Passa ai contenuti principali

Combattere il razzismo a scuola sui social nelle notizie

Il 22 aprile 2020 è il National Stephen Lawrence Day istituita in ricordo dell'adolescente che è stato ucciso in un attacco razzista a soli 18 anni. Un nuovo rapporto realizzato da Sarah Page, Senior Lecturer in Sociology and Criminology, rivela le preoccupazioni che le esperienze sul razzismo siano ancora prevalenti a 27 anni di distanza.

I dati sono stati raccolti attraverso gruppi di discussione del World Café con 57 alunni delle scuole e dei college di Midlands di età compresa tra 14 e 17 anni. Poco meno della metà dei partecipanti erano alunni neri a appartenenti a minoranze (BAME), mentre gli altri erano bianchi britannici.

"Le conversazioni ci hanno portato a capire che

l'estensione dell'odio razziale e dell'estremismo nelle scuole e nelle comunità non è davvero nota. Abbiamo statistiche ufficiali sui crimini segnalati ma non sapevamo esattamente cosa stia succedendo a livello di base", ha spiegato Sarah.

“I risultati chiave hanno mostrato che indipendentemente dall'etnia, i giovani possono essere vittime, testimoni e anche autori di crimini d'odio razziale. L'entità del crimine contro l'odio razziale è abbastanza evidente e anche gli effetti del crimine contro l'odio razziale sono stati piuttosto scioccanti per noi ".

Ha aggiunto: “Il razzismo è stato visto e vissuto attraverso i social media secondo i giovani che hanno preso parte allo studio. Con l'attuale blocco COVID-19 c'è preoccupazione per un possibile aumento degli abusi razziali che si svolgono online ".

Un team di studenti universitari ha supportato il processo di raccolta dei dati, che è un approccio chiave del gruppo di ricerca sulla criminalità e la società della Staffordshire University.

Gli alunni hanno descritto la vittimizzazione dell'odio razziale che andava dall'abuso verbale all'assalto fisico, compresi i rapporti sulle armi utilizzate in alcuni degli attacchi. Sono stati segnalati abusi islamofobi come la rimozione del velo, insieme all'odio razziale tra alunni bianchi e studenti di origini diverse.

È stato anche descritto il conflitto razziale tra le scuole. Le scuole con popolazioni di alunni appartenenti a minoranze in quantità superiori sono state etichettate negativamente dagli alunni delle scuole a maggioranza bianca.

Per quanto riguarda gli insegnanti, sono stati visti favorire gli alunni bianchi quando si sono verificati incidenti nei locali della scuola, con alcuni insegnanti descritti come "razzisti". I giovani ritengono che debbano essere previste pene più severe per i comportamenti razzisti al fine di ridurre i comportamenti dannosi.

Sarah ha dichiarato: "La ricerca dimostra che la tensione razziale è pervasiva nella vita di questi giovani e che è necessario un intervento simultaneo a scuola, nella comunità, sui social media e nelle notizie per affrontare il razzismo".

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…