Passa ai contenuti principali

Linguaggio del razzismo: metafore in guerra e nemici invisibili

La Storia rivela i pericoli dell’utilizzo di metafore di guerra durante la crisi del coronavirus, scrive la professoressa Lucy Taksa della Macquarie Business School.

La retorica attorno a un "marcia della guerra" viene utilizzata per combattere il "nemico invisibile" rappresentato dal COVID-19, ma lo sfruttamento delle metafore di guerra da parte di leader politici e giornalisti può avere conseguenze sociali indesiderate. Queste includono la vergogna pubblica e la demonizzazione delle minoranze, come è accaduto durante le pandemie passate quando i nemici "invisibili" sono stati trasformati in obiettivi visibili.
Sebbene onnipresenti, le metafore di guerra sono fuorvianti nel migliore dei casi e dannose nel peggiore dei casi in quanto possono aumentare la polarizzazione politica e culturale e i rischi per il benessere personale e sociale.

Come sosteneva Susan Sontag nel suo libro del 1991 Illness as Metaphor and Aids and Its

Metaaphors, quando la malattia "diventa aggettivale", il suo orrore "si impone su altre cose" e diventa una procura per il disordine sociale. L'etichettatura di COVID-19 come "virus cinese" da parte di alcuni elementi dei media e dei leader politici fornisce un esempio di come un "nemico invisibile" viene trasformato in un bersaglio visibile con una sfumatura razzista.

Troviamo questo contagio metaforico evidente nel razzismo contro persone di origine cinese, che riflette quella che è stata descritta come una "rinascita della mitologia del" pericolo giallo" che circola in una serie di media, che potrebbe estendersi anche ad altre minoranze.

Come ha sottolineato il commissario per le relazioni razziali della Nuova Zelanda Meng Foon: "L'ansia e la paura non dovrebbero mai essere una ragione per discriminare e diffamare i cinesi o qualsiasi altro gruppo".

Tuttavia, in passato questo è esattamente ciò che è accaduto in quello che è stato descritto come un "loop di riproduzione continua" quando si riflette sugli echi attuali del virus H5N1 nel 1997 a Hong Kong.

Episodi simili possono essere osservati in relazione alla pandemia di SAR del 2002-2003. Chiamata la "malattia cinese", questa pandemia ha visto un'ondata di xenofobia in Canada che è ora riemersa.

Allo stesso modo, dopo la diffusione dell'influenza H1N1 dal Messico nel 2009, gli immigrati messicani sono stati spesso dichiarati colpevoli, mentre i cittadini messicani e i loro prodotti sono stati evitati in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, alcuni talk show ospitano gli immigrati messicani come vettori di malattie.

L'impatto panico e psicologico delle epidemie può manifestarsi attraverso la divisione della società, aumentando al contempo le tensioni sociali mentre le frustrazioni vengono rimosse da un "nemico visibile". Gli esempi abbondano nel corso della storia del capro espiatorio di gruppi minoritari distintivi. Gli ebrei furono discriminati durante le epidemie di peste in Europa durante il Medioevo.

Durante la peste bubbonica a Sydney, che si diffuse in Australia dalla Cina e dall'India un anno prima dell'Immigration Restriction Act, nel 1901 si formalizzò la politica dell'Australia Bianca; la paura collettiva dell'Asia e dell'invasione asiatica contribuì all'isteria di massa che rafforzò la convinzione errata che la malattia fosse stato introdotto in Australia da marinai e immigrati cinesi arrivati di recente.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…