Passa ai contenuti principali

Si può smettere di essere razzisti?

“Sarò sempre un razzista?” Si chiede Dale Wallace. “Sono un uomo bianco di 63 anni e poiché sono bianco e un uomo, ho sempre vissuto una vita privilegiata. Poche persone hanno messo in dubbio i miei pensieri o le mie convinzioni e talvolta il mio stato mi ha impedito di vedere il mio vero io. Potrei nascondere e ignorare i miei peggiori torti. Quando ero giovane ero - senza dubbio - un razzista. Sono cresciuto in una famiglia che considerava il bianco la razza "migliore" e tutti gli altri colori ed etnie erano inferiori. Anche se non ne ero inconsapevole, il razzismo è diventato parte della mia identità. Mi piace pensare di essere stato abbastanza aperto da rendermi conto alla fine del mio orribile difetto e, anche adesso, sto imparando a essere migliore. Eppure a volte sono tormentato dal pensiero: il razzismo è qualcosa che mi lascerò mai veramente alle spalle? I miei genitori mi hanno insegnato a essere razzista. Mio padre era il manager di un allevamento di bestiame e aveva bisogno di assumere qualcuno che lo aiutasse. Non c'erano uomini bianchi disponibili al momento, quindi ha assunto un uomo indigeno. Mi ha detto che l'uomo potrebbe non durare come impiegato perché "tutti gli indiani sono ubriachi". Purtroppo, dopo che l'uomo ha ricevuto la sua prima busta paga, se ne è andato per diversi giorni. Mio padre lo ha licenziato quando è tornato. E nella mia mente, proprio in quel momento, si è formato uno stereotipo sugli indigeni. Lavoro come infermiere psichiatrico in una clinica di salute mentale di comunità nel Lower Mainland della British Columbia. All'inizio della mia carriera, il mio razzismo ha influenzato il modo in cui consideravo alcuni dei miei clienti. Per molto tempo ho creduto allo stereotipo di mio padre sugli indigeni come "ubriachi". Pensavo che gli europei dell'Est non avrebbero mai potuto riprendersi da una malattia mentale perché erano troppo testardi per ottenere informazioni. Più ho incontrato persone di diversi colori della pelle ed etnie, più ho messo in dubbio le mie convinzioni razziste. Non ricordo un momento esatto in cui ho cambiato il mio modo di pensare, poiché è stato un processo graduale. Tuttavia, anche se ne sapevo meglio, raccontavo spesso barzellette razziste. Anche adesso, a volte non riesco ad affrontare una persona che le dice, specialmente se quella persona è in una posizione di autorità. È un mio fallimento personale e parte del mio viaggio è acquisire il coraggio di confrontarmi con gli altri. Ma sono fortunato a essere sposato con una persona estremamente perspicace e, grazie all'onesto sostegno e all'amore di mia moglie, ho ottenuto i mezzi per spezzare la catena del mio comportamento razzista. Fortunatamente, i miei figli non sono diventati razzisti. In effetti, ho imparato dai miei figli. Mia figlia maggiore ha corretto il mio vocabolario. Per esempio, non chiamare più i popoli indigeni "indiani". E mia figlia più piccola ha sottolineato cosa c'è di sbagliato nelle mie battute sugli asiatici e sulla guida.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl