Passa ai contenuti principali

Si può smettere di essere razzisti?

“Sarò sempre un razzista?” Si chiede Dale Wallace. “Sono un uomo bianco di 63 anni e poiché sono bianco e un uomo, ho sempre vissuto una vita privilegiata. Poche persone hanno messo in dubbio i miei pensieri o le mie convinzioni e talvolta il mio stato mi ha impedito di vedere il mio vero io. Potrei nascondere e ignorare i miei peggiori torti. Quando ero giovane ero - senza dubbio - un razzista. Sono cresciuto in una famiglia che considerava il bianco la razza "migliore" e tutti gli altri colori ed etnie erano inferiori. Anche se non ne ero inconsapevole, il razzismo è diventato parte della mia identità. Mi piace pensare di essere stato abbastanza aperto da rendermi conto alla fine del mio orribile difetto e, anche adesso, sto imparando a essere migliore. Eppure a volte sono tormentato dal pensiero: il razzismo è qualcosa che mi lascerò mai veramente alle spalle? I miei genitori mi hanno insegnato a essere razzista. Mio padre era il manager di un allevamento di bestiame e aveva bisogno di assumere qualcuno che lo aiutasse. Non c'erano uomini bianchi disponibili al momento, quindi ha assunto un uomo indigeno. Mi ha detto che l'uomo potrebbe non durare come impiegato perché "tutti gli indiani sono ubriachi". Purtroppo, dopo che l'uomo ha ricevuto la sua prima busta paga, se ne è andato per diversi giorni. Mio padre lo ha licenziato quando è tornato. E nella mia mente, proprio in quel momento, si è formato uno stereotipo sugli indigeni. Lavoro come infermiere psichiatrico in una clinica di salute mentale di comunità nel Lower Mainland della British Columbia. All'inizio della mia carriera, il mio razzismo ha influenzato il modo in cui consideravo alcuni dei miei clienti. Per molto tempo ho creduto allo stereotipo di mio padre sugli indigeni come "ubriachi". Pensavo che gli europei dell'Est non avrebbero mai potuto riprendersi da una malattia mentale perché erano troppo testardi per ottenere informazioni. Più ho incontrato persone di diversi colori della pelle ed etnie, più ho messo in dubbio le mie convinzioni razziste. Non ricordo un momento esatto in cui ho cambiato il mio modo di pensare, poiché è stato un processo graduale. Tuttavia, anche se ne sapevo meglio, raccontavo spesso barzellette razziste. Anche adesso, a volte non riesco ad affrontare una persona che le dice, specialmente se quella persona è in una posizione di autorità. È un mio fallimento personale e parte del mio viaggio è acquisire il coraggio di confrontarmi con gli altri. Ma sono fortunato a essere sposato con una persona estremamente perspicace e, grazie all'onesto sostegno e all'amore di mia moglie, ho ottenuto i mezzi per spezzare la catena del mio comportamento razzista. Fortunatamente, i miei figli non sono diventati razzisti. In effetti, ho imparato dai miei figli. Mia figlia maggiore ha corretto il mio vocabolario. Per esempio, non chiamare più i popoli indigeni "indiani". E mia figlia più piccola ha sottolineato cosa c'è di sbagliato nelle mie battute sugli asiatici e sulla guida.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…