mercoledì 15 aprile 2020

Follia del razzismo

Era una serata fredda primaverile a Boston quando Lucy Li, una dottoressa specializzata in anestesia al Massachusetts General Hospital (MGH), lasciò il lavoro per tornare a casa, scrive Jacquelyn Corley. Aveva trascorso l'intera giornata in sala operatoria assistendo con broncoscopie e altre procedure di generazione di aerosol che sono diventate incredibilmente pericolose a causa della diffusione di COVID-19.

Dato questo giorno di lavoro immensamente rischioso, aveva deciso di farsi la doccia e cambiarsi in ospedale prima di andare a casa. All'esterno, il suo cappuccio era sollevato, coprendosi i capelli bagnati, motivo per cui all'inizio non sentì ciò che un uomo le aveva detto mentre le si avvicinava in modo minaccioso dall'altra parte della strada: “Perché voi cinesi uccidete tutti? Cosa c'è di sbagliato in voi? Perché cazzo ci state uccidendo?”

La dottoressa Li, in preda al panico, ha accelerato

il passo mentre il tizio continuò a seguirla per un intero isolato, urlando vari insulti razziali sprezzanti e molestandola incessantemente.

Le urla cessarono quando la dottoressa Li riuscì a riparare dentro un negozio vicino per scoraggiare il suo aggressore.

Sfortunatamente, questi incidenti non sono rari nell'era COVID-19. Già a febbraio, gli americani asiatici sono stati vittime di discriminazioni, xenofobia e crimini d'odio.

La dottoressa Li afferma che qualcosa del genere non le era mai successo in tutta la sua vita. Entrambi i suoi genitori sono immigrati dalla Cina alla fine degli anni '80 e lavorano come professori presso istituti accademici. È cresciuta a Miami e ha frequentato la scuola di medicina presso il Vagelos College of Physicians and Surgeons della Columbia University prima di iniziare la sua formazione di residenza presso la MGH.

"Inizialmente, ero per lo più terrorizzata e molto spaventata, il tutto unito a molta tristezza", ha detto Li. “Ma poi la rabbia ha iniziato a scatenarsi con la pura ironia di quelle esclamazioni. Avevo appena trascorso la giornata in sala operatoria occupandomi di pazienti ad alto rischio..."

Ecco, in poche parole, quanto può essere grottesca la follia del razzismo...

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento