Passa ai contenuti principali

Come diventare uno spettatore attivo e un alleato contro il razzismo

Ci siamo passati tutti, scrive Ruth Terry. A una cena. In fila all'ufficio postale. In una riunione Zoom. Puoi sentirlo arrivare: quella terribile barzelletta che il tuo amico ama raccontare sugli immigrati. Domande come "Non tutte le vite contano?" o "Ha resistito all'arresto?" Il disagio diventa palpabile. L’attesa per i colpi di scena. Dio, spero che qualcuno dica qualcosa, pensi con crescente disperazione. E così fanno tutti gli altri. Questo fenomeno, in cui nessuno in un gruppo di testimoni sceglie di interrompere un evento problematico, è chiamato ‘effetto spettatore’, ha detto Thomas Vance, consulente nazionale certificato e borsista post-dottorato di psicologia presso la New School for Social Research di New York. "Ci piace pensare di vivere in un mondo in cui le persone entreranno in gioco", ha detto il dottor Vance in un'e-mail, ma "maggiore è il numero di persone presenti, meno è probabile che le persone aiutino una persona bisognosa o in difficoltà. " "Questo accade perché far parte di una grande folla fa sì che nessuna singola persona debba assumersi la responsabilità di un'azione", ha aggiunto. Questa diffusione di responsabilità può rendere le persone ben intenzionate complici di qualunque atto di violenza o discriminazione a cui assistono silenziosamente. Per evitare quella silenziosa complicità, le persone possono imparare a diventare spettatori attivi: individui che lavorano per creare culture che rifiutano attivamente comportamenti dannosi o discriminatori attraverso interventi mirati. Cos'è esattamente uno spettatore attivo? Innanzitutto, parliamo della differenza tra un alleato e uno spettatore attivo. Un alleato è qualcuno che "non soffre le stesse oppressioni" come te, ma che "sostiene la tua lotta per i diritti e la libertà", ha scritto sulla Boston Review Micki McElya, un professore di storia presso l'Università del Connecticut. Assente da questa definizione è l'azione. Gli astanti attivi vedono accadere qualcosa di brutto e fanno scelte discrete per rispondere al comportamento preoccupante, ha detto Monica Reyna, educatrice per la prevenzione della violenza presso gli Advocates, un'organizzazione no profit nell'Idaho rurale. Cosa faccio? Per battere l'effetto spettatore, dobbiamo riqualificare il nostro cervello e stabilire nuovi modelli di comportamento. Fortunatamente, non mancano i modi per farlo. "Abbiamo iniziato a classificare tutte le azioni anti-pregiudizio che potrebbero essere intraprese", ha detto Derald Wing Sue, professore alla Columbia che studia la psicologia del razzismo e dell'antirazzismo e ha scritto ampiamente sulla teoria della microaggressione. "Ce n'erano letteralmente migliaia." Anche la tua presenza fisica può essere sufficiente per impedire a qualcuno di essere bersaglio di violenza razziale, ha detto LaVonne Pepe, assistente sociale e allenatore senior di Alteristic. Quando dovrei intervenire? Gli astanti attivi dovrebbero sforzarsi di intervenire presto e spesso. Ciò di cui abbiamo bisogno, ha detto la dottoressa Sue, è che gli alleati "trovino il coraggio morale di intervenire quando vedono avvenire una trasgressione morale". "Quando non viene intrapresa alcuna azione e le persone rimangono in silenzio di fronte al razzismo, si provoca dolore e sofferenza agli obiettivi, crea senso di colpa nella mente degli spettatori e crea un falso consenso sul fatto che il razzismo sia OK", ha detto in una e-mail . L'autrice Robin DiAngelo ha coniato il termine "fragilità dei bianchi" per descrivere ciò che lei chiama "silenzio, difesa, argomentazione, certezza e altre forme di respingimento" che i bianchi manifestano quando si confrontano con i propri pregiudizi razziali. Ma, secondo la signora Domingo, costruire il "coraggio morale" per affrontare questi sentimenti e diventare uno spettatore più attivo può aiutare a rendere il mondo un posto più equo. "Ci vuole lavoro e tempo, ma in realtà si migliora", ha detto. "Perché inizi a sentirti sicuro, inizi a sentire, Hey, posso farlo." E se sbaglio? Desideri. Riprova. Sviluppa la resilienza. Se ti senti a disagio ed esausto, significa che stai andando nella giusta direzione. Come ogni cosa che valga la pena fare, diventare uno spettatore attivo richiede pratica. "Se non li sfidiamo, continueranno a fare quello che fanno e influenzeranno altre persone a fare lo stesso", ha aggiunto.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l