giovedì 11 giugno 2020

Perché contro il razzismo solo da oggi?

Se sento un'altra persona bianca dire "Black Lives Matter", penso che la mia testa esploderà, scrive Joseph Harker. Lo slogan, potente quando reso popolare per la prima volta dai neri dopo le immagini di Trayvon Martin nel 2012 negli Stati Uniti, è diventato così onnipresente da aver perso quasi ogni significato. Un modo per le persone di ripetere all'infinito "Odio il razzismo" senza fare nulla per fermarlo.

Ai bianchi suppongo non piaccia l'idea che le altre persone vengano trattate come inferiori solo a causa del colore della loro pelle. Ma è un sentimento così basilare che non dovremmo dirlo.

Quando persino Boris Johnson può dire "Black Lives Matter" - lo stesso Boris Johnson che parla di piccaninnis africane, di indossatori di burqa "rapinatori di banche", che guida un partito che si definisce contro l'Islamofobia ma rifiuta un'indagine adeguata a riguardo, e di chi faceva parte di un governo che ha deportato cittadini britannici neri e continua ad oggi a perseguire l’ingiustizia di un ambiente ostile - beh, sai che l'indebita appropriazione culturale dello slogan è completa.

Perfino i razzisti odiano il razzismo. Ecco perché

sono sempre alla ricerca di modi per giustificare ciò che fanno. "Non è colpa mia: i neri sono solo un po' più criminali dei bianchi". "Non sono razzista - è solo che molti musulmani sono terroristi". "Mi piacerebbe reclutare una persona di colore - è solo che non sono abbastanza adatti per questo ruolo."

"È solo che ..." Non lo troverai cantato in una piazza da migliaia di manifestanti, ma queste sono probabilmente le tre parole più potenti nella storia del razzismo istituzionale. Sono le parole che le persone dicono in privato - o non dicono - quando prendono le decisioni che contano davvero. Sono le parole che determinano se qualcuno ottiene quel lavoro, quel contratto d'affari, quel posto universitario o quella stanza in affitto.

Negli ultimi giorni mi sono chiesto, perché adesso? Perché, dopo tutto quello che abbiamo saputo sulla brutalità della polizia contro i neri, solo ora le persone dicono in massa che è abbastanza? Penso che ci siano due ragioni principali. Innanzitutto, dato il blocco, non c'è molto altro da fare per i giovani. La rabbia è genuina, ma le solite distrazioni che impediscono alle persone di rivelarsi sono sparite. È la prima volta da mesi che i giovani sono in grado di far parte di un'attività di gruppo.

Ma l'altro fattore è più fondamentale: e cioè la colpa bianca. Mentre i neri hanno imperversato per le sparatorie e le asfissia, per la maggior parte dei bianchi c'è sempre stata una via di fuga.

"È solo che [quelle parole di nuovo]... forse era troppo aggressivo... forse gli ufficiali pensavano di essere in pericolo... era partito improvvisamente il grilletto." Ha permesso ai bianchi di credere che, sebbene i risultati fossero tutti orribili, un sospetto bianco nella stessa situazione avrebbe potuto subire lo stesso destino. Il video di George Floyd si è schiantato contro quell'illusione. Un sospetto sottomesso e inabilitato; un ginocchio gli premeva sul collo mentre supplicava di respirare; i passanti urlavano per la sua vita mentre moriva; l'ufficiale Derek Chauvin ignorava allegramente tutto, assicurandosi di non avere conseguenze per le sue azioni; un collega ufficiale che faceva la guardia per impedire a chiunque venga in soccorso di Floyd. Per quasi nove minuti, molti dopo che era svenuto. Nove minuti...

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento