Passa ai contenuti principali

Razzismo online: come combatterlo

Le discriminazioni sul web sono diffuse quanto mai, di questi tempi. Vediamo cosa ci insegna la situazione australiana:

Affrontare il razzismo online è una parte normale della maggior parte dei giorni per Dei Phillips.

È una delle amministratori di Blackfulla Revolution, una pagina Facebook di origine australiana indigena con oltre 190.000 follower.

Mentre parte del lavoro è l'approvvigionamento di articoli e meme da pubblicare, l'equipaggio di volontari che gestisce la pagina si occupa anche di commenti e messaggi razzisti dagli utenti di Facebook, scrive Cameron Wilson.

Una donna di Bundjalung che ha sperimentato il razzismo online e offline, Phillips ha sviluppato il suo modo di rispondere: in primo luogo, contatta la persona coinvolta e offre informazioni sul motivo per cui ritiene inaccettabile il suo commento. Se succede di nuovo, lei blocca e segnala.

I contenuti razzisti online sono un vero problema

per molti australiani, soprattutto considerando l'impatto degli algoritmi sui social media che alcuni temono stiano incentivando il linguaggio estremo ed emotivo.

Quanto è comune il razzismo online?

È impossibile sapere quanti contenuti razzisti ci siano sulle piattaforme dei social media o quanti contenuti razzisti vedrà un australiano ogni giorno online. Non esiste un'agenzia governativa che registra atti di razzismo online.

Un rapporto del 2019 pubblicato dal regolatore Internet australiano, il commissario per la sicurezza elettronica, ha scoperto che uno su sette adulti australiani ha usato discorsi di odio online diretti loro l'anno scorso.

(La definizione di incitamento all'odio si sovrappone, ma non include, tutto il contenuto razzista online. Comprende solo le comunicazioni dirette a un individuo in base alla sua identità e credenze, come razza, genere, religione o altre credenze o aspetti dell'identità. Non includerebbe qualcuno che vede contenuti razzisti diretti a qualcun altro.)

Tim Lo Surdo è il condirettore nazionale del gruppo antirazzista australiano, Democracy in Colour. Ha detto che è estremamente comune per gli indigeni australiani e altri australiani appartenenti a minoranze vedere contenuti razzisti online.

"Per molte persone di colore, Internet è diventato un ambiente tossico con i social media usati dai mercanti della paura come un megafono per il loro odio", ha detto.

Lo Surdo afferma che le persone dovrebbero agire se vedono contenuti razzisti online, indipendentemente dal fatto se siano diretti o meno. Dice che gli alleati bianchi hanno un obbligo particolare di rispondere.

Ma alcuni modi di rispondere potrebbero non essere efficaci o addirittura amplificarli ulteriormente.

Quindi, quali sono le cose migliori che qualcuno può fare quando vede contenuti razzisti online se vuole attenuarne l'impatto e limitarne la portata?

Segnalalo online: aziende come Facebook e Twitter hanno regole per il tipo di contenuto consentito sulle loro piattaforme. Entrambi vietano esplicitamente gli attacchi diretti alle persone in base alla loro razza dalle sue piattaforme.

Non amplificare il razzismo involontariamente: criticare il contenuto razzista mentre lo si condivide può diffondere involontariamente il suo messaggio.

Rivolgiti alla persona che ha condiviso il contenuto: rispondere a qualcuno che ha condiviso contenuti razzisti online è un altro modo di agire, ma capire il modo migliore per farlo è complicato e basato sulla tua relazione con il partecipante.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl