Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2020

Si può smettere di essere razzisti?

“Sarò sempre un razzista?” Si chiede Dale Wallace. “Sono un uomo bianco di 63 anni e poiché sono bianco e un uomo, ho sempre vissuto una vita privilegiata. Poche persone hanno messo in dubbio i miei pensieri o le mie convinzioni e talvolta il mio stato mi ha impedito di vedere il mio vero io. Potrei nascondere e ignorare i miei peggiori torti. Quando ero giovane ero - senza dubbio - un razzista. Sono cresciuto in una famiglia che considerava il bianco la razza "migliore" e tutti gli altri colori ed etnie erano inferiori. Anche se non ne ero inconsapevole, il razzismo è diventato parte della mia identità. Mi piace pensare di essere stato abbastanza aperto da rendermi conto alla fine del mio orribile difetto e, anche adesso, sto imparando a essere migliore. Eppure a volte sono tormentato dal pensiero: il razzismo è qualcosa che mi lascerò mai veramente alle spalle? I miei genitori mi hanno insegnato a essere razzista. Mio padre era il manager di un allevamento di bestiame…

Contro il razzismo in Francia: statua di Solitude

Parigi sta per erigere una statua di una donna nera coinvolta in una ribellione del 1802 contro la schiavitù sull'isola caraibica francese di Guadalupa. La donna, chiamata Solitude, è stata catturata e forse giustiziata. Aprendo sabato un giardino pubblico in suo onore, il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ha definito Solitude "un'eroina" e un "simbolo forte". La storia della schiavitù della Francia è stata sottoposta a un nuovo esame, in parte a causa delle proteste statunitensi Black Lives Matter. C'è stata una ricerca interiore sulla commemorazione pubblica di figure coloniali come lo statista del XVII secolo Jean-Baptiste Colbert, che ha codificato la schiavitù all'estero ed è ricordato da una statua fuori dal parlamento nazionale a Parigi. Ma il presidente Emmanuel Macron si è pronunciato contro la rimozione di statue o nomi di personaggi controversi, offrendo invece "uno sguardo lucido alla nostra storia e alla nostra memoria". Chi era …

Razzismo nello sport: storie vere e testimonianze

Ecco alcune persone che condividono le loro esperienze di razzismo a tutti i livelli dello sport, scrivono Kate Kopczyk e Miriam Walker-Khan. Emile Heskey (Ex attaccante di Liverpool, Leicester e Inghilterra) Avrò avuto circa 13 anni. Sono stato inseguito in una partita di calcio del Leicester City, nello stadio da un tifoso di Leicester e sono tornato in centro. E io ero un ragazzino. Mi chiama nero questo e quello. Non sapevo cosa mi avrebbe fatto, sicuramente non mi avrebbe abbracciato. Essendo cresciuto negli anni '80, dovevi conoscere l'ambiente circostante, cosa c'è intorno a te, se attraversare la strada, cosa fare. Ti porta via la tua innocenza. Ho giocato per la squadra inglese agli under 16, sono andato in Irlanda e mi hanno sputato addosso e chiamato con la parola con la N. Anita Asante (Aston Villa Women e difensore dell'Inghilterra) Quando sei giovane non sempre capisci le sottigliezze del linguaggio usato intorno a te in relazione al modo in cui ti…

L'antirazzismo è un'azione non un sentimento

Ijeoma Oluo, autrice di "So You Want to Talk About Race" (2018), si è rivolta alla comunità di Tufts in un webinar il 22 settembre. L'evento faceva parte della Tisch College Distinguished Speaker Series. Il decano del Jonathan M. Tisch College of Civic Life Alan Solomont ha condiviso le dichiarazioni di apertura e Joyce Sackey, rettore associato e chief diversity officer, era la moderatrice, scrive Sarah Sandlow. Il decano ha sottolineato l'importanza di portare consapevolezza alle conversazioni sulla giustizia razziale e ha elogiato la comunità. "Promuovere la conversazione e l'azione sulla giustizia razziale è una parte indispensabile della preparazione degli studenti a partecipare alla vita civica", ha detto Solomont. "Spero che tutti noi siamo rincuorati dal fatto che così tanti colleghi e membri della comunità vogliono fare questo difficile lavoro in comunità, insieme." Sackey ha quindi guidato la conversazione con Oluo e le ha chiesto…

Storia vera di razzismo a scuola

Iniziare l'ultimo anno nel mezzo di una pandemia ha comportato più sfide che mai: navigare tra le domande del college mentre mi occupo del burnout da Zoom e della mancanza di connessione fisica con i miei amici, scrive Rainier Harris. Frequento Regis, il liceo cattolico accademicamente rigoroso nell'Upper East Side di Manhattan. Per coloro che entrano, è gratuito ed è regolarmente riconosciuto come una delle migliori scuole superiori del paese. Quindi è più che un po' preoccupante che io sappia che dovrò affrontare il razzismo occasionale in una simile istituzione. Anche se le lezioni sono iniziate da remoto, il razzismo che molti studenti neri come me hanno sperimentato e continuano a sperimentare a scuola sembra più svuotante emotivamente che mai. Sentivo un immenso orgoglio entrando in Regis, ma anche una grande pressione. Mio fratello maggiore era stato uno studente eccezionale lì. Andò alla Yale University per scienze politiche, quindi completò immediatamente un J.…

Una storia vera di antirazzismo

In qualità di sociologo qualitativo, sono attratta da storie che dimostrano fatti sociali. Ecco una storia che vorrei condividere e che sottolinea il motivo per cui credo che dobbiamo impegnarci nel lavoro antirazzista e farlo anche nel bel mezzo di un anno definito dallo sconvolgimento, scrive Renée White. C'era una volta una giovane donna che entrò nel bagno sbagliato. Era esausta per il viaggio dal suo paese natale a questo nuovo posto. Tutto quello che voleva era lavarsi le mani e spruzzarsi acqua fredda sul viso. Non si era accorta del suo errore finché qualcuno non l'ha afferrata per il bavero e l'ha strattonata all'indietro, forte. Questa giovane donna di colore era confusa quando il suo soccorritore, anche lui nero, continuava a indicare il cartello, che diceva "colored". Quella giovane donna era mia madre e quella fu la sua introduzione negli Stati Uniti. Affrontare il razzismo anti-nero era parte di ciò che ha plasmato il senso di se stessa, di m…

Razzismo contro gli indigeni in Nuova Zelanda

Quasi 40 accademici indigeni chiedono un'indagine nazionale sul razzismo nelle università della Nuova Zelanda, affermando che la discriminazione nei confronti degli studenti e del personale docente Māori è radicata ed endemica, scrive Eleanor Ainge Roy. Margaret Mutu è una professoressa di studi Māori presso l'Università di Auckland e ha affermato che il razzismo istituzionale contro studenti e insegnanti, e nel curriculum e nel modo in cui viene fornito, ha assediato il settore per decenni. "C'è sempre stata resistenza a includere qualsiasi elemento Māori", ha detto Mutu. "Soprattutto quegli aspetti della conoscenza e della borsa di studio Māori che possono mettere in discussione l'applicabilità della conoscenza e delle borse di studio eurocentriche a Māori e alle nostre visioni del mondo". Trentasette accademici Maori di otto università neozelandesi hanno ora firmato una lettera aperta al ministro dell'Istruzione Chris Hipkins chiedendo un…

Razzismo anti asiatico tra gli studenti

Di recente, su Google Maps e Instagram c'era un falso elenco di "ristoranti asiatici" che coinvolgeva studenti della mia università che includeva voci di menu come "insalata di coda di topo" e "fronte di struzzo marinata". Il nome, il menu e le recensioni del ristorante, anche se intese come uno scherzo, erano tutti esempi spregevoli della prevalenza e della perpetuazione del razzismo anti-asiatico che è molto presente oggi e portato alla ribalta in mezzo alla pandemia di COVID-19, scrive Michael Nguyen -Truong. Tale comportamento crea un ambiente di lavoro spiacevole e molto scomodo che non è né accogliente né inclusivo per i ricercatori asiatici come me. A peggiorare le cose, si è scoperto che l'account Instagram era collegato a studenti prevalentemente del mio college. Sapere che ci sono studenti nel mio stesso college che diffondono opinioni così offensive è inquietante ed è diventata una realizzazione della mia stessa ansia emersa nei primi …

Chat razziste di estrema destra nella polizia in Germania

In Germania cresce la preoccupazione per la scoperta di atteggiamenti di estrema destra tra la polizia. Cinque gruppi di chat di estrema destra sono stati scoperti tra i membri delle forze di polizia nella Germania occidentale, in quella che il governo locale ha definito una "disgrazia". Circa 126 immagini sono state condivise nei gruppi, comprese le immagini di Adolf Hitler e un'immagine falsificata di un rifugiato in una camera a gas. Ventinove agenti di polizia hanno preso parte alle chat, tutti sospesi, ha detto ai giornalisti a Dusseldorf Herbert Reul, ministro degli interni nello stato del Nord Reno-Westfalia. Stanno tutti affrontando misure disciplinari, ha aggiunto. Quattordici di loro rischiano di perdere il lavoro. Reul si è rivolto ai giornalisti dopo che sono state condotte irruzioni contro 14 agenti di polizia in 34 dipartimenti di polizia e proprietà private nelle città di Duisburg, Essen, Moers, Muelheim e Oberhausen. Il ministro ha definito lo scand…

Razzismo sistemico nell'istruzione superiore

Il nesso tra le proteste di Black Lives Matter e una pandemia che uccide in modo sproporzionato i neri e i Latini evidenzia la necessità di porre fine al razzismo sistemico, anche nella scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM), dove la diversità non è cambiata in modo significativo per decenni. Se denigriamo il razzismo strutturale ma torniamo ai comportamenti e ai processi che ci hanno portato a questo momento, questa stagnazione imperdonabile continuerà. Invitiamo l'Accademia a combattere il razzismo sistemico e catalizzare il cambiamento trasformazionale, scrivono Paul H. Barber, Tyrone B. Hayes, Tracy L. Johnson e Leticia Márquez-Magaña. Tutti nel mondo accademico devono riconoscere il ruolo che le università - docenti, personale e studenti - svolgono nel perpetuare il razzismo strutturale sottoponendo gli studenti di colore a culture accademiche inospitali. Le università non sono campi di parità in cui tutti gli studenti hanno pari opportunità di partecipare e ave…

Per Trump parlare di razzismo a scuola è abuso sui minori

Il presidente Donald Trump ha accusato le scuole di insegnare agli studenti "bugie odiose su questo paese" e ha detto che prenderà provvedimenti per "ripristinare l'educazione patriottica" mentre continua la sua opposizione agli sforzi per aumentare la consapevolezza sulle disuguaglianze razziali, scrive Shannon Pettypiece. Parlando a quella che la Casa Bianca ha descritto come una "conferenza sulla storia americana", Trump ha detto che ha intenzione di firmare presto un ordine esecutivo per creare una "commissione nazionale per sostenere l'educazione patriottica" chiamata Commissione del 1776 e che sta dirigendo i finanziamenti per creare un curriculum patriottico per le scuole. "Ai nostri giovani verrà insegnato ad amare l'America con tutto il loro cuore e con tutta la loro anima", ha detto Trump. La Casa Bianca ha rifiutato di dire quando Trump firmerà l'ordine esecutivo. Trump ha detto che l'inquadramento del…

Coordinatore antirazzismo: il primo dell'Unione Europea

Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato mercoledì (16 settembre) le priorità del prossimo piano d'azione contro il razzismo dell'UE, scrive Elena Sánchez Nicolás. Ora la commissione vuole identificare le lacune nella direttiva sull'uguaglianza razziale del 2000 del blocco, in particolare per quanto riguarda la polizia e l'applicazione della legge. "L'odio è odio e nessuno dovrebbe sopportarlo", ha detto la von der Leyen nel suo primo discorso sullo stato dell'Unione, aggiungendo che nell'Unione europea "combattere il razzismo non sarà mai un optional". Il capo dell'esecutivo dell'UE si è impegnato a utilizzare il bilancio dell'UE per affrontare la discriminazione razziale in settori come l'istruzione, l'occupazione, l'alloggio e l'assistenza sanitaria, con l'obiettivo di affrontare i "pregiudizi inconsci" nelle persone, nelle istituzioni e persino negli alg…

Conseguenze del razzismo sistemico

Il razzismo sistemico ha ostacolato il progresso economico e sociale dall'abolizione della tratta degli schiavi. Paesi tra cui Stati Uniti, Francia e Brasile sono ancora alle prese con problemi legati al razzismo (anche l’Italia N.d.R.). Si prevede che il divario di ricchezza tra bianchi e neri americani costerà all'economia degli Stati Uniti tra 1 trilione e 1,5 trilioni di dollari di consumi e investimenti persi tra il 2019 e il 2028. George Floyd. Breonna Taylor. Ahmaud Arbery. Tre neri americani uccisi in atti che hanno ricordato al mondo che il razzismo sistemico è ancora molto reale negli Stati Uniti. Le proteste di inizio estate che seguirono, sebbene innescate da quelle morti, furono manifestazioni di rabbia e disperazione più profonde per il razzismo che ha afflitto il paese sin dalla sua fondazione. Mentre le proteste si diffondevano in tutto il mondo, molti iniziarono a spostare l'attenzione dalla solidarietà con i neri americani all'ingiustizia razziale a…

Il razzismo è una crisi di salute pubblica

Il consiglio di amministrazione dell'Accademia dei medici di famiglia del New Hampshire denuncia apertamente il razzismo istituzionalizzato, che si traduce in morti ingiustificate e in esiti disparati per la salute dei cittadini neri, scrivono di Joann Buonomano e Marie Ramas.

Come medici, vediamo in prima persona l'impatto innegabilmente deleterio che il razzismo ha sulla salute dei pazienti e non siamo soli in questa osservazione. L'American Academy of Family Physicians, l'American Medical Association, l'American Public Health Association e i leader di entrambi gli Harvard T.H. La Chan School of Public Health e la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, così come molti leader del sistema sanitario, riconoscono che il razzismo è una crisi di salute pubblica che richiede la nostra immediata attenzione, poiché colpisce tutti noi direttamente e indirettamente.

Ora, come nazione, condanniamo la violazione dei diritti umani e l'abuso di potere che ha provo…

Dieci modi per essere antirazzista

Grazie al lavoro del dottor Ibram X. Kendi e del dottor Robin DiAngelo, ecco i 10 principi fondamentali con cui combattere il razzismo:

1. Istruzione
Kendi, uno dei principali studiosi di antirazzismo, sostiene che il cuore del razzismo è la negazione. Non puoi riconoscere o cambiare ciò che neghi o scegli di non vedere.

2. Intenzione
L'antirazzismo è uno stile di vita. Come iniziare qualsiasi nuova abitudine, l'antirazzismo richiede una decisione consapevole per perseguirla come obiettivo e modo di essere.

3. Coraggio
Affrontare i fatti sul razzismo, il privilegio dei bianchi e la supremazia dei bianchi è difficile.

4. Individualità
Vedere l'individualità di un'altra persona significa notare i dettagli e le qualità, sia positive che negative, che la distinguono dal gruppo.

5. Umanità
Sostenere l'umanità significa facilitare la riorganizzazione degli afroamericani e di tutte le persone di ogni altra origine diversa dalla tua

6. Lavoro antirazzista
In questo contest…

Parlare di razzismo è importante

L'organizzazione no-profit One Warsaw ha tenuto il primo incontro della sua serie di “Be Kind Talks” questo giovedì al Limitless Park di Winona Lake, scrive Amanda Bridgman. La conversazione - sul razzismo e l'antirazzismo - è stata condotta da Jonna Watson, psicologa; Sara Strahan, una persona di colore locale; Andrew Morton, pastore associato presso la chiesa presbiteriana evangelica di Varsavia; e Travis McConnell, di One Warsaw.
Strahan ha detto che parte del problema è che l'ego delle persone si intromette quando si tratta di poter parlare di razzismo.
"Abbiamo bisogno di empatia, abbiamo bisogno di comprensione in questo paese", ha aggiunto. Watson ha fatto eco ai sentimenti di Strahan e ha dichiarato che quando una persona non può mettere da parte l'ego, diventa problematico in qualsiasi relazione o conversazione.
"È una cosa difficile da fare", ha detto Watson.
Per Morton, si tratta di incontrare le persone nei punti di partenza individuali …

Non razzisti e anti razzisti

L'orribile omicidio in pieno giorno di George Floyd, un uomo afroamericano disarmato, da parte di un membro del dipartimento di polizia di Minneapolis il 25 maggio, ha attivato una rinnovata urgenza per una conversazione difficile ma necessaria sul razzismo anti-nero, scrive Sulaimon Giwa.

La morte di Floyd ha galvanizzato i movimenti locali e nazionali per porre fine al razzismo e alla brutalità della polizia contro i neri.

Stiamo assistendo a una resa dei conti contro secoli di razzismo sistemico anti-nero e privazione dei diritti dei neri. Le folle multirazziali di attivisti e cittadini preoccupati per le strade credono che un mondo migliore sia possibile. Chiedono riforme radicali delle istituzioni e dei sistemi pubblici, compresa la polizia.

Il razzismo anti-nero riguarda fondamentalmente la svalutazione sistemica della vita nera. I neri hanno sempre compreso e resistito a questa narrativa culturale dominante, insistendo sul fatto che non ci definisce . In effetti, le person…

Aggressione razzista della rivista Valeurs Actuelles

Una rivista francese conservatrice è sotto accusa dopo che ha pubblicato un racconto di fantasia un'illustrazione raffigurante un legislatrice francese come una schiavo africana che è stato messo all'asta nel XVIII secolo, scrive Constant Méheut.

La vittima di tale aggressione razzista, Danièle Obono, è un'attivista antirazzista nera ed è nata nell'ex colonia francese del Gabon. L'ha definita "un insulto alla mia storia, alla mia famiglia e alle storie ancestrali, alla storia della schiavitù" e l’ha descritto come un "attacco politico e razzista".

L’articolo di sette pagine, pubblicato questa settimana sulla rivista Valeurs Actuelles, conteneva una serie di immagini, tra cui una della signora Obono con le catene al collo. Sabato, i politici francesi di tutta la divisione politica avevano criticato la rivista per il suo ritratto altamente offensivo della signora Obono.

"Questa pubblicazione rivoltante richiede una condanna inequivocabile&qu…