Passa ai contenuti principali

Razzismo di Trump sarà la sua fine

Il presidente Trump non può fare a meno di essere se stesso, scrive Joe Scarborough. L'ex conduttore della reality TV è stato avvertito dallo staff della Casa Bianca, dal suo team di campagna, dai suoi collaboratori finanziari e dai repubblicani di Capitol Hill che le sue conferenze del pomeriggio stavano causando danni politici. Ma dopo un fine settimana in cui sono state twittate teorie cospirative su ex presidenti e insulti rivolti a esperti di telegiornali...
Fedele alla sua forma, Trump si è bruciato.

Il suo "aggiornamento" sul coronavirus si è interrotto bruscamente dopo aver lanciato un'osservazione bigotta nei confronti di una giornalista americano cresciuta nella Virginia dell'Ovest. Quando Weijia Jiang della CBS News ha chiesto a Trump dei suoi fuorvianti commenti sui test, il presidente ha esclamato: "Dovresti chiedere alla Cina". La famiglia di Jiang emigrò dalla Cina quando aveva 2 anni. Per quello che vale, la madre di Trump emigrò negli Stati Uniti quando aveva 18 anni e sua moglie Melania ottenne un "Visto Einstein", riservato alle persone di "straordinaria capacità". nel 2001. Dopo il ringhioso commento cinese di Trump, Kaitlan Collins della CNN ha pressato il presidente fino a quando si è ritirato bruscamente dal podio presidenziale.
Mentre inciampava, non si poteva fare a meno di ricordare gli attacchi razzisti di Trump del 2016 contro il giudice Gonzalo P. Curiel. L'allora candidato disse che non poteva fidarsi di Curiel perché era "messicano", ma Curiel è un nativo dell'Indiana; i suoi genitori emigrarono lì dal Messico prima che nascesse. I politici repubblicani hanno risposto fortemente agli attacchi di Curiel. Il senatore del Maine Susan Collins ha affermato che ciò "rappresenta i nostri valori americani"; Il senatore del Nebraska Ben Sasse ha affermato che i commenti di Trump sono "la definizione letterale di razzismo"; Il senatore della Florida Marco Rubio ha dichiarato che le parole "non [riflettono] bene noi come nazione; e l'allora presidente Paul D. Ryan ha definito l'attacco di Trump al giudice dell'Indiana una "definizione da manuale di un commento razzista".

Quattro anni dopo, il Partito repubblicano di Trump è diventato intorpidito dagli oltraggi quotidiani del suo leader del partito: gli attacchi razzisti, le 18.000 bugie (è il conteggio), gli insulti meschini, le violazioni delle norme costituzionali e la grave incompetenza che ha peggiorato la crisi del Covid-19 negli Stati Uniti e ha spinto l'America sull'orlo della depressione. Questi politici del GOP credono da tempo che ignorare la mancanza di fiducia di Trump per la carica sia il loro miglior gioco politico, ma la storica frana del Partito Democratico nel 2018 insieme alle loro vittorie governative del Sud dell'anno scorso suggeriscono esattamente il contrario. I sondaggi pubblici e privati mostrano un’immagine peggiore per i repubblicani rispetto al 2008.
Se i Democratici riconquisteranno la Casa Bianca e il controllo del Senato nel 2020, gran parte di ciò avverrà perché gli elettori neri e ispanici continuano a respingere i candidati repubblicani. Ma la brutta esibizione di lunedì ha anche portato in netto rilievo un altro evidente problema per il Partito di Trump: gli americani asiatici. Quando George H.W. Bush ha perso la sua proposta di rielezione contro Bill Clinton nel 1992, il presidente repubblicano aveva ricevuto il 55 percento del voto americano asiatico; Ronald Reagan era andato ancora meglio. Nel 2014, i democratici stavano vincendo il 49 percento degli asiatici americani e, dopo due anni di Trump alla Casa Bianca, quel numero salì al 77 percento. Con esplosioni come quella di lunedì, ci si chiede quanto saranno peggiori le cose per il Grand Old Party di Trump questo autunno...

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c