Passa ai contenuti principali

Razzismo in Greenpeace Germania

Ero l'unica attivista non bianco in una protesta contro una centrale a carbone in Germania. Sono stata esclusa dalle foto condivise sui social media da Greenpeace Germania, scrive Tonny Nowshin.

Questo è successo meno di sei mesi dopo un

incidente simile con l'attivista climatica ugandese Vanessa Nakate. L'unica differenza: questa volta è stato fatto da persone all'interno del movimento per il clima. Persone che normalmente chiamerei colleghi e amici.

Quando sono diventata attiva nel movimento per il clima, non pensavo che avrei finito per parlare dell'importanza di affrontare il razzismo più e più volte.

Nel mio mondo ingenuo, ho pensato che quando le persone combattono contro una forma di ingiustizia, sviluppano naturalmente la sensibilità e rispondono rapidamente anche ad altre ingiustizie. Ho imparato che il mondo è molto più complicato di così.

A seguito delle proteste di Black Lives Matter scatenate dall'omicidio di George Floyd, Friday for future Germany ha impiegato più di una settimana a mostrare solidarietà sui social media. Inoltre, Fridays for Future ha "apprezzato" un commento su Instagram, che ha criticato il locale di Darmstadt per aver denunciato la violenza della polizia e il razzismo strutturale.

Questi incidenti sono stati imbarazzanti per me. Come attivista del clima sento una profonda proprietà sul movimento. E come donna di colore, ho una profonda connessione con il movimento anti-razzista. Come posso difendere i miei colleghi nel movimento per il clima contro altri attivisti anti-razzismo, quando mostrano così poca empatia nei confronti delle lotte razziali?

Ma prima di difendere i miei colleghi verso il mondo esterno, devo parlare della rappresentazione delle persone di colore all'interno del movimento climatico.

Il 20 maggio, io e altre sette donne attiviste di diverse organizzazioni - tra cui Greenpeace Germania - abbiamo partecipato a una protesta contro la nuova centrale a carbone Datteln 4.

A seguito dell'azione, Greenpeace Germania ha twittato le foto. C'erano molte foto tra cui scegliere dove ero visibile. Eppure, non sono presente in alcuna delle otto foto che sono state twittate dall'account di Greenpeace. Sono stata solo taggata nel post.

Il mio primo istinto è stato di andarmene- come farebbe la maggior parte di noi quando qualcuno ci tratta in modo irrispettoso. Ma poi ho iniziato a sentirmi in colpa per non aver sottolineato la loro selettività. Per non essere più forte.

Sono abituata ad affrontare il razzismo nelle strade della Germania da persone che si vestono di nero e si radono la testa. Anche a volte da estranei dall'aspetto regolare che non si rendono conto di essere razzisti. Non me lo aspettavo da persone che avrei considerato colleghi.

Con il passare del tempo, ho capito, non è che il movimento per il clima non conosca i suoi problemi o non sia completamente istruito. È piuttosto, all'interno del movimento c'è uno status quo, e mi aspetto che mi inserisca. Sono tollerata negli spazi climatici purché non rivendichi la stessa proprietà degli attivisti bianchi. Il nero, gli indigeni e le persone di colore (BIPoC) sono i benvenuti quando ci adattiamo al ruolo di "token" o di "voce di vittima".

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl