Passa ai contenuti principali

Razzismo in Greenpeace Germania

Ero l'unica attivista non bianco in una protesta contro una centrale a carbone in Germania. Sono stata esclusa dalle foto condivise sui social media da Greenpeace Germania, scrive Tonny Nowshin.

Questo è successo meno di sei mesi dopo un

incidente simile con l'attivista climatica ugandese Vanessa Nakate. L'unica differenza: questa volta è stato fatto da persone all'interno del movimento per il clima. Persone che normalmente chiamerei colleghi e amici.

Quando sono diventata attiva nel movimento per il clima, non pensavo che avrei finito per parlare dell'importanza di affrontare il razzismo più e più volte.

Nel mio mondo ingenuo, ho pensato che quando le persone combattono contro una forma di ingiustizia, sviluppano naturalmente la sensibilità e rispondono rapidamente anche ad altre ingiustizie. Ho imparato che il mondo è molto più complicato di così.

A seguito delle proteste di Black Lives Matter scatenate dall'omicidio di George Floyd, Friday for future Germany ha impiegato più di una settimana a mostrare solidarietà sui social media. Inoltre, Fridays for Future ha "apprezzato" un commento su Instagram, che ha criticato il locale di Darmstadt per aver denunciato la violenza della polizia e il razzismo strutturale.

Questi incidenti sono stati imbarazzanti per me. Come attivista del clima sento una profonda proprietà sul movimento. E come donna di colore, ho una profonda connessione con il movimento anti-razzista. Come posso difendere i miei colleghi nel movimento per il clima contro altri attivisti anti-razzismo, quando mostrano così poca empatia nei confronti delle lotte razziali?

Ma prima di difendere i miei colleghi verso il mondo esterno, devo parlare della rappresentazione delle persone di colore all'interno del movimento climatico.

Il 20 maggio, io e altre sette donne attiviste di diverse organizzazioni - tra cui Greenpeace Germania - abbiamo partecipato a una protesta contro la nuova centrale a carbone Datteln 4.

A seguito dell'azione, Greenpeace Germania ha twittato le foto. C'erano molte foto tra cui scegliere dove ero visibile. Eppure, non sono presente in alcuna delle otto foto che sono state twittate dall'account di Greenpeace. Sono stata solo taggata nel post.

Il mio primo istinto è stato di andarmene- come farebbe la maggior parte di noi quando qualcuno ci tratta in modo irrispettoso. Ma poi ho iniziato a sentirmi in colpa per non aver sottolineato la loro selettività. Per non essere più forte.

Sono abituata ad affrontare il razzismo nelle strade della Germania da persone che si vestono di nero e si radono la testa. Anche a volte da estranei dall'aspetto regolare che non si rendono conto di essere razzisti. Non me lo aspettavo da persone che avrei considerato colleghi.

Con il passare del tempo, ho capito, non è che il movimento per il clima non conosca i suoi problemi o non sia completamente istruito. È piuttosto, all'interno del movimento c'è uno status quo, e mi aspetto che mi inserisca. Sono tollerata negli spazi climatici purché non rivendichi la stessa proprietà degli attivisti bianchi. Il nero, gli indigeni e le persone di colore (BIPoC) sono i benvenuti quando ci adattiamo al ruolo di "token" o di "voce di vittima".

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…