorare il “mese della storia nera”. Le scuole, ha detto, che insegnano agli studenti certe idee tratte dalla "teoria critica della razza" come "fatto" infrangevano la legge: "Non vogliamo che gli insegnanti parlino ai loro alunni bianchi dei privilegi dei bianchi e della colpa razziale ereditata". Le parole del ministro sono arrivate non molto tempo dopo la pubblicazione di una guida per le scuole in Inghilterra che diceva che le scuole "non dovrebbero utilizzare risorse prodotte da organizzazioni che... promuovono storie di vittime dannose per la società britannica". Si può dire con certezza che questi due sviluppi, che sembravano progettati per avere un effetto agghiacciante sulla discussione delle scomode verità del razzismo in Gran Bretagna, hanno reso il sottoscritto (l’autore di questo articolo) e gli altri insegnanti preoccupati per ciò che possiamo e non possiamo dire. E il giorno dopo il discorso di Badenoch, avrei dovuto prendere una lezione PSHE (personale, sociale, sanitaria ed economica) sul razzismo. La maggior parte degli studenti della mia classe sono bianchi, quindi prima ancora di iniziare la lezione, sapevo che lo status razziale della “bianchezza” in una società a maggioranza bianca sarebbe emerso. Non ero sicuro del mio ruolo - non avevo ancora avuto il tempo di assorbire l'affermazione di Badenoch - ma l'intelligenza e la curiosità dei miei studenti hanno aperto la strada. Hanno iniziato a condividere le loro esperienze. Uno studente nero ha parlato di come i loro familiari siano stati fermati dalla polizia in città. Due studenti non bianchi hanno spiegato come un insegnante li abbia confusi per un anno. Non c'era motivo durante la lezione in cui qualcuno degli studenti bianchi condivideva esperienze di razzismo. Questa discrepanza nelle loro esperienze non è un esempio di "privilegio bianco" in azione? Ora ci troviamo di fronte al dilemma di come insegnare concetti di vitale importanza senza entrare in conflito con la guida del governo. I colleghi hanno spesso in mente lo stesso scenario preoccupante: cercano di avere una conversazione sfumata sulla "bianchezza" o l'eredità della supremazia bianca, e uno studente torna a casa e dice ai genitori che stanno insegnando come il razzismo sia colpa loro. Il governo dice di essere contrario all'insegnamento di certe idee, come se fossero "fatti accettati". Ma nessun concetto nelle scienze sociali è incontestato e sicuramente Badenoch lo sa, quindi le reali conseguenze delle sue parole avranno probabilmente un effetto agghiacciante. Inoltre, non sono sicuro di cosa costituisca "teoria critica della razza" o "narrazioni da vittime", dal punto di vista del governo, e quindi sono preoccupato per il contenuto di alcune lezioni nelle prossime settimane. Non voglio essere complice nel nascondere le realtà del razzismo evitando questi argomenti per paura di ripercussioni da parte del personale senior e della comunità in generale, ma non voglio nemmeno mettere a rischio il mio lavoro. Come insegnanti, abbiamo la responsabilità e il dovere nei confronti dei nostri studenti di fornire loro supporto e guida completi per dare loro le migliori possibilità quando lasciano la scuola. I problemi razziali e il razzismo sono estremamente diffusi nella vita dei nostri studenti e i bambini avranno domande.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'