Passa ai contenuti principali

Una storia vera di antirazzismo

In qualità di sociologo qualitativo, sono attratta da storie che dimostrano fatti sociali. Ecco una storia che vorrei condividere e che sottolinea il motivo per cui credo che dobbiamo impegnarci nel lavoro antirazzista e farlo anche nel bel mezzo di un anno definito dallo sconvolgimento, scrive Renée White. C'era una volta una giovane donna che entrò nel bagno sbagliato. Era esausta per il viaggio dal suo paese natale a questo nuovo posto. Tutto quello che voleva era lavarsi le mani e spruzzarsi acqua fredda sul viso. Non si era accorta del suo errore finché qualcuno non l'ha afferrata per il bavero e l'ha strattonata all'indietro, forte. Questa giovane donna di colore era confusa quando il suo soccorritore, anche lui nero, continuava a indicare il cartello, che diceva "colored". Quella giovane donna era mia madre e quella fu la sua introduzione negli Stati Uniti. Affrontare il razzismo anti-nero era parte di ciò che ha plasmato il senso di se stessa, di mia madre. Ma solo una parte. Ha scelto di diventare cittadina degli Stati Uniti. Ha scelto di utilizzare la sua successiva formazione come infermiera a New York per offrire seminari sulla salute riproduttiva nei fine settimana ai bambini di Washington Heights. Ha scelto di mobilitarsi e difendere gli altri. Ha visto che le sue scelte nel presente avrebbero contribuito a plasmare il futuro. Sono la figlia di un immigrata dall'America Latina e di un uomo che è stato la prima generazione della sua famiglia nato negli Stati Uniti e che è stato il primo ad andare al college. Sono il prodotto di una famiglia che come tante altre ha resistito attivamente al razzismo semplicemente vivendo. Quando ero bambina, i miei genitori mi mandarono a Fieldston, una scuola privata nel Bronx che è affiliata ai principi umanistici della Ethical Culture Society. Ero una ragazza con borsa di studio. I miei genitori non potevano davvero permettersi che me ne andassi e infatti hanno dovuto tirarmi fuori un anno. Il mio ritorno è stato dovuto esclusivamente all'aiuto di zia Alina, amica di mia madre dai tempi della scuola per infermieri, una donna polacca sopravvissuta all'Olocausto. Zia Alina risparmiava tutto e questo includeva i soldi. Con il suo aiuto sono riuscita a diplomarmi. Com'è incomprensibile che il trauma della prigionia e della disumanizzazione - le storie dell'Olocausto, dell'anti-blackness e della xenofobia, leghino queste due donne l'una all'altra per tutta la vita. La loro capacità di sopravvivere a sistemi disumanizzanti oppressivi mi lascia in soggezione. La loro dedizione a sfidare le barriere e trasformarle in opportunità mi ispira. Hanno vissuto vite piene e creative di scopo - ed è per loro che continuo a sfidare me stessa e i sistemi di ingiustizia che ancora persistono.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'