Passa ai contenuti principali

Cambiamenti climatici alimentano il razzismo

Parlando di bigottismo e xenofobia, possiamo semplicemente progettare le correzioni giuste per esse? Ciò potrebbe dipendere da quanto grandi saranno i problemi che dovremo affrontare in futuro. Ad esempio, le crescenti crisi ecologiche - i cambiamenti climatici, l'inquinamento e la perdita di biodiversità - possono effettivamente portare ad atteggiamenti più bigotti e xenofobi.
Lo psicologo culturale Michele Gelfand ha dimostrato in che modo gli shock ambientali rendono le società più "strette", il che significa che la tendenza ad essere fedele al "gruppo" diventa più forte. Tali società hanno maggiori probabilità di eleggere leader autoritari e di mostrare pregiudizio verso gli estranei.

Ciò è stato osservato in passato con minacce

ecologiche come la scarsità di risorse e le epidemie e in scenari di cambiamento climatico ci aspettiamo che queste minacce, in particolare eventi meteorologici estremi e insicurezza alimentare, peggiorino soltanto. Lo stesso vale per la pandemia di Coronavirus. Mentre molti sperano che tali focolai possano portare a un mondo migliore, potrebbero fare esattamente il contrario.

Questa maggiore lealtà verso la nostra tribù locale è un meccanismo di difesa che ha aiutato i gruppi umani passati a riunirsi e superare le difficoltà. Ma non è vantaggioso in un mondo globalizzato, dove le questioni ecologiche e le nostre economie trascendono i confini nazionali. In risposta alle questioni globali, diventare bigotti, xenofobi e ridurre la cooperazione con altri paesi non farà che peggiorare gli impatti sulle proprie nazioni.

Nel 2001, un'iniziativa delle Nazioni Unite chiamata Millennium Ecosystem Assessment ha cercato di fare il punto sulle tendenze ambientali globali e, soprattutto, di esplorare come queste tendenze potrebbero agire in futuro. Uno degli scenari era chiamato "Ordine dalla forza" e rappresentava "un mondo regionalizzato e frammentato che si occupa di sicurezza e protezione... Le nazioni vedono la cura dei propri interessi come la migliore difesa contro l'insicurezza economica e la circolazione di merci, persone, e l'informazione è fortemente regolata e controllata”.

Le successive iterazioni dello scenario sono state soprannominate "Mondo della fortezza" che descrivono una visione distopica in cui l'ordine viene imposto attraverso un sistema autoritario di apartheid globale con élite in enclave protette e una maggioranza impoverita all'esterno.

Quando pensi a come Trump parla della costruzione di un muro al confine con il Messico, incoraggiato dai canti della folla, dobbiamo chiederci quanto siamo vicini a questo scenario. Su scala più ampia, i ricchi paesi "sviluppati", i principali responsabili della causa del cambiamento climatico, stanno facendo ben poco per affrontare la difficile situazione dei paesi più poveri.

Sembra esserci mancanza di empatia, disprezzo e intolleranza per gli altri che non hanno avuto la fortuna di nascere nella "nostra" tribù. In risposta a una loro catastrofe ecologica, i paesi ricchi discutono semplicemente sul modo migliore per prevenire il potenziale afflusso di migranti.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…