Passa ai contenuti principali

Razzismo comincia da bambini

C'è una narrazione comune, scrive Tasha Wibawa, secondo cui i bambini non vedono la razza - in sociologia e viene definita daltonismo.

Ebbene, ecco alcuni punti chiave:

1. Ci sono notizie di bambini colpiti dal razzismo alimentato dal coronavirus

2. Il razzismo dovrebbe essere affrontato con tutti i bambini, non solo con quelli che lo sperimentano

3. Gli studi mostrano che i bambini assorbono e imparano da gran parte del loro ambiente

Secondo Yin Paradies, professore e presidente del dipartimento sulle relazioni razziali alla Deakin University, "i bambini lo notano".

"Le prove suggeriscono che... i bambini di tre

mesi hanno una preferenza visiva per i volti di determinate razze e che atteggiamenti, reazioni e comportamenti razzisti si sviluppano dai primi anni [e] in poi", ha aggiunto.

Naomi Priest, professoressa associata presso l'Australian National University Centre for Social Research and Methods, ha affermato che fin dai primi giorni della pandemia di coronavirus le persone di aspetto asiatico - compresi i bambini - erano state oggetto di razzismo.

Mentre i bambini sembrano essere a minor rischio di contrarre il virus, un articolo ancora in corso di pubblicazione co-scritto dal dottoressa Priest e dagli esperti di salute dell'Università di Monash, ANU e Murdoch Children's Health Institute, afferma che la loro vita "ha subito una rapida crescita, con grandi sconvolgimenti a seguito della pandemia ".

Tuttavia, l'impatto sulla salute e sul benessere mentale, sociale, emotivo e fisico potrebbe essere più profondo sui bambini che hanno subito il razzismo durante la pandemia, secondo il documento che sarà pubblicato sul Medical Journal of Australia lunedì.

"Sicuramente stiamo ascoltando storie di bambini che vengono direttamente presi di mira o che gli viene detto... che hanno il virus... sia da parte di altri adulti o altri bambini", ha detto la dottoressa Priest, aggiungendo che l'impatto del razzismo può essere devastante e persino far ammalare i bambini.

"Il nostro recente studio ha scoperto che i bambini in età scolare della scuola elementare australiana che soffrivano di discriminazione razziale avevano un aumento dell'infiammazione, della pressione sanguigna e del rischio di obesità, tutti segni noti per le malattie cardiometaboliche più avanti nella vita come diabete, ictus e malattie cardiache", ha spiegato.

"Le esperienze di discriminazione razziale possono letteralmente rimanere sotto la pelle e avere un impatto sulla salute fisica dei bambini, sui loro sistemi immunitari e infiammatori ... [così come] problemi di salute mentale come depressione, ansia, problemi comportamentali, persino il rischio di suicidio."

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…