Passa ai contenuti principali

I musei d'arte sono razzisti?

Il 23 marzo, il critico e curatore Maurice Berger è morto per complicazioni legate al COVID-19. Gran parte del suo lavoro si è concentrato sulla giustizia razziale nel mondo dell'arte. Nel 2004 ha organizzato la mostra "White: Whiteness and Race in Contemporary Art" presso l'International Center of Photography di New York, esplorando il modo in cui gli artisti hanno esaminato o sfruttato il
privilegio razziale. Ha scritto anche una rubrica per Lens, un blog di fotografia pubblicato dal New York Times, sui contesti sociali e politici delle immagini avvincenti. Il suo saggio di riferimento "Are Art Museums Racist?" fu pubblicato per la prima volta nel numero di settembre 1990 di Artnews.com. Berger ha scritto il pezzo in un momento in cui i curatori bianchi e le istituzioni a guida bianca stavano sempre più facendo tentativi di inclusività razziale: aggiungendo opere di uno o due artisti di colore in mostre di gruppo o allestendo mostre occasionali incentrate sulla razza. Ma la bruciante critica di Berger ha chiarito che questo tokenismo non era abbastanza. Le persone di colore dovevano ricevere posizioni di influenza e poter parlare con la propria esperienza affinché il mondo dell'arte potesse cambiare. Come critico bianco, ha sottolineato l'importanza dell'autoriflessione e dell'autocritica: "Non fino a quando i bianchi che ora detengono il potere nel mondo dell'arte esaminano i propri motivi e atteggiamenti nei confronti delle persone di colore sarà possibile disimparare il razzismo", Scrisse Berger. Nel numero del 1990, il suo saggio è stato seguito da "Speaking Out: Some Distance to Go", sei interviste che ha condotto con leader culturali neri, tra cui David Hammons e Henry Louis Gates, Jr., sul ruolo dei musei e del mercato nel perpetuarsi di incomprensioni dell'arte afroamericana. Con queste conversazioni, Berger praticava ciò che predicava: elevava altre voci e dava alle persone di colore l'ultima parola.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…