Passa ai contenuti principali

Razzismo nello sport: storie vere e testimonianze

Ecco alcune persone che condividono le loro esperienze di razzismo a tutti i livelli dello sport, scrivono Kate Kopczyk e Miriam Walker-Khan. Emile Heskey (Ex attaccante di Liverpool, Leicester e Inghilterra) Avrò avuto circa 13 anni. Sono stato inseguito in una partita di calcio del Leicester City, nello stadio da un tifoso di Leicester e sono tornato in centro. E io ero un ragazzino. Mi chiama nero questo e quello. Non sapevo cosa mi avrebbe fatto, sicuramente non mi avrebbe abbracciato. Essendo cresciuto negli anni '80, dovevi conoscere l'ambiente circostante, cosa c'è intorno a te, se attraversare la strada, cosa fare. Ti porta via la tua innocenza. Ho giocato per la squadra inglese agli under 16, sono andato in Irlanda e mi hanno sputato addosso e chiamato con la parola con la N. Anita Asante (Aston Villa Women e difensore dell'Inghilterra) Quando sei giovane non sempre capisci le sottigliezze del linguaggio usato intorno a te in relazione al modo in cui ti esibisci, o quello che fai e dici. È solo quando invecchi, inizi a riflettere e pensi che "non era bello". Andre Gray (Attaccante Watford) Questo va avanti da centinaia di anni ormai. Non mi siederò qui e dirò che tutto si sistemerà da solo e le persone si fermeranno, così tante cose sono successe tra il 1900 e il 2020, ma è un inizio. Siamo in una generazione diversa, ora, i social media sono ovunque e tutto è in televisione e tu sai tutto quello che sta succedendo - e si spera che possa aiutare, ma questo è ancora da vedere. Chris Hughton (Ex giocatore del Tottenham e allenatore del Brighton) Come giocatore ho sperimentato molto razzismo negli anni '80, in particolare dagli spalti, ma era qualcosa che esisteva nel nostro gioco. Il razzismo è scomparso? Non credo proprio. Gli insulti razzisti arrivavano con un brutto risultato per il club. Ora c'è un mezzo più grande per esprimerlo. Una volta, ci sono stati tre incidenti entro mezz'ora dalla fine della partita. Oggi arriva attraverso i social media. Questo è qualcosa di nuovo per noi. Twitter offre alle persone un veicolo per mostrare il razzismo e sfogare la rabbia. Rimla Akhtar (La prima donna musulmana a sedere nel Consiglio della Federcalcio) Vado alle partite da quasi 20 anni. Non andrei mai a una partita di calcio da sola; Andrei sempre con uno dei miei fratelli. Quando ho iniziato ad andare per la prima volta ho concordato con i miei fratelli e mia madre che mi sarei tolta l'hijab quando sarei arrivata allo stadio e avrei indossato un cappellino da baseball e una sciarpa intorno al collo per coprirmi in un modo che mi sentissi a mio agio ma anche in un modo in cui mi sarei mimetizzata. Shaakir Uddin (Arbitro e insegnante di scuola secondaria) A volte il razzismo si sente, non solo attraverso le parole ma anche attraverso le azioni, il modo in cui le persone ti guardano. In campo ho ricevuto razzismo, con insulti piuttosto estremi da parte di giocatori o allenatori. Non mi sentivo bene, non lo augurerei a nessuno. Mi ha fatto sentire giù. Ma dovevo elevarmi al di sopra e non abbassarmi affatto al loro livello. Lungi Macebo (Direttore operativo della città di Birmingham) Ho avuto molte esperienze. Mi presento a una partita a un certo ingresso e chiedo se sono nel posto giusto - e lo chiedo innocentemente - ma ottengo quel secondo sguardo dalla persona che sta presidiando la porta. Anche arrivando alla porta con un biglietto in mano ho ancora uno sguardo divertente. Penso che anche prima che le persone mi parlino, presumono che io sia lì come partner di uno degli amministratori o come partner di un calciatore, piuttosto che esserci di diritto.

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl