Passa ai contenuti principali

Razzismo e teorie del complotto sono molto simili

Le teorie del complotto sono brillanti. Lo sono davvero. In un modo geniale, in negativo. Ci dicono così tanto sugli incredibili poteri creativi dell'umanità. Inventiamo mondi sociali debilitanti e distorti e poi quelle creazioni ci tormentano, soffocandoci mentre percorrono le velocissime autostrade dei social media, scrive John L. Jackson Jr. Alcune persone paragonano le teorie del complotto alla superstizione, poco più che il sottoprodotto della manipolazione e del pensiero morbido, mescolato con un pizzico di interesse personale. Altri potrebbero immaginarli come una sorta di critica culturale o politica stilizzata, un modo per articolare il dissenso lontano dalle norme del discorso pubblico tradizionale. Anche le teorie del complotto sono spesso assurde. In effetti, quell'assurdità fornisce loro parte del loro potere e le rende quasi impossibili da contrastare o curare. Naturalmente, Internet agisce come un acceleratore in tutto questo, facendo circolare idee di cospirazione istantaneamente e senza sforzo. La teoria della cospirazione è anche un modo per affrontare le ansie, le paure e gli odi che caratterizzano la vita quotidiana delle persone. Le differenze sembrano spaventose. Trattare con estranei può essere imbarazzante e difficile. Demonizzare o disumanizzare “altri” e “stranieri” spesso sembra più semplice. La stessa dinamica è alla base del razzismo. È anche favorito dalla paura e dall'ansia. Più precisamente, il concetto stesso di razza, l'idea che ci sia qualche differenza nascosta e inconciliabile tra i gruppi umani di cui dovremmo avere paura (e che spiega tutto ciò che dobbiamo sapere sul nostro mondo sociale), è essa stessa una forma di pensiero complottista. Un altro importante punto in comune tra il razzismo e le teorie del complotto è che i fatti non sono il loro antidoto. I fatti non cambiano le menti degli aderenti. Almeno, non solo i fatti. Questo può essere particolarmente difficile da riconoscere per esperti e studiosi che vogliono credere che possiamo verificare i fatti o giustificare la sottomissione delle teorie del complotto. Qualcosa che non è stato impermeabile al cambiamento nel tempo è il modo in cui agiamo in base alle nostre ansie per le molte differenze delle persone. Nel suo libro "Racism: A Short History", lo storico George Frederickson sostiene che le differenze sociali legate alle credenze religiose e alle pratiche culturali sono fondamentalmente distinte dalle paure sulle differenze che vengono espresse in termini razziali. In un caso, i non credenti sono visti come bisognosi di conversione, in sforzi come le Crociate. Nell'altro, quelle che sono considerate differenze immutabili diventano la logica della segregazione o addirittura dello sterminio, di tutto, dalla schiavitù dei beni mobili all'apartheid sudafricano. Quando le stesse differenze religiose sono razzializzate, ritenute naturali e fisse, le conversioni vengono sostituite dai campi di concentramento.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl