Passa ai contenuti principali

Capire il trauma del razzismo

Quando l'artista newyorkese Howardena Pindell pubblicò il suo video artwork “Free, White and 21” nel 1980, causò un putiferio, scrive Nadja Sayej. Nel video, parla delle sue esperienze di razzismo nel corso della sua vita, quindi crea un personaggio a confutazione di ciò che sostiene in “Whiteface”, che minimizza il trauma del razzismo. "Devi essere davvero paranoico", dice il personaggio. "Questo non è mai successo a me o a nessuno che conosco, ma sono liberi, bianchi e 21." Guardando indietro all'opera d'arte 40 anni dopo, Pindell dice che le persone erano scioccate. "La reazione generale è stata piuttosto ostile", ha detto l'artista al Guardian. “Allora hai a che fare con il corpo nero? Dimenticalo. La gente non voleva parlare di razzismo.” È un pezzo fondamentale dell'arte contemporanea americana ed è la chiave per comprendere l'eredità dell'artista di 77 anni quando entra nella sua nuova mostra personale, Howardena Pindell: Rope / Fire / Water, che ha recentemente aperto al The Shed di New York. Contiene oltre 15 pezzi, dalle opere murali ai video, che coprono l'ampiezza dei 60 anni di carriera dell'artista, che durerà fino all'11 aprile 2021. "Il trauma del razzismo, credo, è visibile a tutti", ha detto l'artista al telefono dal suo studio nella parte alta di Manhattan. "Se non sei una persona di colore, potresti anche non notare cosa sta succedendo", ha aggiunto Pindell. "Quando sembri diverso, puoi diventare un bersaglio per i problemi irrisolti degli altri, in cui sfogano la loro rabbia su persone che non assomigliano a loro." La mostra include lavori su commissione realizzati nel 2020, inclusa la sua prima opera d'arte video in 25 anni, che scompatta la storia del razzismo in America, oltre a nuovi dipinti che affrontano la supremazia bianca e l'imperialismo, nonché opere murali astratte. La mostra prende il nome da un'opera d'arte video di 19 minuti che ha creato all'inizio di quest'anno, che si basa su un'esperienza infantile - Pindell è cresciuta nell'America del dopoguerra - dove ricorda di aver visto la violenza razziale; una foto di un uomo di colore linciato sulla rivista Life. Inizialmente, ha proposto questo pezzo a un gruppo di donne bianche alla AIR Gallery, il primo spazio artistico cooperativo femminista e gestito da donne del paese fondato nel 1972 a New York City, dove Pindell era l'unica co-fondatruce di colore. "Hanno rifiutato." Ora è finalmente riuscita a realizzare il video, che combina immagini d'archivio di proteste non violente, insieme a un elenco di nomi di vite nere morte a causa della brutalità della polizia. È dedicato al membro del Congresso John Lewis, leader per i diritti civili, morto all'inizio di quest'anno.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l