Passa ai contenuti principali

Dobbiamo parlare di razzismo dei media

I relatori recenti della serie statunitense "We Need to Talk" hanno parlato del razzismo strutturale nei media moderni, additandolo come pernicioso. A loro avviso, risolverlo richiede discussioni oneste, una forza lavoro più diversificata e un confronto delle sue radici in una storia brutta e discriminatoria. Questo è il messaggio dei relatori nell'ultima puntata di "We Need to Talk", una serie in sette parti dell'Università del Nevada, che esplora ciò che guida il comportamento razzista e come queste convinzioni permeano la società. La serie è trasmessa in live streaming da UNLV TV e moderata da Claytee White, direttore dell'UNLV Oral History Research Center. Nell’episodio tre, “Dobbiamo parlare di comunicazione”, i membri della comunità UNLV e i media locali hanno discusso di come i pregiudizi influenzano le redazioni e le comunità che coprono. L'impatto di quelle percezioni può estendersi oltre il tempo in cui le storie vengono raccontate, influenzando le voci che vengono elevate nei media, in modo intenzionale o meno. I relatori hanno anche discusso degli sforzi per combattere queste influenze e come i media possono lavorare per ottenere la storia giusta, dal trovare più punti di vista al dedicarsi al racconto della verità. La coordinatrice Nissa Tzun, una studentessa laureata dell'UNLV nelle scuole di lavoro sociale e giornalismo, ha detto che i pregiudizi nei media popolari hanno piantato a lungo i semi del pensiero discriminatorio. Tzun, la cui famiglia si è trasferita in Canada da Hong Kong, ha descritto come i nuovi immigrati spesso vedono per la prima volta le raffigurazioni dei neri come criminali o vittime di abusi da parte della polizia. Tali immagini possono inviare il messaggio agli immigrati che i neri o altre comunità di colore dovrebbero essere evitati per tenersi lontani dalla violenza, ha spiegato. "La radice dei media occidentali è la supremazia dei bianchi ed è da lì che derivano i pregiudizi impliciti", ha detto Tzun. "E 'l'idea degli stereotipi razziali che si ripetono, più e più volte nel corso dei decenni, mostrati alla televisione di persone di colore raffiguranti stereotipi che sono perpetuati dalla comunità bianca". Ricardo Torres-Cortez, giornalista del Las Vegas Sun e alunno della Hank Greenspun School of Journalism and Media Studies, ha osservato che anche le organizzazioni dei media hanno avuto un ruolo nel perpetuare tali pregiudizi. Il linguaggio usato per descrivere le comunità di colore anche nelle principali istituzioni giornalistiche come "The New York Times" era talvolta tutt'altro che inclusivo in passato. Nel presente, i giornalisti possono occasionalmente lottare con un intenso ciclo di notizie e mancanza di risorse, che richiedono loro di saltare da una storia all'altra, ha detto Torres-Cortez. Tali circostanze non sono ideali per produrre il tipo di reportage approfondito che potrebbe ridurre gli stigma razziali o mettere in discussione le narrazioni ufficiali. Tzun e il produttore Oja Vincent hanno co-fondato un progetto di documentario multimediale nel 2009 per combattere questa realtà. Il Forced Trajectory Project fornisce come media e team di difesa delle persone colpite dalla violenza della polizia. Si sono concentrati specificamente sulla Las Vegas Valley dal 2016. Il progetto presenta le storie di persone uccise dalla polizia, le loro famiglie e le comunità che subiscono l'impatto di quelle morti. "Il fatto che la loro amata sia stata uccisa da un agente dello stato crea davvero numerose barriere tra loro e la giustizia", ha detto Tzun. Queste barriere sono in parte amplificate dal fatto che molte storie escludono le narrazioni della vittima e della famiglia o semplicemente non vengono raccontate, ha aggiunto. Ashton Ridley, radio manager presso KUNV-FM all'interno della scuola di giornalismo, ha detto che uno dei modi principali in cui i media possono far avanzare le conversazioni difficili è offrire una piattaforma. Al KUNV sono in lavorazione due spettacoli incentrati sulla diversità - uno dal lato della radio studentesca e un altro sul canale radio principale della stazione. Ridley ha detto che crede che la radio sia un metodo utile per affrontare questi problemi. "Avere quella connessione con quella voce, lo porta a un altro livello", ha detto. "E poi potresti essere aperto per avere quella conversazione con il tuo “altro” significativo o qualcuno che ti è vicino." In definitiva, prima che una persona possa iniziare a prendere di mira ed eliminare i pregiudizi che ha accumulato nel corso della vita, deve prima capire quali sono questi pregiudizi, ha detto Ridley.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l