Passa ai contenuti principali

Razzismo strutturale e paura nei momenti difficili

Il 24 febbraio, uno studente singaporiano di 23 anni che studiava nel Regno Unito è stato attaccato da due adolescenti, secondo quanto riferito dalla BBC. Le immagini del naso insanguinato e degli occhi gonfi sono diventate virali sui social media, insieme alla sua descrizione dell'incidente. Le immagini scioccanti hanno suscitato discussioni diffuse tra le comunità asiatiche online.

"Non voglio il tuo Coronavirus nel mio paese", urlò uno degli aggressori.

Mentre ho intenzione di intraprendere un altro

viaggio accademico in Europa quest'anno, scrive Yu-hsiang Wang, sto avendo dei pensieri preoccupanti. Non mi era mai venuto in mente che le mie origini potessero mettere in pericolo la mia vita.

Mentre i politici di destra acquisiscono maggiore influenza in più paesi, sentiamo sempre di più che gli asiatici vengono discriminati. Ora la pandemia di Covid-19 è diventata un bisturi che gratta via la fiducia reciproca e il rispetto tra persone di etnie diverse. L’avversione per gli asiatici, specialmente per tutti quelli che sembrano cinesi, è brutta e diffusa.

Alcuni dei miei amici taiwanesi che studiano in Europa hanno pubblicato resoconti di incidenti razzisti. Vengono urlati, indicati da gente a caso per strada e giudicati solo perché indossano maschere protettive.

"Vedendo noi, un gruppo di asiatici, nel ristorante, alcune persone se ne sono appena andate direttamente", dice un amico di Taiwan che studia in Turchia. È quasi diventata una norma essere additati per la loro origine e ci si stanno abituando.

Di recente, una scuola secondaria olandese in Belgio ha pubblicato una foto di un gruppo di studenti vestiti con costumi tradizionali cinesi. Avevano in mano un poster che diceva "Corona Time". Il direttore del campus era sbalordito. "Vogliamo scusarci esplicitamente perché non avevamo stimato correttamente le conseguenze", ha scritto.

Non potevo fare a meno di chiedermi quale fosse quella "stima" iniziale? Solo uno scherzo innocente che non danneggerebbe i sentimenti di nessuno? Quando imparerà il mondo? Quante volte continueremo a ripetere gli stessi errori?

Mentre Covid-19 si diffonde in tutto il mondo, molte persone stanno discriminando gli asiatici mentre sfogano la loro paura collettiva. Mentre l'ansia e il panico sono comprensibili, deridere e aggredire gli asiatici non accelererà lo sviluppo di un trattamento. Il virus viene usato come scusa per discriminare apertamente gli asiatici, posizionandoci in fondo al totem della vittima.

Sfortunatamente, anche alcuni asiatici stanno rilevando il problema della discriminazione. Paulo Dalpian, un mio amico che insegna in un'università di Bangkok con molti studenti al di fuori della Thailandia, ha detto che alcuni dei suoi studenti dall'aspetto cinese hanno dichiarato di voler dire ai loro compagni di classe di non essere andati in Cina durante la pausa del semestre. Crede che sia stato un gesto per cercare comprensione e accettazione da parte dei coetanei.

"Non è un razzismo palese, visto che nessuno ha chiesto direttamente se fossero stati in Cina. Ma è un risultato del razzismo strutturale, come un'aspettativa che dovresti spiegarti se sei cinese", mi ha detto.

Leggi anche Storie e Notizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Se Liam Neeson fosse stato nero

Di recente, l’attore irlandese Liam Neeson è salito alla ribalta per un’intervista, in occasione della quale ha raccontato un episodio personale.
Tempo addietro una sua cara amica gli aveva confidato di esser stata violentata.
Neeson si premurò di chiederle di che colore fosse l’aggressore e la donna rispose nero.


Ebbene, la star ha così dichiarato – seppur vergognandosi di se stesso – di essere andato in giro per quasi una settimana ogni giorno armato di un bastone sperando che qualche “bastardo nero” lo provocasse.
Lasciamo perdere l’ottusità del celebre attore, il quale non affermo sia del tutto razzista, ma comunque esprime un concetto altamente discriminatorio senza neanche rendersene conto, e non so cosa sia peggio.
Vi invito invece a immaginarvi l’opposto.
Che so, figuratevi un famoso attore afroamericano come Denzel Washington o Morgan Freeman fare le equivalenti affermazioni, rivelando di aver vagato per giorni in strada alla ricerca di “bastardi bianchi” da picchiare o peggi…

Il volto del razzismo

Il volto del razzismo.
Il volto del razzismo è nell’espressione di un ragazzo che irride un anziano signore.
Ma tu leggi pure come il pronipote di una massa informe di colonizzatori, composta da gente in cerca di fortuna, ma anche di assassini e criminali di ogni tipo, che si permette, sotto l’obiettivo della camera e gli sghignazzi dei suoi compari, di prendersi gioco del discendente delle vittime del genocidio più trascurato della storia, con almeno cento milioni di morti.
Ecco, osservalo con me…


Eccolo, il volto del razzismo.
Quell’espressione ottusamente spavalda.
Quel sorriso tanto ebete quanto privo d’empatia.
Quegli occhi freddi e senza alcuna luce intelligente.
Quel viso, sprezzante e intollerante, non viene dal nulla.
Qualcuno, tra pseudo genitori, cattivi insegnanti di professione o solo per vocazione, vergognosi esempi fatti persona, gliel’hanno disegnato sulla nuda pelle.
Questo è il volto e il figlio.
Del razzismo.


Leggi ancheStorie e Notizie
Seguimi anche suFacebook,Instag…

Il cadavere di un bianco

C’era una volta il bianco.
Ovvero, il presunto colore della pelle di un cadavere trovato laggiù, oltre mare.
In Africa, già.
Ilcorpo di un uomo bianco.
Perché va chiarito, non è razzismo, dicono.
Le parole servono a questo.
A dare un nome alle cose.
A coloro che non ne hanno uno solo.
E soprattutto a quelli le cui generalità non contino affatto, ma solo il colore della pelle.
Perché ci sono parole che sono tutto.
E altre che sono meno di niente.
Ecco perché si perdono nel buio, oscurità dentro se stessa, nero tra il nero più nero.
D’altra parte, si potrebbe magari titolare scrivendo trovato un cadavere, punto.
Rivenuto il corpo di un uomo, e basta.
Per poi informare e aver cura degli essenziali dettagli nell’articolo, o storia che sia.
Perché il senso, ovvero lo scopo della presenza della pagina, il legame che si palesa tra chi la crea e chi la legge, è quello.
Informare e aver cura degli essenziali dettagli.
Invece, ecco ciò che accade.
Trovato il cadavere di un bianco.
Il corpo di un uo…