Passa ai contenuti principali

Il fallimento contro il razzismo delle grandi democrazie

Il movimento contro il razzismo anti-nero ha messo in risalto i fallimenti della democrazia americana - e non solo quella degli Stati Uniti N.d.R. - tramite manifestazioni e scatenate proteste di solidarietà in tutto il mondo, afferma Ashley Quarcoo. Nel mezzo di una pandemia globale, le proteste hanno messo in luce l'ampia portata del razzismo sistemico in molte società democratiche occidentali, in particolare all'interno delle istituzioni di polizia e di giustizia penale. Più in generale, le proteste hanno rivelato che esistono profondi deficit di fiducia tra le comunità nere e i loro governi. Se le democrazie occidentali
desiderano mantenere una certa credibilità come sostenitori principali dei diritti umani e della governance democratica, devono cercare di comprendere e affrontare appieno il ruolo che il razzismo svolge nel minare la legittimità delle loro istituzioni.

Il ventre molle della democrazia: la narrativa globale sull'uso della violenza della polizia contro i neri è giustamente centrata sul problema negli Stati Uniti. Tl tasso di detenzione del paese è il più alto del mondo, i neri rappresentano un terzo dell'intera popolazione carceraria ma solo il 12% di la popolazione totale e il recente omicidio di George Floyd ha accentuato una storia di brutali uccisioni di neri. Inoltre, la morte di Floyd sembra aver finalmente spostato l'opinione pubblica. In un recente sondaggio del Pew Research Center, due terzi degli americani ora esprimono sostegno per il movimento Black Lives Matter.

Tuttavia, concentrarsi esclusivamente sugli Stati Uniti trascura la misura in cui il razzismo sistemico permea profondamente le forze dell'ordine e la giustizia penale in altri paesi democratici occidentali altamente sviluppati. Uno studio condotto in Canada su fatali scontri della polizia dal 2000 al 2017 ha rilevato che i neri rappresentavano quasi il 37% delle vittime a Toronto, anche se rappresentavano solo l'8% della popolazione. In Australia, le proteste di solidarietà di Black Lives Matter hanno suscitato indignazione contro le uccisioni della polizia di indigeni australiani, che sono anche gravemente sovra rappresentati nelle carceri australiane rispetto alla loro piccola popolazione. E come negli Stati Uniti, raramente esiste alcuna responsabilità per la brutalità della polizia; nel Regno Unito, ad esempio, non si è proceduto con successo a un procedimento giudiziario per decesso in custodia di polizia da oltre cinquant'anni.

Anche la profilazione razziale dei neri è diffusa nei paesi spesso considerati modelli di governo democratico dalla comunità internazionale. Ad esempio, negli ultimi tre anni, Freedom House ha valutato la Finlandia come uno dei paesi più liberi del mondo, ottenendo un punteggio perfetto nell'indice Freedom in the World. Tuttavia, secondo l'indagine "Essere neri nell'UE", gestita dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali in tutti i ventotto Stati membri dell'UE nel 2018, la Finlandia ha registrato i più alti tassi di molestie e violenza basate sulla razza. I partecipanti a uno studio triennale separato sulla profilazione razziale in Finlandia hanno descritto in dettaglio le loro esperienze di essere fermati negli spazi pubblici principalmente a causa della loro razza o etnia, inclusi le stazioni ferroviarie e della metropolitana, auto, negozi e parchi, ristoranti e bar e sulla strada per lavoro e scuola. Lo studio rileva la varietà di attori della sicurezza dello stato impegnati nella profilazione, tra cui polizia, guardie di frontiera e funzionari doganali, nonché guardie di sicurezza private, buttafuori e venditori. Tali livelli pervasivi di molestie e sorveglianza dei neri in molte democrazie occidentali sono in netto contrasto con i riconoscimenti spesso dati a queste cosiddette società "libere".
Nel dettaglio, per quanto riguarda l'Italia, tra i neri fermati dalla polizia o simili nei 12 mesi precedenti l'indagine, il 44% ritiene che l'ultima fermata che hanno subito sia stata motivata dal punto di vista razziale. Questa opinione è stata condivisa con i tassi più alti dagli intervistati in Italia (70%) e Austria (63%) e ai tassi più bassi dagli intervistati in Finlandia (18%).

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl