Passa ai contenuti principali

Razzismo tra scienziati

Alla nostra prima riunione di laboratorio da quando i blocchi di COVID-19 sono stati revocati, sentii disagio. Dopo essermi seduto a un grande tavolo, ho notato che nessuno sembrava voler sedersi accanto a me, scrive Tanmoy Das Lala*. Mentre più persone si avvicinavano, la maggior parte dei miei compagni di laboratorio si rannicchiava sul lato opposto del tavolo. Qualcuno ha menzionato l'"influenza kung". Un altro compagno di laboratorio ha “scherzato” sul fatto che gli asiatici dovrebbero davvero indossare delle maschere, specialmente in piccole riunioni come le riunioni di laboratorio. Mi ci sono voluti alcuni istanti per rendermi conto che - essendo l'unica persona asiatica nella stanza - probabilmente stavano parlando di me. So che avrei dovuto indossare una maschera, ma non ero l'unico a non averla.

Pochi giorni prima, ero seduto nell'atrio dell'edificio con un collega nero che discuteva di un metodo sperimentale quando uno scienziato di un altro laboratorio si è unito a noi. Dopo aver notato la spilla del mio collega Black Lives Matter, lo scienziato ha detto: "Dovresti davvero tenere la tua politica a casa". Siamo rimasti

entrambi sorpresi. Il nostro ha continuato a dichiarare che il saccheggio non è la soluzione giusta all'uccisione di George Floyd, che le persone hanno bisogno di trovare un lavoro invece di protestare tutto il giorno e che i neri non dovrebbero essere così arrabbiati per tutto il tempo. Ci siamo seduti lì, sconvolti, ma non abbiamo detto nulla.

In un'altra occasione, un ex collaboratore mi ha chiesto, come immigrato, come mi sentissi riguardo ai divieti di immigrazione del presidente Donald Trump. Ho detto che desideravo che gli immigrati non fossero costantemente visti come una minaccia per l'economia perché abbiamo così tanto da offrire, in particolare nei settori di lavoro di nicchia. La risposta della persona è stata sulla falsariga di "Almeno la Silicon Valley sarà meno una "città marrone" (quindi più gialla, secondo il razzista… N.d.A.) e darà agli altri una possibilità". Ho riso ma mi sono sentito seriamente a disagio.

Perché non ho parlato? Perché temevo ripercussioni e sono sicuro di non essere il solo a sentirmi così. Nelle rare occasioni in cui ho espresso la mia preoccupazione per i commenti razzisti, mi è stato detto che sono "troppo un guerriero della giustizia sociale". Sono a un punto precario nella mia formazione, perché attualmente sto facendo rotazioni di laboratorio e mi accontenterò di un dottorato di ricerca il prossimo anno. Le relazioni tese con i miei colleghi possono rendere più difficile la ricerca di un laboratorio permanente, oppure possono portare a scarse lettere di raccomandazione o a perdere opportunità di scrivere articoli come autore.

Tuttavia, i commenti razzisti, non importa quanto alcune persone possano pensare di esserlo, non dovrebbero essere normalizzati e tollerati. Sono profondamente turbato dal fatto che nell'attuale contesto politico, alcune persone, compresi alcuni scienziati, ritengano giusto dire queste cose. E vorrei che gli scienziati si sentissero più a loro agio a mettere tutto ciò in discussione.

Le università devono creare spazi sicuri per discutere frontalmente questioni razziali e microaggressioni, ad esempio sviluppando serie di seminari o club di riviste per educare la comunità sui problemi e generare soluzioni. E la scienza stessa ha bisogno di un cambiamento culturale. Dovremmo impegnarci a ritenerci reciprocamente responsabili di comportamenti problematici. Quando sorgono problemi, gli enti dovrebbero disporre di una procedura chiara per la presentazione dei reclami.

* Tanmoy Das Lala è uno studente con un M.D.-Ph.D. in un programma tri-istituzionale offerto dalla Weill Cornell Medicine, dalla Rockefeller University e dal Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York City.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…