Passa ai contenuti principali

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come contenuto originale. Potrebbe contenere rappresentazioni culturali obsolete." Poiché un numero crescente di servizi di streaming di intrattenimento infonde nuova vita ai vecchi classici, è diventata evidente la necessità di contestualizzare gli stereotipi negativi e le rappresentazioni razziste ampiamente accettate decenni fa. Disney + non è il primo servizio di streaming a implementare questa misura nel bel mezzo di una resa dei conti più ampia nel mondo dello spettacolo a seguito delle diffuse proteste contro il razzismo quest'anno. A giugno, l'allora nuovo HBO Max ha temporaneamente interrotto la diffusione del film del 1939 Via col vento, dicendo che non poteva mantenerlo, spesso criticato per la sua glorificazione della schiavitù, sulla piattaforma senza "spiegazioni o denunce" di quelle raffigurazioni negative. Il film è tornato due settimane dopo con un avvertimento sugli "orrori della schiavitù". Alcuni spettatori hanno spinto la Disney a rendere il suo disclaimer più esplicito come l'etichetta dello studio rivale Warner Bros. "sbagliato allora e sbagliato oggi" quando ha lanciato gli avvertimenti a novembre.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'

Teoria Critica della Razza Critical Race Theory cos'è spiegazione

In un evento della campagna a Jacksonville il mese scorso, Donald Trump ha condannato la " Critical Race Theory ", arrivando al punto di definirla un cancro, un cancro che la sua amministrazione stava lavorando per rimuovere rapidamente ed efficacemente. Quindi l'amministrazione ha rilasciato un promemoria che ordinava alle agenzie federali di identificare tutti i corsi di formazione sulla teoria critica della razza o "privilegio bianco", e di procedere per eliminarli. In un successivo ordine esecutivo, Trump ha raddoppiato, posizionandosi come l'ultima linea chirurgica contro i milioni di dollari spesi in "propaganda anti-americana". Campus come l'Università dell'Iowa e il John A. Logan College dell'Illinois stanno già sospendendo i programmi di diversità e inclusione come risultato dell'ordine. E gli effetti vanno oltre le università. Il Washington Post osserva che l'ordine ha visto la resistenza di un ampio spettro di gruppi