Passa ai contenuti principali

Aggressione razzista della rivista Valeurs Actuelles

Una rivista francese conservatrice è sotto accusa dopo che ha pubblicato un racconto di fantasia un'illustrazione raffigurante un legislatrice francese come una schiavo africana che è stato messo all'asta nel XVIII secolo, scrive Constant Méheut.

La vittima di tale aggressione razzista, Danièle Obono, è un'attivista antirazzista nera ed è nata nell'ex colonia francese del Gabon. L'ha definita "un insulto alla mia storia, alla mia famiglia e alle storie ancestrali, alla storia della schiavitù" e l’ha descritto come un "attacco politico e razzista".

L’articolo di sette pagine, pubblicato questa settimana sulla rivista Valeurs Actuelles, conteneva una serie di immagini, tra cui una della signora Obono con le catene al collo. Sabato, i politici francesi di tutta la divisione politica avevano criticato la rivista per il suo ritratto altamente offensivo della signora Obono.

"Questa pubblicazione rivoltante richiede una condanna inequivocabile", ha scritto su Twitter il primo ministro Jean Castex. Il presidente Emmanuel Macron ha inviato alla signora Obono un messaggio di sostegno.

All'estrema destra, Wallerand de Saint-Just, un alto funzionario del National Rally Party di Marine Le Pen, ha scritto su Twitter che ciò che la rivista aveva fatto era ingiustificato. "La lotta politica non giustifica questo tipo di rappresentazione umiliante e offensiva di un rappresentante eletto della repubblica", ha scritto.

Yves de Kerdrel, caporedattore della rivista fino al 2018, ha affermato che la storia era "esplosiva" e ha contribuito alla "normalizzazione del razzismo". Gli attuali redattori della rivista, un settimanale rivolto ai lettori di destra e di estrema destra, hanno negato che la storia fosse razzista, ma hanno rilasciato delle scuse.

"Mi dispiace che la gente possa aver pensato che eravamo razzisti", ha detto sabato al canale francese BFMTV Tugdual Denis, vicedirettore della rivista. “Siamo anticonformisti, siamo politicamente scorretti. Questo è il DNA di questo documento. "

La storia faceva parte di una serie di brevi racconti estivi raffiguranti personaggi politici contemporanei in periodi storici precedenti e scritti da un autore anonimo usando lo pseudonimo di Harpalus.

In esso, la signora Obono ritorna al XVIII secolo e si ritrova in un piccolo villaggio nell'attuale Ciad. All'inizio, è felice di "riconnettersi con le sue radici". Ma ben presto viene disillusa dall'"ordine patriarcale" del villaggio e cade nella tratta degli schiavi inter-africana.

La storia racconta poi di come la signora Obono venga portata nei mercati dove si vendono africani schiavi, ma non trova acquirenti: “Danièle non ha trovato un acquirente, senza sapere se dovrebbe rallegrarsi o lamentarsi, e non senza sentire, assurdamente, un piccolo colpo al suo orgoglio. "

La storia finisce quando la signora Obono viene acquistata da un religioso francese, liberata e portata in un monastero in Francia per riprendersi dall'esperienza.

In un'intervista telefonica, la signora Obono ha detto di essersi rifiutata di leggere l'intera storia e l'ha definita "una rappresentazione degradante e umiliante di me stessa e dell'Africa del XVIII secolo". I redattori della rivista hanno affermato che il loro obiettivo era ricordare ai lettori che la schiavitù in Africa non era stata perpetrata solo dagli europei, ma anche dagli africani...

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl