Passa ai contenuti principali

Una storia vera di antirazzismo

In qualità di sociologo qualitativo, sono attratta da storie che dimostrano fatti sociali. Ecco una storia che vorrei condividere e che sottolinea il motivo per cui credo che dobbiamo impegnarci nel lavoro antirazzista e farlo anche nel bel mezzo di un anno definito dallo sconvolgimento, scrive Renée White. C'era una volta una giovane donna che entrò nel bagno sbagliato. Era esausta per il viaggio dal suo paese natale a questo nuovo posto. Tutto quello che voleva era lavarsi le mani e spruzzarsi acqua fredda sul viso. Non si era accorta del suo errore finché qualcuno non l'ha afferrata per il bavero e l'ha strattonata all'indietro, forte. Questa giovane donna di colore era confusa quando il suo soccorritore, anche lui nero, continuava a indicare il cartello, che diceva "colored". Quella giovane donna era mia madre e quella fu la sua introduzione negli Stati Uniti. Affrontare il razzismo anti-nero era parte di ciò che ha plasmato il senso di se stessa, di mia madre. Ma solo una parte. Ha scelto di diventare cittadina degli Stati Uniti. Ha scelto di utilizzare la sua successiva formazione come infermiera a New York per offrire seminari sulla salute riproduttiva nei fine settimana ai bambini di Washington Heights. Ha scelto di mobilitarsi e difendere gli altri. Ha visto che le sue scelte nel presente avrebbero contribuito a plasmare il futuro. Sono la figlia di un immigrata dall'America Latina e di un uomo che è stato la prima generazione della sua famiglia nato negli Stati Uniti e che è stato il primo ad andare al college. Sono il prodotto di una famiglia che come tante altre ha resistito attivamente al razzismo semplicemente vivendo. Quando ero bambina, i miei genitori mi mandarono a Fieldston, una scuola privata nel Bronx che è affiliata ai principi umanistici della Ethical Culture Society. Ero una ragazza con borsa di studio. I miei genitori non potevano davvero permettersi che me ne andassi e infatti hanno dovuto tirarmi fuori un anno. Il mio ritorno è stato dovuto esclusivamente all'aiuto di zia Alina, amica di mia madre dai tempi della scuola per infermieri, una donna polacca sopravvissuta all'Olocausto. Zia Alina risparmiava tutto e questo includeva i soldi. Con il suo aiuto sono riuscita a diplomarmi. Com'è incomprensibile che il trauma della prigionia e della disumanizzazione - le storie dell'Olocausto, dell'anti-blackness e della xenofobia, leghino queste due donne l'una all'altra per tutta la vita. La loro capacità di sopravvivere a sistemi disumanizzanti oppressivi mi lascia in soggezione. La loro dedizione a sfidare le barriere e trasformarle in opportunità mi ispira. Hanno vissuto vite piene e creative di scopo - ed è per loro che continuo a sfidare me stessa e i sistemi di ingiustizia che ancora persistono.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…