Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2020

Estrema destra razzista nel mondo non colpisce a caso

Nazir Afzal è un noto avvocato britannico con esperienza nei settori legali dello sfruttamento sessuale dei minori e della violenza contro le donne. È un musulmano praticante, con opinioni esplicite a favore dei diritti delle donne e contro il matrimonio forzato, le mutilazioni genitali femminili e gli omicidi d'onore.

Mentre rappresentava un cliente accusato di stupro nei primi anni novanta, Nazir Afzal iniziò a sospettare che mentisse. Temeva che l'imputato si divertisse a usare il processo giudiziario per causare un ulteriore danno alla sua vittima.

L'esperienza è stata così inquietante che ha
costretto il sig. Afzal a dimettersi e subito dopo ha offerto i suoi servizi al procuratore della Corona. Tra allora e il suo pensionamento nel 2015, ha perseguito quasi un milione di casi e ha lavorato su alcuni di quelli più noti della storia legale recente.
È noto per aver ribaltato la decisione del CPS di non perseguire la banda di Rochdale quando divenne procuratore capo dell…

Amore vince sempre sul razzismo

La storia commovente di come una comunità si è radunata per supportare i proprietari di un ristorante da asporto cinese della Quarry Bank, che era stato preso di mira con graffiti razzisti, è stata trasformata in un'opera d'arte da un illustratore internazionale, scrive Bev Holder.

Joanne Wong, un'illustratrice cinese di origine
britannica che attualmente vive a Hong Kong, è stata commossa dal creare una storia di fumetti online pensosa che racconta come la comunità della Quarry Bank si sia unita per mostrare il proprio amore e supporto per i proprietari del takeaway Tin Sing.

I bambini della Quarry Bank Primary School hanno dipinto un arcobaleno che recita "l'amore è più forte dell'odio" e "Quarry Bonk ama il riso e non il razzismo" che è stato messo sulle pareti da asporto dove le parole "China feccia" e "non ti vogliamo qui " erano state scarabocchiate.

Il Dudley Council ha rapidamente inviato una squadra a dipingere sui g…

Frasi razziste della polizia video da Parigi

I pubblici ministeri francesi hanno avviato un'indagine dopo che due ufficiali di polizia sarebbero stati ripresi In video mentre facevano commenti razzisti su un uomo arrestato.

L'incidente è avvenuto nelle prime ore di domenica dopo che un uomo sospettato di furto è stato tirato fuori dalla Senna nella banlieue della Senna-Saint-Denis a nord di Parigi.

Nel video, secondo quanto riferito da un residente locale, un ufficiale di polizia può essere ascoltato usando una parola estremamente offensiva verso un nordafricano, prima di aggiungere: "Non sanno nuotare. Avresti dovuto attaccare una palla al piede alla sua caviglia. "

L'uomo viene quindi ammanettato e messo sul retro di un furgone della polizia, dove può essere sentito gridare.

Il video, pubblicato su Twitter da Taha Bouhafs, giornalista e attivista anti-razzismo, ha spinto il ministro degli interni francese, Christophe Castaner, a twittare: “Un video che mostra un intervento di polizia attorno all'Île-S…

Coronavirus passerà non il virus del razzismo

La pandemia di Covid-19 mi sta insegnando che il mondo può cambiare quasi da un giorno all'altro quando deve affrontare un grosso problema, scrive Morgan Medlock.

Quando il presidente Trump ha dichiarato l'emergenza nazionale, la mia pratica medica è passata quasi istantaneamente dagli appuntamenti di persona alle visite di telemedicina. La Drug Enforcement Administration ha permesso ai medici come me di prescrivere la buprenorfina, una sostanza controllata usata per combattere la dipendenza da oppioidi, dopo un consulto
telefonico, una mossa che gli esperti cercano da anni. Il Dipartimento della salute e dei servizi umani ha rinunciato ai vincoli sulla privacy per le visite di telemedicina, che hanno a lungo legato questo tipo di attività, consentendo ai medici di utilizzare piattaforme comunemente disponibili come FaceTime, Facebook Messenger, Skype e Zoom per fornire assistenza medica.

E il Congresso ha rapidamente approvato il CARES Act, un pacchetto di aiuti da 2 trilioni…

Censimento e studio sul razzismo: come partecipare

I ricercatori della Australian National University (ANU) stanno invitando le persone di tutto il mondo a prendere parte al più grande studio di sempre per aiutare a comprendere e ridurre i pregiudizi.

Tale notizia giunge mentre la Commissione australiana per i diritti umani segnala un picco nelle denunce di discriminazione razziale legate al COVID-19.

Il principale ricercatore, il professor Michael
Platow, dell'ANU, guida il censimento sul pregiudizio, che chiede alle persone di registrare le loro esperienze di razzismo. Ha aggiunto che COVID-19 ha permesso al razzismo di prosperare.

“Il coronavirus sta alimentnado una pandemia di pregiudizio. Il razzismo che sta incrementando è anche pericoloso per la vita ", ha detto il professor Platow.

"Non sta succedendo solo in Australia, esiste la probabilità che COVID-19 serva da base per il razzismo in tutto il mondo."

Il ricercatore chiede un'azione nel campo della psicologia sociale in modo da riprodurre gli sforzi sc…

Combattere il razzismo a scuola sui social nelle notizie

Il 22 aprile 2020 è il National Stephen Lawrence Day istituita in ricordo dell'adolescente che è stato ucciso in un attacco razzista a soli 18 anni. Un nuovo rapporto realizzato da Sarah Page, Senior Lecturer in Sociology and Criminology, rivela le preoccupazioni che le esperienze sul razzismo siano ancora prevalenti a 27 anni di distanza.

I dati sono stati raccolti attraverso gruppi di discussione del World Café con 57 alunni delle scuole e dei college di Midlands di età compresa tra 14 e 17 anni. Poco meno della metà dei partecipanti erano alunni neri a appartenenti a minoranze (BAME), mentre gli altri erano bianchi britannici.

"Le conversazioni ci hanno portato a capire che
l'estensione dell'odio razziale e dell'estremismo nelle scuole e nelle comunità non è davvero nota. Abbiamo statistiche ufficiali sui crimini segnalati ma non sapevamo esattamente cosa stia succedendo a livello di base", ha spiegato Sarah.

“I risultati chiave hanno mostrato che indipend…

A New York un team contro il razzismo

Con un picco di discriminazione anti-asiatica legata alla pandemia di coronavirus, il comune di New York ha formato una squadra per rispondere agli incidenti.

La commissione per i diritti umani della città ha annunciato domenica che il team gestirà le segnalazioni di molestie e discriminazioni legate al coronavirus, e che è composto da avvocati e membri delle forze dell'ordine e dei dipartimenti delle relazioni con la comunità.

Da febbraio l'agenzia ha registrato 248 segnalazioni di molestie e discriminazioni legate al coronavirus, oltre il 40% delle quali anti-asiatiche. Nello stesso periodo dell'anno scorso, l'agenzia aveva ricevuto solo cinque segnalazioni di discriminazione anti-asiatiche.

"Tutti i newyorkesi stanno affrontando livelli straordinari di stress in questo momento; la
discriminazione e le molestie non dovrebbero essere tra queste", ha affermato la Commissaria della Commissione per i diritti umani di New York Carmelyn Malalis. "Anche nel m…

Uniti contro il razzismo

Frasi razziste contro i cinesi sono stati dipinte sul tabellone di un cantiere a Melbourne.

Questo razzismo è grottesco, scrive Andrew Giles, e purtroppo è lontano da essere un incidente isolato. Gli australiani cinesi e gli asiatici, più in generale, sono soggetti a inaccettabili diffamazioni.

La scorsa settimana un consigliere del sud dell’Australia è stato colpito da uno sputo durante un attacco razzista mentre andava a fare la spesa.

La stessa settimana uno studente internazionale a
Melbourne è stato chiamato "coronavirus" su un tram.

COVID-19 ha tirato fuori il meglio dagli australiani, ma ha anche tirato fuori il peggio in alcuni di noi.

Sembra che non passi un giorno senza la notizia di un altro australiano asiatico che subisce sconvolgenti abusi razziali.

La pandemia sembra accelerare una tendenza preesistente di aumento del razzismo nella nostra comunità.

Negli ultimi mesi l'Australia ha visto un picco di violenza razzista, incluso il brutale aggressione ai dann…

Video razzista su TikTok: due studenti espulsi

Due studenti di scuola superiore della Georgia hanno di recente pubblicato un video razzista.
Quale provvedimento immediato, costoro non sono più "studenti" nel distretto di Carrollton, in Georgia, ha dichiarato il sovrintendente. Nel mentre, il loro video, pubblicato su TikTok giovedì, è stato visto milioni di volte su piattaforme di social media.
Il video mostra la coppia di studenti delle scuole superiori, un ragazzo e una ragazza, in piedi
davanti a uno specchio del bagno. La telecamera fa una panoramica di una insulto razziale scritta su un pezzo di carta nel lavandino.
Poi i due leggono altri biglietti che – secondo loro - rappresentano elementi che caratterizzano una persona di colore: "Per prima cosa abbiamo ‘un nero’", dice la ragazza, mentre il ragazzo versa un bicchiere d'acqua nel lavandino sul foglio con l’insulto.
"Successivamente non abbiamo ‘Non avere un papà’, aggiunge lei.
Tra gli altri pezzi di carta ci sono ‘rapinatori’ e e ‘vanno in pr…

Razzismo estrema destra usa il Coronavirus

Due giovani sono stati arrestati dopo aver affisso a Sheffield degli adesivi razzisti "disgustosi" che affermavano di collegare i migranti con la pandemia di coronavirus.

Gli adesivi recano il logo dell'estrema destra del gruppo e recitano: "Confine aperto, disturbo virale" e "Pub chiusi, frontiere aperte".

La polizia ha riferito i due, di età compresa tra 20 e 22 anni, sono ora sospettati di reati di ordine pubblico aggravati a livello razziale. Sono stati rilasciati sotto inchiesta mentre continuano le indagini.

Il servizio di segnalazione della democrazia locale ha affermato che gli adesivi sono stati visti su lampioni, cassonetti e cartelli della fermata dell'autobus.

Alex Gwynne, che ne ha individuato alcuni e ha
chiesto ai vicini di aiutarli a rimuoverli, ha dichiarato: "L'uso di questa pandemia per diffondere razzismo e odio è inaccettabile".
Il consigliere Ben Miskell ha detto che stava lavorando per rimuovere gli adesivi con…

Video contro il razzismo: You clap for me now

Un video con residenti nel Regno Unito e persone di origini straniere che recitano una poesia antirazzista ha messo in luce il ruolo cruciale che i lavoratori immigrati svolgono nell'epidemia di Covid-19.

You Clap for Me Now, scritto da Darren James Smith, presenta britannici di diverse origini che sono i lavoratori chiave durante la pandemia globale; tra cui dottori, infermieri, insegnanti, negozianti e autisti di consegna, molti dei quali hanno sperimentato discriminazioni ai loro danni.

Il video, che è stato prodotto da Sachini
Imbuldeniya, inizia con il messaggio: "Ciò di cui il Regno Unito ha più paura è venuto dall'estero, prendendo il nostro lavoro e rendendo pericoloso camminare per le strade..."



Leggi ancheStorie e Notizie

Follia del razzismo

Era una serata fredda primaverile a Boston quando Lucy Li, una dottoressa specializzata in anestesia al Massachusetts General Hospital (MGH), lasciò il lavoro per tornare a casa, scrive Jacquelyn Corley. Aveva trascorso l'intera giornata in sala operatoria assistendo con broncoscopie e altre procedure di generazione di aerosol che sono diventate incredibilmente pericolose a causa della diffusione di COVID-19.

Dato questo giorno di lavoro immensamente rischioso, aveva deciso di farsi la doccia e cambiarsi in ospedale prima di andare a casa. All'esterno, il suo cappuccio era sollevato, coprendosi i capelli bagnati, motivo per cui all'inizio non sentì ciò che un uomo le aveva detto mentre le si avvicinava in modo minaccioso dall'altra parte della strada: “Perché voi cinesi uccidete tutti? Cosa c'è di sbagliato in voi? Perché cazzo ci state uccidendo?”

La dottoressa Li, in preda al panico, ha accelerato
il passo mentre il tizio continuò a seguirla per un intero isolato…

Bianchi e neri: disparità di trattamento nella sanità

Mercoledì, i Centers for Disease Control negli USA hanno pubblicato uno studio basato su 1.482 pazienti ricoverati in ospedale COVID-19 in tutto il paese. Non tutti stanno ancora rilasciando dati sulle origini dei pazienti, ma anche un rapporto limitato ha mostrato che tra 580 di questi pazienti, il 33 percento sono afroamericani. Per fare un confronto, i neri americani rappresentano il 13,4 per cento della popolazione.

E dove ospedali e stati sono disposti a fornire dati, la netta differenza si presenta ancora e ancora. In Illinois, Michigan, Connecticut, DC, Louisiana, Alabama e così via, il coronavirus sta portando via vite degli afroamericani a un ritmo sproporzionato rispetto al resto della popolazione.

A New York City, i neri e i latini vengono uccisi da COVID-19 a una velocità doppia rispetto ai bianchi.

Eppure, il coronavirus è incapace di razzismo. Ma
l'America è radicata in sistemi oppressivi progettati per ferire e privare il diritto delle minoranze. Il sistema sanitari…

Razzismo in Cina verso gli africani...

Funzionari africani stanno aspramente criticando la Cina, sia nel pubblico che in privato, per maltrattamenti razzisti nei confronti degli africani nella città cinese di Guangzhou; e gli Stati Uniti affermano che anche gli afro-americani sono stati presi di mira.

Alcuni africani nel centro commerciale hanno riferito di essere stati sfrattati o discriminati tra le paure del coronavirus. E un avviso di sicurezza dell'Ambasciata degli Stati Uniti sabato ha detto che "la polizia ha ordinato a bar e ristoranti di non servire clienti che sembrano essere di origine africana", e funzionari locali hanno avviato test obbligatori e auto-quarantena per chiunque abbia "contatti africani ".

Questo è in risposta a un aumento delle infezioni virali a Guangzhou, hanno detto gli Stati Uniti, aggiungendo che "gli afro-americani hanno anche riferito che alcune aziende e hotel si rifiutano di fare affari con loro". La dichiarazione degli Stati Uniti si intitola "Disc…

Storia del razzismo verso i cinesi in America

In un recente editoriale del Washington Post, l'ex candidato presidenziale democratico Andrew Yang ha invitato gli asiatici americani a far parte della soluzione contro COVID-19.

Di fronte alle crescenti azioni razziste anti-asiatiche - ora a circa 100 casi segnalati al giorno - Yang implora gli americani asiatici di "indossare rosso, bianco e blu" nei loro sforzi per combattere il virus.

Ottimisticamente, prima che Donald Trump dichiarasse COVID-19 il "virus cinese", Yang credeva che "tenere il virus sotto controllo" avrebbe liberato questo paese dal suo razzismo anti-asiatico. Ma la storia dell'Asia americana, il mio campo di ricerca, scrive il professor Adrian De Leon, suggerisce una realtà che fa riflettere.

Fino alla vigilia della crisi COVID-19, la narrativa prevalente sugli americani asiatici era una delle minoranze modello.

Il concetto di minoranza modello, sviluppato
durante e dopo la seconda guerra mondiale, presuppone che gli americani …

Sperimentare vaccino Coronavirus in Africa? Africani non sono topi

Due medici francesi sono stati accusati di razzismo per aver suggerito che un potenziale vaccino per il coronavirus dovrebbe essere prima testato su persone in Africa (e non sarebbe di certo la prima volta che ciò accade, N.d.T.).

I commenti sono stati fatti sul canale televisivo francese, LCI, durante una discussione sugli studi COVID-19 che saranno lanciati in Europa e in Australia per verificare se il vaccino contro la tubercolosi BCG potesse essere usato per curare il virus.
"Potrebbe risultare provocatorio. Non dovremmo
fare questo studio in Africa dove non ci sono maschere, trattamenti o cure intensive, un po' come è stato fatto per alcuni studi sull'AIDS, dove tra le prostitute proviamo cose, perché sappiamo che sono molto esposte e non si proteggono? " ha dichiarato Jean-Paul Mira, capo dell'unità di terapia intensiva dell'ospedale Cochin di Parigi.

Camille Locht, direttore della ricerca presso l'Istituto nazionale francese per la salute, Inserm, …

Linguaggio del razzismo: metafore in guerra e nemici invisibili

La Storia rivela i pericoli dell’utilizzo di metafore di guerra durante la crisi del coronavirus, scrive la professoressa Lucy Taksa della Macquarie Business School.

La retorica attorno a un "marcia della guerra" viene utilizzata per combattere il "nemico invisibile" rappresentato dal COVID-19, ma lo sfruttamento delle metafore di guerra da parte di leader politici e giornalisti può avere conseguenze sociali indesiderate. Queste includono la vergogna pubblica e la demonizzazione delle minoranze, come è accaduto durante le pandemie passate quando i nemici "invisibili" sono stati trasformati in obiettivi visibili.
Sebbene onnipresenti, le metafore di guerra sono fuorvianti nel migliore dei casi e dannose nel peggiore dei casi in quanto possono aumentare la polarizzazione politica e culturale e i rischi per il benessere personale e sociale.

Come sosteneva Susan Sontag nel suo libro del 1991 Illness as Metaphor and Aids and Its
Metaaphors, quando la malattia …

Il razzismo è contagioso

Gli esseri umani sono le specie più cooperative del pianeta, tutte parte di un enorme ecosistema interconnesso, scrive Tom Oliver. Abbiamo costruito grandi città, collegate da un sistema nervoso globale di strade, rotte di navigazione e fibre ottiche. Abbiamo inviato migliaia di satelliti che ruotano intorno al pianeta. Anche oggetti apparentemente semplici come una matita di grafite sono opera di migliaia di mani da tutto il mondo, come descrive il meraviglioso saggio I-Pencil.

Eppure possiamo anche risultare sorprendentemente intolleranti l'uno con l'altro. Se siamo completamente onesti, c'è forse un po 'di xenofobia, razzismo, sessismo e bigottismo in profondità in ognuno di noi. Fortunatamente, possiamo scegliere di controllare e sopprimere tali tendenze per il nostro benessere e il bene della società.
La maggior parte degli atteggiamenti e
comportamenti umani hanno sia una componente genetica che una componente ambientale. Questo è vero anche per la nostra paura d…

Cambiamenti climatici alimentano il razzismo

Parlando di bigottismo e xenofobia, possiamo semplicemente progettare le correzioni giuste per esse? Ciò potrebbe dipendere da quanto grandi saranno i problemi che dovremo affrontare in futuro. Ad esempio, le crescenti crisi ecologiche - i cambiamenti climatici, l'inquinamento e la perdita di biodiversità - possono effettivamente portare ad atteggiamenti più bigotti e xenofobi.
Lo psicologo culturale Michele Gelfand ha dimostrato in che modo gli shock ambientali rendono le società più "strette", il che significa che la tendenza ad essere fedele al "gruppo" diventa più forte. Tali società hanno maggiori probabilità di eleggere leader autoritari e di mostrare pregiudizio verso gli estranei.

Ciò è stato osservato in passato con minacce
ecologiche come la scarsità di risorse e le epidemie e in scenari di cambiamento climatico ci aspettiamo che queste minacce, in particolare eventi meteorologici estremi e insicurezza alimentare, peggiorino soltanto. Lo stesso vale p…

Razzismo verso ciò che vedi o credi di vedere

Con l'aumentare della tensione in India per la diffusione del Coronavirus, le persone originarie degli Stati del nord-est hanno dovuto affrontare attacchi a sfondo razziale nelle città di tutto il paese. Sono accusati di aver portato COVID-19 in India a causa del loro aspetto (?).

Le caratteristiche somatiche delle persone dell'India nord-orientale possono sembrare simili a quelle cinesi. Le vittime di attacchi affermano che l'aspetto cinese ha causato loro attacchi fisici e abusi sui social media.

"Il mio collega è stato recentemente attaccato e
maltrattato verbalmente fuori Delhi. Abbiamo sempre affrontato il razzismo in passato, ma questa volta è stato portato a un nuovo livello", ha dichiarato Thokchom Singhajit, segretario generale della Manipur Students Association.

"Non mi è stato permesso di entrare in un negozio di alimentari durante il blocco. Il proprietario ha allontanato me e i miei amici", ha detto Rippon Shanglai, uno studente di Manipur,…

I musei d'arte sono razzisti?

Il 23 marzo, il critico e curatore Maurice Berger è morto per complicazioni legate al COVID-19. Gran parte del suo lavoro si è concentrato sulla giustizia razziale nel mondo dell'arte. Nel 2004 ha organizzato la mostra "White: Whiteness and Race in Contemporary Art" presso l'International Center of Photography di New York, esplorando il modo in cui gli artisti hanno esaminato o sfruttato il
privilegio razziale. Ha scritto anche una rubrica per Lens, un blog di fotografia pubblicato dal New York Times, sui contesti sociali e politici delle immagini avvincenti. Il suo saggio di riferimento "Are Art Museums Racist?" fu pubblicato per la prima volta nel numero di settembre 1990 di Artnews.com. Berger ha scritto il pezzo in un momento in cui i curatori bianchi e le istituzioni a guida bianca stavano sempre più facendo tentativi di inclusività razziale: aggiungendo opere di uno o due artisti di colore in mostre di gruppo o allestendo mostre occasionali incentrate…