Passa ai contenuti principali

Il razzismo è contagioso

Gli esseri umani sono le specie più cooperative del pianeta, tutte parte di un enorme ecosistema interconnesso, scrive Tom Oliver. Abbiamo costruito grandi città, collegate da un sistema nervoso globale di strade, rotte di navigazione e fibre ottiche. Abbiamo inviato migliaia di satelliti che ruotano intorno al pianeta. Anche oggetti apparentemente semplici come una matita di grafite sono opera di migliaia di mani da tutto il mondo, come descrive il meraviglioso saggio I-Pencil.

Eppure possiamo anche risultare sorprendentemente intolleranti l'uno con l'altro. Se siamo completamente onesti, c'è forse un po 'di xenofobia, razzismo, sessismo e bigottismo in profondità in ognuno di noi. Fortunatamente, possiamo scegliere di controllare e sopprimere tali tendenze per il nostro benessere e il bene della società.
La maggior parte degli atteggiamenti e

comportamenti umani hanno sia una componente genetica che una componente ambientale. Questo è vero anche per la nostra paura degli altri che sono diversi da noi - la xenofobia - e l'intolleranza dei loro punti di vista - il bigottismo. Collegato con la regione dell'amigdala nel cervello alberga il riflesso della paura che viene innescato da incontri con il non familiare.

In epoca pre-moderna, aveva senso temere gli altri gruppi. Potevano essere violenti, rubare le nostre risorse o introdurre nuove malattie alle quali non eravamo adattati. Al contrario, è stato utile fidarsi di coloro che ci assomigliavano, giacché avevano maggiori probabilità di essere imparentati. E quando abbiamo aiutato questi parenti, i nostri geni avevano maggiori probabilità di essere tramandati alle generazioni future. Inoltre, se l'altra persona ricambiava la buona azione, ne avremmo tratto ulteriore beneficio ancora di più.

Al di là di tali influenze genetiche, la nostra cultura umana influenza fortemente i nostri atteggiamenti e comportamenti, modificando le nostre pulsioni umane, sopprimendole o incoraggiandole ulteriormente. Se tolleriamo e ci fidiamo di qualcuno o temiamo e lo rifiutiamo dipende molto da questa cultura.

La civiltà moderna in generale incoraggia l'estensione di atteggiamenti come il rispetto e la tolleranza oltre quelli che ci assomigliano, a quelli con cui non abbiamo alcuna relazione. Rafforziamo e codifichiamo questi valori, insegnandoli ai nostri figli, mentre alcuni leader spirituali religiosi e secolari li promuovono nei loro insegnamenti. Questo perché generalmente portano a una società più armoniosa e reciprocamente vantaggiosa.
Questo è esattamente ciò che ci ha reso una specie così cooperativa. Ma a volte le nostre culture possono essere meno progressiste. Ciò che la gente intorno a noi dice e fa inconsciamente influenza il modo in cui pensiamo. Ci immergiamo in questo contesto culturale come una spugna ed esso modella in maniera sottile i nostri atteggiamenti e comportamenti. Se siamo circondati da persone che stigmatizzano quelle diverse tra loro, ciò incoraggia anche la sfiducia o l'aggressività in noi.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19. Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus. Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon , suggerisce una realtà che fa riflettere. Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello. Il concetto di minoranza modello, sviluppato durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gl