Passa ai contenuti principali

Storia vera di razzismo a scuola

Iniziare l'ultimo anno nel mezzo di una pandemia ha comportato più sfide che mai: navigare tra le domande del college mentre mi occupo del burnout da Zoom e della mancanza di connessione fisica con i miei amici, scrive Rainier Harris. Frequento Regis, il liceo cattolico accademicamente rigoroso nell'Upper East Side di Manhattan. Per coloro che entrano, è gratuito ed è regolarmente riconosciuto come una delle migliori scuole superiori del paese. Quindi è più che un po' preoccupante che io sappia che dovrò affrontare il razzismo occasionale in una simile istituzione. Anche se le lezioni sono iniziate da remoto, il razzismo che molti studenti neri come me hanno sperimentato e continuano a sperimentare a scuola sembra più svuotante emotivamente che mai. Sentivo un immenso orgoglio entrando in Regis, ma anche una grande pressione. Mio fratello maggiore era stato uno studente eccezionale lì. Andò alla Yale University per scienze politiche, quindi completò immediatamente un J.D./M.B.A simultaneo. In tre anni alla Yale Law e alla Yale School of Management. Mia sorella è una senior a Yale, studia informatica e musica. Ottenere la "migliore istruzione possibile" è il mantra dei miei genitori immigrati giamaicani. Essendo il loro figlio più piccolo, sento la pressione di fare lo stesso. Sento che ci si aspetta un certo livello di successo. Eppure, anche in questo ambiente ad alto rendimento, tra i coetanei che "dovrebbero conoscermi meglio", mi sono sentito costantemente diminuito. I compagni di classe hanno fatto numerosi commenti nel corso degli anni su come l'azione affermativa li metta in una posizione di svantaggio per entrare nelle scuole superiori. Anche se so che i miei amici potrebbero aver cercato innocentemente di mettermi a mio agio in un processo di ammissione all'università estremamente difficile, la vedo in modo molto diverso. L'azione affermativa e l'eredità erano una scusa se non fossero entrati a Yale? Volevano cancellare i miei risultati accademici e il mio valore individuale? Anche dopo un'estate di proteste contro le uccisioni di George Floyd, Breonna Taylor, Ahmaud Arbery e numerose altre vittime della brutalità della polizia, le scuole devono ancora lavorare per affrontare il razzismo istituzionalizzato all'interno delle loro comunità. Non sono estraneo al comportamento razzista. Alla scuola media, sono stato preso di mira, così come dai compagni di classe che usavano casualmente la parola con la N. Ogni speranza che questo sarebbe stato evitato a Regis è stata rapidamente smentita. Nelle prime due settimane lì, una mia foto è stata condivisa in giro per la scuola da un compagno di classe bianco; la didascalia si riferiva a me come a una scimmia. Anche nelle circostanze più favorevoli, gli studenti neri si sentono costantemente diversi. Che si tratti di teste che si girano verso di te durante una lezione sulla schiavitù in quarta elementare o di tutti quelli che ti fissano quando si parla di movimento per i diritti civili, ti ci abitui...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl