Passa ai contenuti principali

Barbie contro il razzismo

Barbie – sì, la bambola di plastica Mattel - ha un messaggio sul razzismo che ha attirato l'attenzione di Twitter, scrive Carly Mallenbaum. In un nuovo video pubblicato sulla pagina YouTube di Barbie, dove una Barbie animata e le sue amiche appaiono regolarmente in clip in stile vlog, ha una discussione con Nikki, una bambola nera. Il loro discorso è diventato virale. "C'è un enorme movimento in corso", dice Barbie, aprendo il video seduta accanto a Nikki. "Milioni di persone in tutto il mondo si alzano per combattere il razzismo, e lo fanno perché troppo spesso e per così tanto tempo le persone sono state trattate ingiustamente e in alcuni casi anche ferite da altre, a causa del colore della loro pelle." Quindi, Nikki parla delle sue esperienze. "Barbie e io abbiamo fatto un concorso per la vendita di adesivi sulla spiaggia il mese scorso. Ci siamo separate e siamo andate in direzioni diverse per vedere chi poteva vendere di più. Mentre ero sul lungomare, la sicurezza della spiaggia mi ha fermato tre volte", dice Nikki. "L'agente di sicurezza pensava che stessi facendo qualcosa di brutto, anche se stavo facendo esattamente la stessa cosa che stavi facendo tu." Ricorda anche quando è entrata a far parte di un club d'onore francese a scuola, ma un'insegnante, che non la conosceva, le ha detto di essere stata "fortunata" a un esame di ammissione di francese per averlo superato. "Perché non sei rimasta nel club e non le hai dimostrato che si sbagliava?" chiede Barbie. "Perché non voglio dimostrare costantemente me stessa", risponde Nikki. "La gente ha fatto queste cose perché ero nera, e hanno fatto supposizioni sbagliate su di me." E poi, Barbie riassume: "Ciò significa che i bianchi ottengono un vantaggio che non hanno guadagnato, e i neri ottengono uno svantaggio che non meritano".

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’ intervista , in occasione della quale ha raccontato un episodio personale. Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata. Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero . Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “ bastardo nero ” lo provocasse. Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio. Vi invito invece a immaginarvi l’opposto. Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “ bastardi bianchi ” da

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla. Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro l