venerdì 3 luglio 2020

Razzismo nel mondo accademico

Stiamo discutendo duramente sulla giustizia razziale nelle corporazioni americane e accademiche proprio ora. Abbiamo assistito a una raffica di dichiarazioni aziendali sulla diversità tra le proteste nazionali a sostegno del movimento Black Lives Matter. Queste conversazioni produrranno qualcosa? Si chiedono Tsedale M. Melaku e Angie Beeman.

Le nostre ricerche, storie personali e le esperienze di molti altri non offrono motivi di ottimismo. Perché? Quando le persone di colore danno voce alla discriminazione che subiscono, vengono spesso messe a tacere dai loro colleghi bianchi, molti dei quali pretendono di essere progressisti liberali. E sebbene vi sia la percezione che il mondo accademico sia un rifugio sicuro per

questo tipo di conversazioni oneste, è spesso il contrario. Fino a quando questo non cambierà nell'istruzione e oltre, riteniamo che non saremo in grado di raggiungere l'equità razziale negli spazi istituzionali bianchi.

Sappiamo in prima persona cosa significhi far parte di un'istituzione accademica bianca: scriviamo come studiosi di colore che hanno dedicato una vita all'antirazzismo e alle alleanze incrociate. Noi due abbiamo legato e costruito un'amicizia sulle nostre esperienze condivise con l'ostilità razziale sul posto di lavoro. In questo articolo, vogliamo condividere le nostre storie personali e alcune delle ricerche pertinenti per identificare alcuni temi comuni. Crediamo che le nostre esperienze personali - insieme a quelle di così tanti altri - aiuteranno a illustrare le barriere ancora in atto per il modo in cui parliamo, analizziamo e agiamo intorno alla giustizia razziale.

La ricerca di Tsedale si concentra su come origini, genere, classe, diversità e disuguaglianza sul posto di lavoro svolgono un ruolo importante nelle esperienze professionali delle donne di colore. Il suo libro, You Don't Look Like a Lawyer: Black Women and Systemic Gendered Racism, esamina nello specifico in che modo origini e genere incidono sulle traiettorie di carriera come avvocate delle donne di colore. In essa, descrive il concetto della clausola del lavoro invisibile, che è l'aggiunta del "lavoro invisibile" ai gruppi emarginati che devono esibirsi per navigare nella loro esistenza quotidiana all'interno di spazi sociali e professionali. Introduce anche il concetto di imposta sull'inclusione per descrivere le risorse aggiuntive "spese", come il tempo, i soldi e l'energia emotiva e cognitiva, solo per aderire alle norme in questi spazi bianchi e tutto ciò contribuisce al silenzio delle persone di colore in spazi istituzionali bianchi. La loro competenza viene messa in discussione quotidianamente in modi diversi dalle loro controparti bianche. E le donne di colore sono spesso costrette a sopportare il peso di svolgere il lavoro sulla diversità per far percepire le loro organizzazioni come progressiste.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento