Passa ai contenuti principali

Covid-19 insegna come funziona il razzismo

Il coronavirus è onnipresente, scrive Vanessa Williams. Ha contagiato le persone in tutti gli stati, nelle grandi città e nelle comunità rurali e di ogni classe economica. Ha infettato e ucciso uomini e donne di tutte le età e di tutte le etnie. In particolare, nelle parole dei Centers for Disease Control and Prevention, gli afroamericani e altre persone di colore hanno sostenuto negli USA "un onere sproporzionato di malattia e morte" da covid-19, la malattia causata dal virus. Un nuovo studio di questa settimana, condotto dalla Rollins School of Public Health della Amfar e della Emory University, ha scoperto che quelle sproporzionatamente nere rappresentano il 22 percento di tutte le contee ma hanno il 52 percento dei casi di coronavirus e il 58 percento delle morti per covid-19.
Darren Hutchinson, un professore di legge che

studia l'impatto della legge riguardo all’etnia delle persone e il genere, pensa che gli americani bianchi possano imparare una o due cose sul razzismo dalla pandemia. Il modo in cui la paura e l'incertezza che provano ora non è diverso da ciò che gli afroamericani, i latini, gli asiatici americani e gli altri provano continuamente.

Hutchinson, decano associato presso il Levin College of Law dell'Università della Florida, ha approfondito tale idea durante una recente conversazione con About US. Questa intervista è stata leggermente modificata per la lunghezza e la chiarezza.

A differenza di altre catastrofi e crisi, il coronavirus sembra aver messo a nudo le disparità strutturali su tutta la linea - in sanità, economia, persino in giustizia penale - tutte in una volta. Sei d'accordo? In che modo influisce sulla società?

Tutti sono vulnerabili. In termini di geografia, è in tutto il paese. Ogni fascia d'età può essere potenzialmente interessata. È di genere. E nella misura in cui il razzismo strutturale influisce sulle persone lungo tutti quegli assi, questo è un momento in cui si farà davvero notare. In termini di paura che molte persone, in genere, hanno in questo momento - e so che è più alta tra le persone di colore - ma questa è la paura e l'ansia che le persone di colore sperimentano quotidianamente. Il virus non ci sta solo dimostrando quanto sia diffusa la disuguaglianza, ma ci sta anche dando un momento per pensare a come quotidianamente quel razzismo strutturale crei questa ansia.

Hai paura di uscire in questo momento perché non sai se il virus potrebbe esserti trasmesso? Hai paura di perdere il lavoro in questo momento e non sai come ti prenderai cura dei tuoi figli? Ecco come si sente la vittima di razzismo ogni giorno. Non puoi solo percepire la disuguaglianza in cose come l'assistenza sanitaria, ma senti questa esperienza emotiva di temere qualcosa che è là fuori ma non puoi davvero controllarla. Ecco come funziona il razzismo.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…