Passa ai contenuti principali

Il razzismo su LinkedIn

Il tono del social network Linkedin riflette da tempo l'America aziendale: seria, monolitica, bianca. Ora gli utenti neri hanno deciso di parlare e dicono che il sito sta limitando la loro voce, scrive Ashanti M. Martin. Un giorno di settembre, Elizabeth Leiba ha aperto l'app LinkedIn e ha visto un post di Aaisha Joseph, una consulente per la diversità con quasi 16.000 follower sulla piattaforma. "Ho bisogno che le #aziende smettano di inviare i loro negri di casa dedicati a 'trattare con i neri' che ritengono fuori controllo", si leggeva nell'articolo. "Non è davvero un bell'aspetto, in realtà è molto #whitesupremacist e #racist." Il post era esattamente il tipo di articolo che la signora Leiba, responsabile del design didattico al City College di Fort Lauderdale, in Florida, stava cercando. In questi giorni, quando prende il telefono in cerca di conversazioni chiassose, si ritrova ad aprire LinkedIn, che dall'uccisione di George Floyd è diventato un fiorente forum per l'espressione nera. "Vado su Twitter e mi annoio", ha detto la signora Leiba, 46 anni. "Poi torno subito su LinkedIn perché è in fiamme. Non devo nemmeno andare su alcun altro social media adesso. " È uno sviluppo inaspettato per quello che è stato a lungo il più educato e forse il più noioso dei principali social network. LinkedIn è stato fondato nel 2003 come un luogo per fare rete e pubblicare curriculum, essenzialmente un elenco di professionisti dei colletti bianchi. Alcuni anni fa, LinkedIn ha aggiunto un feed di notizie simile a Facebook che incoraggiava gli utenti a pubblicare collegamenti e aggiornamenti, ma non è mai stato uno spazio movimentato. Un team di redattori ha contribuito a rafforzare uno stato d'animo meglio descritto come aziendale. "Parli su LinkedIn nello stesso modo in cui parli in ufficio", ha detto al New York Times Dan Roth, redattore capo di LinkedIn, nell'agosto 2019. "Ci sono alcuni limiti intorno a ciò che è accettabile". Due eventi sconcertanti lo hanno cambiato. All'inizio del 2020, la pandemia ha colpito, costringendo milioni di persone a lavorare da casa e perdersi in chiacchiere in sala relax, rendendo LinkedIn un luogo in cui sfogarsi. Poi, l'uccisione di Floyd sotto custodia della polizia a maggio ha portato i lavoratori al limite. Il dolore nero è andato in mostra, disinibito. "Ero stanco da 43 anni", ha detto Future Cain, direttrice dell'apprendimento sociale ed emotivo in una scuola media e superiore del Wisconsin. "Stavo usando LinkedIn per pubblicare cose positive e sollevare le persone durante la pandemia, e ho deciso che non posso più stare seduta qui in silenzio". Mentre i manifestanti sono scesi in strada per chiedere la riforma della polizia, la signora Leiba e la signora Cain sono state tra coloro che hanno scoperto che LinkedIn era un posto dove parlare alla classe dirigente su qualcosa di simile a casa loro. Gli utenti neri si sono rivolti al sito per denunciare la discriminazione razziale sul posto di lavoro e condividere le loro storie di alienazione.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…