Passa ai contenuti principali

Differenza tra non essere razzista ed essere antirazzista

Nelle settimane successive alla morte di George Floyd, che ha sconvolto gli USA e molte altri paesi nel mondo, innumerevoli persone sono state portate all'azione, scendendo in piazza e sui social media con l'appassionato supporto alla comunità nera. Un numero crescente di americani è stufo e desideroso di dimostrare che non sono razzisti. Tuttavia, con il paese ora nel mezzo di una resa dei conti razziale, i sostenitori stanno cogliendo l'opportunità di sottolineare che esiste una differenza tra il semplice non essere razzista e l'essere attivamente antirazzista, scrive Christina Capatides.

"Qualcuno che dice non sono un razzista non aiuta

a risolvere il problema", ha detto l'influencer Bryce Michael Wood, che ha iniziato la serie Zoom "For Your Discomfort", dopo la morte di George Floyd. "Semplicemente dire che non lo sto facendo non salva la vita di qualcuno.

Gli attivisti affermano che il primo passo è riconoscere che c'è razzismo in tutti noi e che i pregiudizi e i comportamenti razziali assumono molte forme.

"Quando la maggior parte delle persone pensa al razzismo, pensa a ciò che sappiamo di cosa è successo a George Floyd, o pensa al KKK, o pensa alla schiavitù", ha detto la blogger di lifestyle Ayana Lage. "Quando questa è una specie di tua percezione, è molto facile dire: Beh, non lo farei mai. Non farei mai quella cosa terribile. Ma la questione è più sfumata di così", Sonya Renee Taylor sulla lotta contro il razzismo e l'azione.

Gli atti sottili di razzismo possono spesso essere altrettanto dannosi di quelli più palesi. Che si tratti di lasciare incontrollato il commento offensivo di un parente, o di ridere di una battuta insensibilmente razziale in uno spettacolo televisivo, o di stringere un po' più forte la borsa quando una persona di colore si avvicina sul marciapiede, apparentemente piccole manifestazioni di razzismo contribuiscono a mantenere sistematico il razzismo in atto.

"Il primo passo è prendere coscienza dei tuoi pensieri e delle tue idee, delle tue convinzioni e del modo in cui operano nel mondo", ha affermato Sonya Renee Taylor, autrice e fondatrice di "The Body Is Not a Apology". " "Una volta che sei a quel punto, la scelta è tua. Puoi fare qualcosa di diverso. Ora, che cosa hai intenzione di fare?"

L'azione è la differenza chiave tra l'essere non razzista e l'essere antirazzista. E mentre molti in questi giorni potrebbero interpretare "l'azione" come una protesta, Taylor ha detto che ci sono molte piccole azioni che le persone possono intraprendere nella propria vita che promuovono l'equità nel tempo: diversificare la tua libreria, seguire più persone di colore sui social media, cenare in ristoranti di proprietà di neri, scegliendo di vedere dottori neri e altro ancora.

"Penso che ci siano molte persone in questo momento che si sono risvegliate in un modo nuovo. Sono tipo, 'Oh, vedo alcune cose che non avevo mai visto prima. Wow!' È come il grande risveglio bianco. E non è sufficiente essere solo svegli ", ha detto. "Ci svegliamo ogni mattina. E se ti fossi appena seduto nel tuo letto una volta sveglio, non si farebbe nulla."
Jason Reynolds su cosa significhi essere antirazzista.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl