Passa ai contenuti principali

Cambiamenti climatici alimentano il razzismo

Parlando di bigottismo e xenofobia, possiamo semplicemente progettare le correzioni giuste per esse? Ciò potrebbe dipendere da quanto grandi saranno i problemi che dovremo affrontare in futuro. Ad esempio, le crescenti crisi ecologiche - i cambiamenti climatici, l'inquinamento e la perdita di biodiversità - possono effettivamente portare ad atteggiamenti più bigotti e xenofobi.
Lo psicologo culturale Michele Gelfand ha dimostrato in che modo gli shock ambientali rendono le società più "strette", il che significa che la tendenza ad essere fedele al "gruppo" diventa più forte. Tali società hanno maggiori probabilità di eleggere leader autoritari e di mostrare pregiudizio verso gli estranei.

Ciò è stato osservato in passato con minacce

ecologiche come la scarsità di risorse e le epidemie e in scenari di cambiamento climatico ci aspettiamo che queste minacce, in particolare eventi meteorologici estremi e insicurezza alimentare, peggiorino soltanto. Lo stesso vale per la pandemia di Coronavirus. Mentre molti sperano che tali focolai possano portare a un mondo migliore, potrebbero fare esattamente il contrario.

Questa maggiore lealtà verso la nostra tribù locale è un meccanismo di difesa che ha aiutato i gruppi umani passati a riunirsi e superare le difficoltà. Ma non è vantaggioso in un mondo globalizzato, dove le questioni ecologiche e le nostre economie trascendono i confini nazionali. In risposta alle questioni globali, diventare bigotti, xenofobi e ridurre la cooperazione con altri paesi non farà che peggiorare gli impatti sulle proprie nazioni.

Nel 2001, un'iniziativa delle Nazioni Unite chiamata Millennium Ecosystem Assessment ha cercato di fare il punto sulle tendenze ambientali globali e, soprattutto, di esplorare come queste tendenze potrebbero agire in futuro. Uno degli scenari era chiamato "Ordine dalla forza" e rappresentava "un mondo regionalizzato e frammentato che si occupa di sicurezza e protezione... Le nazioni vedono la cura dei propri interessi come la migliore difesa contro l'insicurezza economica e la circolazione di merci, persone, e l'informazione è fortemente regolata e controllata”.

Le successive iterazioni dello scenario sono state soprannominate "Mondo della fortezza" che descrivono una visione distopica in cui l'ordine viene imposto attraverso un sistema autoritario di apartheid globale con élite in enclave protette e una maggioranza impoverita all'esterno.

Quando pensi a come Trump parla della costruzione di un muro al confine con il Messico, incoraggiato dai canti della folla, dobbiamo chiederci quanto siamo vicini a questo scenario. Su scala più ampia, i ricchi paesi "sviluppati", i principali responsabili della causa del cambiamento climatico, stanno facendo ben poco per affrontare la difficile situazione dei paesi più poveri.

Sembra esserci mancanza di empatia, disprezzo e intolleranza per gli altri che non hanno avuto la fortuna di nascere nella "nostra" tribù. In risposta a una loro catastrofe ecologica, i paesi ricchi discutono semplicemente sul modo migliore per prevenire il potenziale afflusso di migranti.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Il razzismo Disney era sbagliato allora ed è sbagliato oggi

Disney +, che lo scorso anno ha aggiunto un avviso sui contenuti per il razzismo su diversi vecchi film in streaming sulla piattaforma, ha aggiunto un avvertimento più forte a film tra cui Dumbo e Il libro della giungla, a seguito delle critiche di alcuni spettatori nell'anno scorso secondo cui il messaggio iniziale della piattaforma non era abbastanza forte , scrive Isabel Togoh. Disney + ha lanciato un nuovo messaggio su una manciata di cartoni animati classici, che recita: "Questo programma include rappresentazioni negative e / o maltrattamenti di persone o culture... Questi stereotipi erano sbagliati allora e sono sbagliati adesso". I film con il nuovo disclaimer includono Gli aristogatti e Lilly e il vagabondo, che ritraggono entrambi gli stereotipi negativi delle persone asiatiche, e Peter Pan, che contiene insulti razziali contro i nativi americani e la prima nazione. Il disclaimer iniziale uscito l'anno scorso recitava: “Questo programma è presentato come c

Razzismo sistemico strutturale e istituzionale: significato e spiegazione

Il razzismo strutturale, quello istituzionale e quello sistemico si riferiscono ampiamente al "sistema di conformazioni che hanno procedure o processi che svantaggiano gli afroamericani (e in generale i neri N.d.A.)", ha affermato Andra Gillespie, professoressa associata di scienze politiche e direttrice del James Weldon Johnson Institute presso la Emory University. Secondo l’NAACP, si riferisce alle regole, alle pratiche e ai costumi una volta radicati nella legge con effetti residui che si riverberano in tutta la società. Ma ognuno ha le proprie sfumature, scrivono Julian Glover e Ken Miguel. Razzismo sistemico e strutturale : In molti modi, "razzismo sistemico" e "razzismo strutturale" sono sinonimi e sono usati in modo intercambiabile. Un buon esempio di razzismo sistemico è un impianto di "redlining" un tempo utilizzato dalle banche e dall'industria immobiliare che ha letteralmente delineato i quartieri in cui le persone di c

Kobe Bryant contro il razzismo

Mentre il mondo continua a ricordare la tragica morte della leggenda del basket Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente in elicottero, il presidente UEFA Aleksander Čeferin ha descritto il noto atleta come un modello per il modo con cui ha gestito il razzismo nello sport. "Non conoscevo personalmente Bryant", ha dichiarato Čeferin, "ma sono sempre stato colpito dal modo con cui non ha mai evitato di prendere una posizione ferma contro il razzismo. Lo ha reso un vero modello per altre star dello sport di alto profilo". Čeferin ha ricordato i commenti di Bryant il 16 gennaio sulla recente serie di incidenti razzisti nel calcio, in particolare in Italia, dove la star dei Lakers ha vissuto dai sei ai 13 anni. Nell'intervista condotta dalla CNN in un evento di Major League Soccer in California, Bryant sottolineò il ruolo fondamentale dell'educazione nella lotta al razzismo tra gli appassionati di calcio: “Anche se abbiamo fatto tanta strada, c'