Passa ai contenuti principali

Il razzismo su LinkedIn

Il tono del social network Linkedin riflette da tempo l'America aziendale: seria, monolitica, bianca. Ora gli utenti neri hanno deciso di parlare e dicono che il sito sta limitando la loro voce, scrive Ashanti M. Martin. Un giorno di settembre, Elizabeth Leiba ha aperto l'app LinkedIn e ha visto un post di Aaisha Joseph, una consulente per la diversità con quasi 16.000 follower sulla piattaforma. "Ho bisogno che le #aziende smettano di inviare i loro negri di casa dedicati a 'trattare con i neri' che ritengono fuori controllo", si leggeva nell'articolo. "Non è davvero un bell'aspetto, in realtà è molto #whitesupremacist e #racist." Il post era esattamente il tipo di articolo che la signora Leiba, responsabile del design didattico al City College di Fort Lauderdale, in Florida, stava cercando. In questi giorni, quando prende il telefono in cerca di conversazioni chiassose, si ritrova ad aprire LinkedIn, che dall'uccisione di George Floyd è diventato un fiorente forum per l'espressione nera. "Vado su Twitter e mi annoio", ha detto la signora Leiba, 46 anni. "Poi torno subito su LinkedIn perché è in fiamme. Non devo nemmeno andare su alcun altro social media adesso. " È uno sviluppo inaspettato per quello che è stato a lungo il più educato e forse il più noioso dei principali social network. LinkedIn è stato fondato nel 2003 come un luogo per fare rete e pubblicare curriculum, essenzialmente un elenco di professionisti dei colletti bianchi. Alcuni anni fa, LinkedIn ha aggiunto un feed di notizie simile a Facebook che incoraggiava gli utenti a pubblicare collegamenti e aggiornamenti, ma non è mai stato uno spazio movimentato. Un team di redattori ha contribuito a rafforzare uno stato d'animo meglio descritto come aziendale. "Parli su LinkedIn nello stesso modo in cui parli in ufficio", ha detto al New York Times Dan Roth, redattore capo di LinkedIn, nell'agosto 2019. "Ci sono alcuni limiti intorno a ciò che è accettabile". Due eventi sconcertanti lo hanno cambiato. All'inizio del 2020, la pandemia ha colpito, costringendo milioni di persone a lavorare da casa e perdersi in chiacchiere in sala relax, rendendo LinkedIn un luogo in cui sfogarsi. Poi, l'uccisione di Floyd sotto custodia della polizia a maggio ha portato i lavoratori al limite. Il dolore nero è andato in mostra, disinibito. "Ero stanco da 43 anni", ha detto Future Cain, direttrice dell'apprendimento sociale ed emotivo in una scuola media e superiore del Wisconsin. "Stavo usando LinkedIn per pubblicare cose positive e sollevare le persone durante la pandemia, e ho deciso che non posso più stare seduta qui in silenzio". Mentre i manifestanti sono scesi in strada per chiedere la riforma della polizia, la signora Leiba e la signora Cain sono state tra coloro che hanno scoperto che LinkedIn era un posto dove parlare alla classe dirigente su qualcosa di simile a casa loro. Gli utenti neri si sono rivolti al sito per denunciare la discriminazione razziale sul posto di lavoro e condividere le loro storie di alienazione.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c