lunedì 27 aprile 2020

Coronavirus passerà non il virus del razzismo

La pandemia di Covid-19 mi sta insegnando che il mondo può cambiare quasi da un giorno all'altro quando deve affrontare un grosso problema, scrive Morgan Medlock.

Quando il presidente Trump ha dichiarato l'emergenza nazionale, la mia pratica medica è passata quasi istantaneamente dagli appuntamenti di persona alle visite di telemedicina. La Drug Enforcement Administration ha permesso ai medici come me di prescrivere la buprenorfina, una sostanza controllata usata per combattere la dipendenza da oppioidi, dopo un consulto

telefonico, una mossa che gli esperti cercano da anni. Il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha rinunciato ai vincoli sulla privacy per le visite di telemedicina, che hanno a lungo legato questo tipo di attività, consentendo ai medici di utilizzare piattaforme comunemente disponibili come FaceTime, Facebook Messenger, Skype e Zoom per fornire assistenza medica.

E il Congresso ha rapidamente approvato il CARES Act, un pacchetto di aiuti da 2 trilioni di dollari per combattere Covid-19 che includeva l'invio di 1.200 dollari in assegno a persone e famiglie che erano più vulnerabili alla perdita di posti di lavoro e ad altri fattori di stress finanziario.

Come psichiatra che tratta la dipendenza da oppiacei e lavora in un ospedale per minoranze, sono lieto di questi cambiamenti a lungo cercati. Ma sono anche frustrato che siano accaduti così in fretta. Frustrato perché gli Stati Uniti hanno affrontato un problema altrettanto grande e altrettanto mortale - il razzismo - per anni e hanno fatto ben poco per risolverlo.

I neri muoiono a tassi allarmanti e sproporzionati da Covid-19. Nelle città, le statistiche sono a dir poco tragiche. A Chicago, ad esempio, il 70% delle morti per coronavirus sono tra i neri, che rappresentano solo il 30% della popolazione della città. Un modello simile è visto in altre città e contee in tutto il paese.

I neri hanno cercato rimedi per affrontare le ingiustizie sistemiche che hanno dovuto affrontare per decenni. Eppure non c'è mai stato uno stimolo economico per affrontare l'impatto del razzismo sulla salute, sulla qualità della vita e sul progresso.

La risposta del paese al nuovo coronavirus suggerisce tuttavia che stiamo prendendo provvedimenti per affrontare la pericolosa minaccia del razzismo.

Leggi anche Storie e Notizie

Nessun commento:

Posta un commento