giovedì 7 maggio 2020

Museo che investe denaro contro il razzismo

Il Museum of Fine Arts di Boston ha dichiarato martedì che istituirà un fondo da 500.000 dollari dedicato alle iniziative sulla diversità, una mossa che arriva un anno dopo che un gruppo di studenti delle scuole medie nere ha dichiarato di essere stato sottoposto a commenti razzisti durante una gita, scrive Jenny Gross.

Il museo ha anche affermato che, nell'ambito di un accordo con lo stato, farà di più per coinvolgere e sostenere le comunità locali, gli artisti e i giovani di colore, secondo Maura Healey, procuratore generale del Massachusetts.

"Le nostre istituzioni culturali svolgono un ruolo

importante nel promuovere e fornire un ambiente inclusivo per le comunità e le persone di ogni provenienza", ha affermato la signora Healey. "L'accordo di oggi riguarda le esperienze di studenti e insegnanti della Helen Y. Davis Leadership Academy e innalza le loro voci e le voci delle comunità locali di colore per aiutare a modellare il cambiamento e una maggiore comprensione".

Durante la gita, un dipendente del museo è stato accusato di dire agli studenti della Davis Academy: "Niente cibo, niente bevande e niente anguria". Dopo un'indagine, il museo ha affermato di non poter verificare le accuse. Ha detto che un dipendente ha ricordato di aver detto agli studenti che "niente cibo, niente bevande e niente bottiglie d'acqua" erano ammessi nelle gallerie.

Gli studenti neri hanno anche affermato di essere stati scelti dalle guardie di sicurezza che non hanno prestato attenzione agli studenti bianchi, secondo Marvelyne Lamy, l'insegnante che ha accompagnato la gita scolastica.

Una protettrice del museo ha detto a una studentessa - che stava ballando in una mostra interattiva in cui i visitatori erano incoraggiati a muoversi - che avrebbe dovuto concentrarsi sulla mostra piuttosto che "spogliarsi", ha detto la signora Lamy. Più tardi ha sentito per caso un dipendente usare un volgarismo per dire che c'erano troppi studenti neri nel museo.

La signora Lamy e gli altri accompagnatori si sono sentiti così a disagio che hanno deciso di interrompere la visita. Prima di andarsene, hanno presentato una denuncia all'ufficio dei servizi per i visitatori del museo a proposito del razzismo e degli abusi verbali che hanno dichiarato di aver subito, secondo il museo.

"Per molti di loro, questa è stata la prima volta che hanno sperimentato il razzismo", ha detto la signora Lamy. Dopo il viaggio, gli studenti e gli insegnanti hanno discusso le risposte e le soluzioni appropriate che potevano proporre.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento