venerdì 4 settembre 2020

Parlare di razzismo è importante

L'organizzazione no-profit One Warsaw ha tenuto il primo incontro della sua serie di “Be Kind Talks” questo giovedì al Limitless Park di Winona Lake, scrive Amanda Bridgman. La conversazione - sul razzismo e l'antirazzismo - è stata condotta da Jonna Watson, psicologa; Sara Strahan, una persona di colore locale; Andrew Morton, pastore associato presso la chiesa presbiteriana evangelica di Varsavia; e Travis McConnell, di One Warsaw.
Strahan ha detto che parte del problema è che l'ego delle persone si intromette quando si tratta di poter parlare di razzismo.
"Abbiamo bisogno di empatia, abbiamo bisogno di comprensione in questo paese", ha aggiunto. Watson ha fatto eco ai sentimenti di Strahan e ha dichiarato che quando una persona non può mettere da parte l'ego, diventa problematico in qualsiasi relazione o conversazione.
"È una cosa difficile da fare", ha detto Watson.
Per Morton, si tratta di incontrare le persone nei punti di partenza individuali del loro viaggio e di capire dove si trovano e perché sono a quel punto.
"Alcune persone non sono ancora state portate in primo piano", ha detto Morton, confessando di vivere in una comunità non molto diversificata. "Non hanno dovuto affrontarlo."
Morton ha detto che l'umiltà è il modo in cui la comunità può superare l'attuale clima del mondo.
McConnell ha spiegato che One Warsaw crede che non essere razzista non sia sufficiente: una persona deve essere anti-razzista.
Strahan ha confidato che l'antirazzismo per lei significa accettare tutte le persone e imparare a non giudicare il prossimo.
"Quando ti concentri su qualcuno in base a quello che è come persona... diventa umano, perché è umano", ha detto Strahan.
Morton ha detto che per lui inizia con il porsi le domande difficili e lamentandosi dei modi in cui ha beneficiato del razzismo sistemico ed essendo disposto ad affrontarlo. Morton ha anche riconosciuto quello che chiama razzismo sistemico nelle chiese e nelle congregazioni. Ha detto che nel 2020 la domenica mattina è ancora uno dei periodi più segregati in America.
Sta cercando di fare la sua parte intrattenendo conversazioni individuali con le persone e collegandole anche ad altre voci, ha detto.
Strahan incoraggia la comunità a essere consapevole di come i suoi membri si parlano.
"Va bene che ognuno di noi sia diverso nel modo in cui vediamo il mondo", ha detto. "Ma sii consapevole."
"Mi dispiace per il modo in cui la chiesa non è riuscita ad ascoltare in passato e ha contribuito a questo", ha detto Morton. “È giunto il momento per noi di entrare nella conversazione. Come persone di fede, è tempo per noi di essere tutti coinvolti nel portare avanti questa conversazione ".
Strahan ha anche notato la folla presente - e a coloro che guardano su Facebook Live di One Warsaw - che chiunque subisca il razzismo sul posto di lavoro ha opzioni per difendersi, incluso contattare fonti di sostegno in rete.
"Prenderanno in esame tuo caso", si è auspicato.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento