Passa ai contenuti principali

Razzismo nel mondo accademico

Stiamo discutendo duramente sulla giustizia razziale nelle corporazioni americane e accademiche proprio ora. Abbiamo assistito a una raffica di dichiarazioni aziendali sulla diversità tra le proteste nazionali a sostegno del movimento Black Lives Matter. Queste conversazioni produrranno qualcosa? Si chiedono Tsedale M. Melaku e Angie Beeman.

Le nostre ricerche, storie personali e le esperienze di molti altri non offrono motivi di ottimismo. Perché? Quando le persone di colore danno voce alla discriminazione che subiscono, vengono spesso messe a tacere dai loro colleghi bianchi, molti dei quali pretendono di essere progressisti liberali. E sebbene vi sia la percezione che il mondo accademico sia un rifugio sicuro per

questo tipo di conversazioni oneste, è spesso il contrario. Fino a quando questo non cambierà nell'istruzione e oltre, riteniamo che non saremo in grado di raggiungere l'equità razziale negli spazi istituzionali bianchi.

Sappiamo in prima persona cosa significhi far parte di un'istituzione accademica bianca: scriviamo come studiosi di colore che hanno dedicato una vita all'antirazzismo e alle alleanze incrociate. Noi due abbiamo legato e costruito un'amicizia sulle nostre esperienze condivise con l'ostilità razziale sul posto di lavoro. In questo articolo, vogliamo condividere le nostre storie personali e alcune delle ricerche pertinenti per identificare alcuni temi comuni. Crediamo che le nostre esperienze personali - insieme a quelle di così tanti altri - aiuteranno a illustrare le barriere ancora in atto per il modo in cui parliamo, analizziamo e agiamo intorno alla giustizia razziale.

La ricerca di Tsedale si concentra su come origini, genere, classe, diversità e disuguaglianza sul posto di lavoro svolgono un ruolo importante nelle esperienze professionali delle donne di colore. Il suo libro, You Don't Look Like a Lawyer: Black Women and Systemic Gendered Racism, esamina nello specifico in che modo origini e genere incidono sulle traiettorie di carriera come avvocate delle donne di colore. In essa, descrive il concetto della clausola del lavoro invisibile, che è l'aggiunta del "lavoro invisibile" ai gruppi emarginati che devono esibirsi per navigare nella loro esistenza quotidiana all'interno di spazi sociali e professionali. Introduce anche il concetto di imposta sull'inclusione per descrivere le risorse aggiuntive "spese", come il tempo, i soldi e l'energia emotiva e cognitiva, solo per aderire alle norme in questi spazi bianchi e tutto ciò contribuisce al silenzio delle persone di colore in spazi istituzionali bianchi. La loro competenza viene messa in discussione quotidianamente in modi diversi dalle loro controparti bianche. E le donne di colore sono spesso costrette a sopportare il peso di svolgere il lavoro sulla diversità per far percepire le loro organizzazioni come progressiste.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…