Passa ai contenuti principali

Razzismo anti asiatico tra gli studenti

Di recente, su Google Maps e Instagram c'era un falso elenco di "ristoranti asiatici" che coinvolgeva studenti della mia università che includeva voci di menu come "insalata di coda di topo" e "fronte di struzzo marinata". Il nome, il menu e le recensioni del ristorante, anche se intese come uno scherzo, erano tutti esempi spregevoli della prevalenza e della perpetuazione del razzismo anti-asiatico che è molto presente oggi e portato alla ribalta in mezzo alla pandemia di COVID-19, scrive Michael Nguyen -Truong. Tale comportamento crea un ambiente di lavoro spiacevole e molto scomodo che non è né accogliente né inclusivo per i ricercatori asiatici come me. A peggiorare le cose, si è scoperto che l'account Instagram era collegato a studenti prevalentemente del mio college. Sapere che ci sono studenti nel mio stesso college che diffondono opinioni così offensive è inquietante ed è diventata una realizzazione della mia stessa ansia emersa nei primi giorni della pandemia. Poiché il virus ha avuto origine a Wuhan, ho dovuto lottare con il crescente fanatismo nei confronti degli asiatici oltre a evitare il virus stesso. All'inizio, ci sarebbero stati rapporti su rapporti su come gli asiatici stavano affrontando attacchi verbali e fisici alimentati dal razzismo e l'uso inquietante e comune dei termini "virus cinese" e "influenza kung". Pertanto, mi è stato detto da familiari e amici di essere vigile e attento quando ero letteralmente ovunque tranne che a casa mia. All'inizio della pandemia, non era necessario indossare la maschera, ma era qualcosa che consideravo fortemente di fare in laboratorio e nel campus dato che avevo alcune maschere anti polvere. Non li ho indossati, tuttavia, poiché mi è stato detto che i colleghi potrebbero sospettare che fossi stato infettato dal coronavirus e mi evitassero o mi molestassero. Mi è stato detto di non rimanere fino a tardi ed evitare le aree scarsamente popolate del campus in quanto potrebbe essere fisicamente pericoloso. Ho finito per tornare a casa presto quasi tutti i giorni, abbreviando il tempo per gli esperimenti e il lavoro. Queste erano tutte cose che ho accettato a causa della xenofobia nei confronti degli asiatici in tutto il mondo, ma l'accresciuta consapevolezza è diventata gravosa e ha reso la ricerca (così come le attività non di ricerca e di svago) ancora più difficili. All'epoca, pensavo che parlare di queste preoccupazioni potesse farmi diventare un bersaglio di battute dietro le quinte tra colleghi e provocare alienazione o perdita di collaborazione. Alla fine, la mia ansia non era infondata. Dato che presto tornerò fisicamente in un edificio frequentato regolarmente da molti studenti di ingegneria, è ancora più preoccupante ora di quanto lo fosse diversi mesi fa, sapere che i potenziali colleghi con cui lavoro o vedo regolarmente potrebbero avere opinioni razziste. Domande e pensieri tipo "Gli altri vedono me e gli altri asiatici come antigienici e malati?" o "Alcuni studenti nel mio edificio eviteranno o faranno commenti razzisti su di me?" oppure "Come posso fare ricerche adeguate quando sono preoccupato?" oppure "Dovrei cercare di finire i miei esperimenti il prima possibile per ridurre al minimo il mio tempo nel campus" continueranno a pervadere la mia mente...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…