Passa ai contenuti principali

Razzismo anti asiatico tra gli studenti

Di recente, su Google Maps e Instagram c'era un falso elenco di "ristoranti asiatici" che coinvolgeva studenti della mia università che includeva voci di menu come "insalata di coda di topo" e "fronte di struzzo marinata". Il nome, il menu e le recensioni del ristorante, anche se intese come uno scherzo, erano tutti esempi spregevoli della prevalenza e della perpetuazione del razzismo anti-asiatico che è molto presente oggi e portato alla ribalta in mezzo alla pandemia di COVID-19, scrive Michael Nguyen -Truong. Tale comportamento crea un ambiente di lavoro spiacevole e molto scomodo che non è né accogliente né inclusivo per i ricercatori asiatici come me. A peggiorare le cose, si è scoperto che l'account Instagram era collegato a studenti prevalentemente del mio college. Sapere che ci sono studenti nel mio stesso college che diffondono opinioni così offensive è inquietante ed è diventata una realizzazione della mia stessa ansia emersa nei primi giorni della pandemia. Poiché il virus ha avuto origine a Wuhan, ho dovuto lottare con il crescente fanatismo nei confronti degli asiatici oltre a evitare il virus stesso. All'inizio, ci sarebbero stati rapporti su rapporti su come gli asiatici stavano affrontando attacchi verbali e fisici alimentati dal razzismo e l'uso inquietante e comune dei termini "virus cinese" e "influenza kung". Pertanto, mi è stato detto da familiari e amici di essere vigile e attento quando ero letteralmente ovunque tranne che a casa mia. All'inizio della pandemia, non era necessario indossare la maschera, ma era qualcosa che consideravo fortemente di fare in laboratorio e nel campus dato che avevo alcune maschere anti polvere. Non li ho indossati, tuttavia, poiché mi è stato detto che i colleghi potrebbero sospettare che fossi stato infettato dal coronavirus e mi evitassero o mi molestassero. Mi è stato detto di non rimanere fino a tardi ed evitare le aree scarsamente popolate del campus in quanto potrebbe essere fisicamente pericoloso. Ho finito per tornare a casa presto quasi tutti i giorni, abbreviando il tempo per gli esperimenti e il lavoro. Queste erano tutte cose che ho accettato a causa della xenofobia nei confronti degli asiatici in tutto il mondo, ma l'accresciuta consapevolezza è diventata gravosa e ha reso la ricerca (così come le attività non di ricerca e di svago) ancora più difficili. All'epoca, pensavo che parlare di queste preoccupazioni potesse farmi diventare un bersaglio di battute dietro le quinte tra colleghi e provocare alienazione o perdita di collaborazione. Alla fine, la mia ansia non era infondata. Dato che presto tornerò fisicamente in un edificio frequentato regolarmente da molti studenti di ingegneria, è ancora più preoccupante ora di quanto lo fosse diversi mesi fa, sapere che i potenziali colleghi con cui lavoro o vedo regolarmente potrebbero avere opinioni razziste. Domande e pensieri tipo "Gli altri vedono me e gli altri asiatici come antigienici e malati?" o "Alcuni studenti nel mio edificio eviteranno o faranno commenti razzisti su di me?" oppure "Come posso fare ricerche adeguate quando sono preoccupato?" oppure "Dovrei cercare di finire i miei esperimenti il prima possibile per ridurre al minimo il mio tempo nel campus" continueranno a pervadere la mia mente...

Compra il mio ultimo libro A morte i razzisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl