Passa ai contenuti principali

Il razzismo va curato come un cancro

Ibram X. Kendi - vincitore del National Book Award 2016, fondatore del Boston University Center for Antiracist Research e una delle 100 persone più influenti del 2020 dalla rivista Time - proclama con coraggio la sua diagnosi nel suo libro bestseller How to Be an Antiracist, scrive Bridget Balch. Il cancro a cui si riferisce è una metafora del razzismo e delle politiche razziste che dice si sono diffuse in quasi ogni parte del corpo politico. Ma per Kendi, che è diventato una voce di spicco sul razzismo sistemico in America, il cancro è più di una metafora; è una realtà personale. Nel 2013, a sua moglie, pediatra, è stato diagnosticato un cancro al seno in stadio 2 all'età di 34 anni. E meno di cinque anni dopo, allo stesso Kendi è stato diagnosticato un cancro al colon metastatico in stadio 4 all'età di 35 anni. Il legame tra razzismo e salute è stato messo a nudo quest'anno quando Kendi e il suo team della Boston University hanno monitorato la ripartizione razziale dietro i dati COVID-19, rivelando che i neri e le persone di colore sono infetti e muoiono a tassi sproporzionatamente alti. Ma esiste una cura per il razzismo? Kendi terrà una discussione sincera con il presidente e CEO di AAMC David J. Skorton, MD, su come programmi e politiche radicati hanno ostacolato la giustizia e l'equità all'incontro annuale dell'AAMC (Association of American Medical Colleges '), Learn Serve Lead 2020: The Virtual Experience, lunedì 16 novembre. Kendi ha parlato con AAMCNews dei suoi pensieri su come il razzismo sistemico e l'assistenza sanitaria sono collegati e cosa possono fare le istituzioni mediche accademiche per cambiare la prognosi. Hai usato la tua esperienza con il cancro come metafora del razzismo in America. Come sei arrivato a stabilire questa connessione e quali sono i parallelismi che ti vengono in mente di più? I parallelismi includono, in primo luogo, che quando mi è stato diagnosticato un cancro - quando qualcuno è entrato in una stanza e mi ha detto che avevo il cancro - è stato devastante. Mi ha fatto male. E non volevo crederci. In molti modi, quando gli individui vengono diagnosticati come razzisti, li ferisce. Non vogliono crederci. Ma penso che con la diagnosi di cancro, un individuo non vede il medico come se stesse cercando di ferirlo, anche se si sente ferito. Semmai, vedono il medico che cerca di curarli. E se, quando siamo stati diagnosticati come razzisti, vedessimo quegli individui come persone che cercano di curarci, invece di attaccarci? E poi, finalmente, penso che quando si tratta di come trattare il razzismo metastatico che si è letteralmente diffuso in ogni parte del corpo politico - e lo sappiamo perché possiamo vedere le cellule tumorali dell'ineguaglianza razziale ovunque - è allo stesso modo in cui noi trattare il cancro metastatico. Quindi, possiamo entrare e rimuovere chirurgicamente le politiche razziste che, in effetti, stanno portando a quelle ingiustizie.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l