Passa ai contenuti principali

Razzismo e teorie del complotto sono molto simili

Le teorie del complotto sono brillanti. Lo sono davvero. In un modo geniale, in negativo. Ci dicono così tanto sugli incredibili poteri creativi dell'umanità. Inventiamo mondi sociali debilitanti e distorti e poi quelle creazioni ci tormentano, soffocandoci mentre percorrono le velocissime autostrade dei social media, scrive John L. Jackson Jr. Alcune persone paragonano le teorie del complotto alla superstizione, poco più che il sottoprodotto della manipolazione e del pensiero morbido, mescolato con un pizzico di interesse personale. Altri potrebbero immaginarli come una sorta di critica culturale o politica stilizzata, un modo per articolare il dissenso lontano dalle norme del discorso pubblico tradizionale. Anche le teorie del complotto sono spesso assurde. In effetti, quell'assurdità fornisce loro parte del loro potere e le rende quasi impossibili da contrastare o curare. Naturalmente, Internet agisce come un acceleratore in tutto questo, facendo circolare idee di cospirazione istantaneamente e senza sforzo. La teoria della cospirazione è anche un modo per affrontare le ansie, le paure e gli odi che caratterizzano la vita quotidiana delle persone. Le differenze sembrano spaventose. Trattare con estranei può essere imbarazzante e difficile. Demonizzare o disumanizzare “altri” e “stranieri” spesso sembra più semplice. La stessa dinamica è alla base del razzismo. È anche favorito dalla paura e dall'ansia. Più precisamente, il concetto stesso di razza, l'idea che ci sia qualche differenza nascosta e inconciliabile tra i gruppi umani di cui dovremmo avere paura (e che spiega tutto ciò che dobbiamo sapere sul nostro mondo sociale), è essa stessa una forma di pensiero complottista. Un altro importante punto in comune tra il razzismo e le teorie del complotto è che i fatti non sono il loro antidoto. I fatti non cambiano le menti degli aderenti. Almeno, non solo i fatti. Questo può essere particolarmente difficile da riconoscere per esperti e studiosi che vogliono credere che possiamo verificare i fatti o giustificare la sottomissione delle teorie del complotto. Qualcosa che non è stato impermeabile al cambiamento nel tempo è il modo in cui agiamo in base alle nostre ansie per le molte differenze delle persone. Nel suo libro "Racism: A Short History", lo storico George Frederickson sostiene che le differenze sociali legate alle credenze religiose e alle pratiche culturali sono fondamentalmente distinte dalle paure sulle differenze che vengono espresse in termini razziali. In un caso, i non credenti sono visti come bisognosi di conversione, in sforzi come le Crociate. Nell'altro, quelle che sono considerate differenze immutabili diventano la logica della segregazione o addirittura dello sterminio, di tutto, dalla schiavitù dei beni mobili all'apartheid sudafricano. Quando le stesse differenze religiose sono razzializzate, ritenute naturali e fisse, le conversioni vengono sostituite dai campi di concentramento.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l