giovedì 9 aprile 2020

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19.

Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus.

Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon, suggerisce una realtà che fa riflettere.

Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello.

Il concetto di minoranza modello, sviluppato

durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gli americani asiatici fossero gli immigranti ideali di colore negli Stati Uniti a causa del loro successo economico.

Ma negli Stati Uniti, gli americani asiatici sono stati a lungo considerati una minaccia per una nazione che promuoveva una politica di immigrazione per soli bianchi. Erano chiamati un "pericolo giallo": impuri e inadatti alla cittadinanza in America.

Alla fine del XIX secolo, i nativisti bianchi diffondevano la propaganda xenofoba sull'impurità cinese a San Francisco. Ciò ha alimentato il passaggio del famigerato Chinese Exclusion Act, la prima legge negli Stati Uniti che vietava l'immigrazione esclusivamente sulla base della razza. Inizialmente, l'atto ha posto una moratoria di 10 anni su tutta la migrazione cinese.

All'inizio del XX secolo, i funzionari americani nelle Filippine, allora una colonia formale degli Stati Uniti, denigrarono i filippini per i loro corpi apparentemente impuri e incivili. Ufficiali e dottori coloniali identificarono due nemici: insorti filippini contro il dominio americano e "malattie tropicali" che si insediavano nei corpi nativi. Indicando l'insolenza politica e medica dei filippini, questi funzionari giustificarono il continuo dominio coloniale degli Stati Uniti nelle isole.

Il 19 febbraio 1942, il presidente Franklin Delano Roosevelt firmò l'ordine esecutivo 9066 per incarcerare le persone sospettate come nemici nei campi di internamento interni.

Mentre l'ordine riguardava anche i tedeschi e gli italoamericani sulla costa orientale, la stragrande maggioranza di quelli incarcerati nel 1942 erano di origine giapponese. Molti di loro erano cittadini naturalizzati, americani di seconda e terza generazione. Gli internati che hanno combattuto nel celebre 442° reggimento sono stati costretti dall'esercito degli Stati Uniti a dimostrare la loro lealtà verso un paese che li aveva rinchiusi semplicemente per essere giapponesi.

Nel 21° secolo, anche le città più "multiculturali" del Nord America, come la mia città natale di Toronto, in Canada, sono focolai di razzismo virulento. Durante l'epidemia di SARS del 2003, Toronto ha visto un aumento del razzismo anti-asiatico, proprio come quello di oggi.

Nel suo studio del 2008, la sociologa Carrianne Leung evidenzia il razzismo quotidiano contro gli operatori sanitari cinesi e filippini negli anni successivi alla crisi della SARS. Celebrate pubblicamente per il loro lavoro negli ospedali e in altre strutture sanitarie, queste donne si sono ritrovate a temere per la propria vita mentre tornavano a casa.

Nessuna espressione di patriottismo - nemmeno essere lavoratori di prima linea in una pandemia - rende i migranti asiatici immuni al razzismo.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento