Passa ai contenuti principali

Il capitalismo è razzista?

Prima della guerra civile americana, gli schiavisti del Sud sostenevano che il loro sistema di lavoro era più umano della "schiavitù salariale" nelle fabbriche del nord industrializzato, scrive Nicholas Lemann. La tesi non ha convinto , ma l'idea ha messo radici al punto che al Sud, durante e dopo la schiavitù, non c’era una vera economia capitalista. Nel 1930, dodici scrittori del sud (tutti bianchi) pubblicarono una raccolta di saggi,
intitolata “I’ll take my stand” (Prenderò la mia posizione), che si aprì con una dichiarazione secondo cui "tutti tendono a sostenere uno stile di vita come quello del Sud contro ciò che può essere chiamato il Modo americano o prevalente; e tutti concordano sul fatto che i termini migliori in cui rappresentare la distinzione sono contenuti nella frase Agrarian vs. Industrial (Agricoltura contro Industria)" Credere che il Sud fosse economicamente diverso non significava essere un difensore della schiavitù o della segregazione; non doveva nemmeno comportare che eri un conservatore. Quando crescevo a New Orleans, continua Lemann, tra i discendenti delle piantatrici di zucchero e cotone antebellum, l'efficienza e l'operosità non erano molto apprezzate, e tutti gli indicatori sociali generali - reddito, salute, istruzione - erano molto più bassi di quanto non fossero al nord. Questa condizione sembrava connessa allo sfruttamento e al disimpegno politico associati a un sistema di caste razziali. Era peggio del capitalismo, non parte del capitalismo.
Ma per molti anni ormai gli storici hanno contestato le vecchie nozioni agrarie meridionali su come il Sud si collegasse al capitalismo. Questa forma di revisionismo, che è sbocciata nell'accademie e oltre negli ultimi dieci anni circa, si ispira a "Capitalismo e schiavitù", un testo pubblicato nel 1944 da Eric Williams, un giovane storico che in seguito divenne il primo Primo Ministro di un indipendente Trinidad e Tobago. Il libro, che sosteneva la centralità della schiavitù nell'ascesa del capitalismo, fu largamente ignorato per mezzo secolo; ora la sua tesi è un punto di partenza per una nuova generazione di borse di studio. Gli schiavisti del sud su larga scala sono oggi considerati esperti in pratiche commerciali come quote di produzione rigide e sempre crescenti per i lavoratori e la creazione di sofisticati strumenti di credito. Piuttosto che rappresentare un sistema alternativo al capitalismo industriale, le piantagioni americane hanno consentito il suo sviluppo, fornendo alle fabbriche tessili di Manchester e Birmingham il cotone per essere trasformato in tessuto dalla nuova classe operaia britannica. Come scrisse Walter Johnson, uno dei principali storici della schiavitù negli USA, nel 2018 "Non esisteva il capitalismo senza schiavitù: la storia di Manchester non è mai avvenuta senza la storia del Mississippi".

La nuova storia della schiavitù cerca di cancellare la distinzione economica e morale tra schiavitù e capitalismo, e tra il Sud e il Nord, mostrando di essere stati tutti parte di un unico sistema. Inevitabilmente, questa visione ha generato intense discussioni, non solo su quanto fosse integrale la piantagione di schiavi nelle economie nazionali e globali, ma anche sul fatto che dovremmo considerare la fine della schiavitù come un importante punto di interruzione nella storia americana o semplicemente una riorganizzazione di un sistema oppressivo in una forma alterata ma ancora essenzialmente opprimente. I critici della nuova storia della schiavitù la castigano per aver minimizzato gli sviluppi come l'abolizione della schiavitù da parte della Gran Bretagna nelle sue colonie e la Guerra civile americana, e per aver sopravvalutato l'importanza della schiavitù per la crescita della prima economia americana, anche se la piantagione era un'impresa commerciale particolarmente spietata.

Gli argomenti sulla schiavitù implicano temi più ampi sull'America. Almeno tra rispettabili storici accademici, i giorni dei resoconti trionfali della grandezza degli Stati Uniti sono passati da tempo. Ma per alcuni l'impresa nazionale può ancora essere vista come una progressione lenta e spesso interrotta verso una società più giusta e democratica; per altri, equivale a una serie di variazioni sulla gerarchia razziale e sullo sfruttamento economico. Una volta posizionata la schiavitù come istituzione fondamentale del capitalismo americano, la storia successiva del Paese può essere rappresentata come un'estensione di questa dinamica di base. Questo è ciò che Walter Johnson fa nel suo nuovo libro, "Il cuore spezzato dell'America: St. Louis e la storia violenta degli Stati Uniti" (Basic). Lo studio dimostra sia la potenza del modello che i suoi limiti.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…