venerdì 29 maggio 2020

Dalai Lama condanna il razzismo

Il Dalai Lama ha condannato la morte di George Floyd nel Minnesota e ha inveito contro la discriminazione e il razzismo, scrive Sugam Pokharel.
Il leader tibetano in esilio ha impartito un insegnamento virtuale sulla compassione ai suoi seguaci durante un webcast venerdì mattina da casa sua a Dharamsala, in India.

"Vediamo nei canali di notizie, la discriminazione in base al colore o alla religione in questi giorni, e poi ci sono uccisioni a causa di ciò, e poi ci sono anche alcuni che si sentono orgogliosi di tutto ciò”

Il leader tibetano ha aggiunto: "Proprio ieri ho visto sul telegiornale, da qualche parte nel Minnesota, o da qualche parte in America, una persona di colore sotto una macchina, e la squadra di polizia... e in realtà l’agente che ha spinto il ginocchio sul collo di quella persona nera".
"Quindi è a causa di questa discriminazione, il razzismo in base alla razza, che queste cose vengono fatte", ha osservato il Dalai Lama.

L'indignazione è cresciuta a livello internazionale dopo che è apparso un video che mostra un ufficiale di polizia di Minneapolis col ginocchio sul collo di Floyd durante l'arresto. Floyd era disarmato e ammanettato e prima di morire ha implorato di liberarlo, perché non poteva respirare.
Il discorso del Dalai Lama faceva parte di un insegnamento di due giorni sull'empowerment su Avalokiteshvara, che è una pratica incentrata sulla compassione e continuerà sabato.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento